ancestors-legacy-recensione-review-giochi-xbox-one-x-4k-hdr-games-paladins

Uno dei generi che preferisco, cosa che ormai chi segue le mie recensioni sa già, è il Real Time Strategy (RTS) ovvero lo Strategico in Tempo Reale. Nel mio cuore Age of Empires non è mai stato surclassato da nessun’altro titolo coetaneo ma devo ammettere che Ancestors Legacy, il titolo di cui oggi vi parlerò, ha minato non poco la supremazia di AoE. Ecco la mia personale esperienza.

Destructive Creations, lo studio originario della Polonia che ha ideato, sviluppato e realizzato il titolo, dopo il suo rilascio su PC, e ottenendo un ottimo successo oserei dire, ha deciso di espandere il suo potenziale entrando anche nel mercato delle console con il supporto del publisher 1C Entertainment così da conquistare nuovi utenti col suo prodotto sapientemente sviluppato e ricco di contenuti.

Ancestors Legacy è un gioco che ci permette di rivivere grandi battaglie del passato attraverso una modalità campagna che si dirama in quattro grandi eserciti di fieri e possenti combattenti: i Vichinghi, gli Anglo-Sassoni, i Tedeschi, e gli Slavi. Abbiamo anche la possibilità di giocare delle bellissime ed intense battaglie multiplayer online in diverse modalità.

Ogni campagna (ve ne sono sei) è composta da cinque capitoli in ognuno dei quali potremo rivivere quei sanguinari momenti attraverso gli occhi dell’esercito con cui avremo deciso di giocare scegliendo tra i due re che si contendono le sorti della guerra.

All’inizio di ogni capitolo avremo una breve presentazione animata che ci illustrerà la storia che antecede il momento della guerra che andremo a rivivere di lì a poco, per poi buttarci nel bel mezzo della mischia.

Fin dai primi minuti di gioco un esaustivo tutorial ci insegnerà i rudimenti di gioco come raggruppare le truppe e ordinarle di raggiungere una determinata area della mappa o di intraprendere una battaglia contro le truppe nemiche per conquistare quella piccola porzione di terra per aumentare la nostra influenza mentre la violenza infiamma lo scontro.

La mappa di gioco sarà tutta da scoprire durante il nostro avanzare mettendo in risalto la zona dove si trovano le nostre truppe riducendone la luminosità su quelle al di fuori della nostra area di interesse. Ma non sarà sempre la guerra a vincere su ogni cosa.

Molto spesso infatti, saremo chiamati ad aguzzare l’ingegno per escogitare una diversa pianificazione strategica a seconda della situazione in cui ci ritroveremo come, per esempio, dover decidere se passare per la strada più corta ma assediata dalle frecce degli arcieri nemici che difficilmente sbaglieranno il colpo oppure optare per la strada più lunga ed evitare qualsiasi colpo per poi prendere di sorpresa i nemici ed eliminarli senza troppa fatica.

Inoltre, non tutte le missioni prevedono di scontrarsi con qualsiasi nemico ci capiti a tiro. Potremo ritrovarci infatti a poter svolgere la nostra missione nascondendoci totalmente ai nostri nemici e riuscendo a portarla a compimento senza inutili spargimenti di sangue e non sacrificando nemmeno uno dei nostri preziosi soldati.

Man mano che avanzeremo per quelle terre irte di pericoli potremo rimpolpare le nostre truppe trovando distaccamenti del nostro esercito sparpagliati in giro per la mappa così da poter diversificare i nostri approcci in guerra e avere più possibilità di vittoria con ogni truppa ritrovata, che potranno diversificarsi in arcieri, lancieri, berseker e fanteria semplice.

In ogni capitolo avremo delle missioni da compiere per andare avanti, soddisfacendo alcuni requisiti, che potranno proporre compiti semplici da svolgere come distruggere un determinato edificio oppure proporre compiti più impegnativi come riunirsi al nostro re disperso per la mappa dopo averlo trovato o sopravvivere alle ondate di nemici per poi avanzare impavidi verso la gloria, o la morte, continuando a compiere queste missioni fino al completamento del capitolo stesso.

Dal punto di vista tecnico Ancestors Legacy si presenta con un comparto grafico degno di nota, basando la quasi totalità della colorazione su tonalità molto scure che rendono bene l’effetto quasi opprimente di poter essere scoperti in qualsiasi momento e di essere sempre in uno stato di tensione in cui potremo ritrovarci alle strette e vedere la nostra situazione di vantaggio capovolgersi in pochi secondi portandoci alla sconfitta più totale. I comandi sono stati ben ottimizzati per essere usati con il gamepad.

Il comparto audio riesce bene nel proprio intento, fornendo un ottimo accompagnamento musicale e rendendo bene l’atmosfera con effetti sonori ben realizzati.

Da segnalare la presenza di sottotitoli in lingua italiana che fungono da ottimo accompagnamento al doppiaggio in madrelingua.

Ancestors Legacy si propone come ottimo titolo appartenente alla categoria degli RTS, riuscendo a divertire e a offrire un’ottima sfida agli amanti del genere, senza esser discriminato dai neofiti che vogliono approcciarsi per la prima volta a questo genere.

Meccaniche variegate, senza differenziarsi dagli standard della tipologia a cui appartiene, una buona grafica e delle buone campagne da essere vissute dall’inizio alla fine, una buona longevità dato che per finire le campagne in single player ci vorranno almeno 20 ore di gioco, un comparto multiplayer online ben realizzato, rendono questo titolo un ottimo acquisto che saprà appassionarvi non poco.

Il nostro voto: 8.5

Pros

Pro
  • Campagne coinvolgenti
  • Brutale quanto basta
  • Grafica curata al dettaglio
  • Controlli ottimizzati per il gamepad

Cons

Contro
  • A volte l’IA lascia a desiderare
  • Può essere ripetitivo

RASSEGNA PANORAMICA
Voto Complessivo
8.5
Articolo precedenteNascar Heat 4 riscalda i motori con un nuovo video di gameplay
Prossimo articoloLa prossima Beta di Monster Hunter World: Iceborne per Xbox One offrirà quattro missioni
Allevato dai bit del Commodore 64, ho sviluppato una passione col crescere del tempo che non ho mai rimpianto o sostituito con altro. Cresciuta di console in console, ho deciso di intraprendere la via della tastiera per cimentarmi nell'unica cosa in cui sarà bravo, forse, in tutta la mia vita... Parlare di videogiochi!