Aftercharge – Recensione Xbox One

Ogni videogioco nasce con uno scopo, oltre a quello basilare di proporre un divertimento adatto a qualunque tipologia di giocatore. Alcuni mostrano determinati momenti storici di fatti realmente accaduti nella nostra storia passata, altri raccontare una storia fantastica in cui il giocatore potrà immedesimarsi col protagonista ed entusiasmarsi con lui per ogni luogo visitato in lungo e in largo.

E poi c’è chi nasce con lo scopo di far competere tutto il mondo per dimostrare chi sia il più bravo tra tutti. Tra tutti i titoli usciti al giorno d’oggi ce ne sono pochi che riescono ancora a resistere, raggruppando una community sempre più vasta e riuscendo ad emergere in superficie. Come il gioco di cui vi parlerò oggi, ovvero AfterCharge. Ecco la mia personale esperienza.

Chainsawesome Games, lo studio che si occupa dello sviluppo e della realizzazione del titolo, è riuscito a produrre un gioco appartenente al genere sparatutto che possiede grandi potenzialità per diventare un ottimo titolo anche a livello competitivo e che, come uno studente talentuoso ma un po’ svogliato, deve applicarsi ancora un po’ per poter raggiungere un giorno ottimi risultati anche al pari, o quasi, dei famosi “colleghi” tripla A. Ma andiamo con ordine.

La storia che racconta AfterCharge è piuttosto semplice e banale, facendo capire fin dalle sue prime battute che servirà solo da contorno per la modalità di gioco presente e funzionante (ho usato il singolare non per errore, ma perché per ora è realmente presente una sola modalità di gioco).

Una ditta chiamata Aftercharge Corporation, da cui deriva anche il titolo del gioco, invia sul pianeta Dusk 11 un numero spropositato di moduli energetici con lo scopo di raccogliere la linfa vitale del pianeta chiamata Quanta, prosciugandola del tutto e lasciando morire quelle terre ricche di vita.

All’improvviso un misterioso fulmine cade risvegliando cinque antichi robot, chiamati Worktronic, che ascoltando il grido disperato di quelle terre si ergono a loro difesa cercando di contrastare il piano malefico di questa corporazione. Per farlo però, dovranno vedersela contro cinque Worktronic messi a guardia di questi estrattori che, armati di tutto punto, hanno il compito di difendere gli interessi della corporazione che li ha creati.

Dopo questa premessa potremo finalmente iniziare il nostro gioco nell’unica modalità a disposizione, temporaneamente, chiamata Partita Veloce. Un team di tre personaggi buoni, di cui noi faremo parte e tra cui potremo scegliere il nostro protagonista tra i cinque della fazione, dovrà scontrarsi con un team avversario composto da tre elementi, scelti anche loro tra i cinque membri appartenenti alla fazione dei cattivi, utilizzando le proprie armi e abilità per riuscire a prevalere sull’altro team: i buoni dovranno distruggere tutti i nodi energetici che alimentano gli estrattori mentre i cattivi dovranno trovare ed eliminare gli avversari prima che riescano nel loro intento.

Ogni fazione, per far pendere l’ago della vittoria dalla propria parte, avrà armi e abilità diverse. Le prime possono spaziare tra doppie pistole e fucili mentre per le abilità abbiamo un discorso a parte: noi, paladini della giustizia, saremo dotati di una potentissima schermatura completa che ci rende invisibili per tutto il tempo tranne quando sferreremo un attacco, ma ritorna dopo qualche secondo, oppure quando la distanza tra noi e nostri nemici inizia ad assottigliarsi, mentre gli avversari potranno scovare la nostra posizione sulla mini mappa e ricaricare le loro abilità, tra cui creare scudi energetici, e munizioni usando l’energia che alimenta i nodi energetici dei macchinari atti all’estrazione della materia interessata così da riuscire a eliminare tutti i membri della squadra avversaria vincendo la partita.

Questo bilanciamento permette al titolo di essere ben equilibrato senza creare troppe discrepanze tra le fazioni, dando anche il giusto grado sfida che saprà coinvolgere qualsiasi tipologia di videogiocatori, confidando in un supporto continuo degli sviluppatori atto a migliorarlo sempre di più, soprattutto nell’aggiunta di nuove modalità che riescano a intrattenere ancor di più il pubblico, a livello competitivo e non, dando anche una bella diversificazione al gameplay che tanto male non fa.

Dal punto di vista tecnico AfterCharge si presenta con una grafica molto colorata e ben strutturata, dalle tonalità non troppo pastellose ma che si fondono bene tra loro e con le quattro mappe disponibili, almeno per il momento, creando un bell’effetto visivo.

Non mancheranno le personalizzazioni per ognuno dei dieci personaggi messi a disposizione, con le quali potremo differenziarci dagli altri giocatori. La colonna sonora, sebbene sia composta da musiche non memorabili, riesce bene nell’intento di accompagnare le nostre sparatorie di gruppo. Da segnalare la presenza della lingua italiana in forma scritta.

AfterCharge è un titolo avvincente che saprà regalarvi parecchi momenti di divertimento in compagnia degli amici cercando di elaborare la migliore strategia per riuscire nel completamento della vostra missione, evitando trappole nemiche in cui potreste ritrovarvi nel fuoco incrociato per salvare o rianimare un membro del team in difficoltà o per riuscire ad attirare allo scoperto un nemico creando un diversivo e riuscire a distruggere proprio quell’ultimo estrattore così da vincere la partita.

Considerando il tutto, questo titolo presenta grandi potenzialità e potrebbe diventare un ottimo gioco competitivo, a patto però che venga continuamente sostenuto dal team di sviluppo così da incrementare le proprie possibilità e non finire nell’oblio come altri suoi simili.

Il nostro voto: 8.0

Pros

Pro
  • Ottima struttura
  • Molto coinvolgente
  • Grafica nel complesso ben fatta
  • Grandi potenzialità se sostenuto dai devs

Cons

Contro
  • Una sola modalità
  • Competitivo ancora non accessibile
  • Personalizzazione non molto varia
Annuncio
RASSEGNA PANORAMICA
Voto Complessivo
8.0
Articolo precedenteArc System Works svela un nuovo trailer e il bonus pre-ordine per BLAZBLUE CENTRALFICTION Special Edition
Prossimo articoloFutureGrind – Recensione Nintendo Switch
Allevato dai bit del Commodore 64, ho sviluppato una passione col crescere del tempo che non ho mai rimpianto o sostituito con altro. Cresciuta di console in console, ho deciso di intraprendere la via della tastiera per cimentarmi nell'unica cosa in cui sarà bravo, forse, in tutta la mia vita... Parlare di videogiochi!
aftercharge-recensione-xbox-oneChainsawesome Games è riuscito a produrre un gioco appartenente al genere sparatutto che possiede grandi potenzialità per diventare un ottimo titolo anche a livello competitivo. Ha una struttura di gameplay ben equilibrata he riesce a dare anche il giusto grado sfida che saprà coinvolgere qualsiasi tipologia di videogiocatori. AfterCharge è un titolo avvincente che saprà regalarvi parecchi momenti di divertimento in compagnia degli amici ed ha grandi potenzialità per diventare un ottimo gioco competitivo, a patto però che venga continuamente sostenuto dal team di sviluppo.