Ary and the Secret of Seasons recensione review Dragonik Gamer4Life xbox one x nintendo switch games paladins nindies indie free game demo

Chi lo dice che l’eroe di una storia deve essere un uomo alto, muscoloso e forte? Anche una ragazzina che sta per raggiungere l’adolescenza può farlo, se dentro di se giace lo spirito di avventura che può farla diventare un vero e proprio valoroso guerriero. Con queste premesse, vi presento la mia personale esperienza con Ary and the Secret of Seasons.

eXiin e Fishing Cactus hanno unito le forze per creare questo titolo e successivamente, grazie all’aiuto di Modus Games, a portarlo sul mercato videoludico attuale.

Non appena inizieremo la nostra Nuova Partita il gioco ci propone l’incipit della storia che vuole raccontarci: ambientato nel mondo di Valdi, un mondo in cui le quattro stagioni lo dividono in altrettante zone, la storia si focalizza su una ragazza di nome Ary che sogna di essere una prode guerriera mentre gioca con i suoi pupazzi.

La sua famiglia è custode della zona invernale e, durante i dialoghi, apprendiamo che suo fratello maggiore Flynn, e successore al padre come custode, è scomparso in circostanze misteriose. Andata al mercato per l’imminente arrivo del Re, il villaggio viene attaccato da alcuni cristalli rossi che, non si sa come, hanno il potere di invertire la stagione presente in quel territorio e, come se non bastasse, da iene umanoidi che inizieranno a mangiare tutto quello che trovano sul loro cammino e, preso il suo coraggio a due mani, Ary deciderà di affrontarli con… un cucchiaio in legno!

In questo modo ci verranno insegnati i rudimenti per attaccare, difendersi, contrattaccare e schivare gli attacchi nemici e, dopo aver distribuito tante legnate ai nemici anche se uno di loro ci lascerà una cicatrice in risposta, ci capita una spada in legno con inciso il nome di nostro fratello.

Stupita da questo ritrovamento la nostra protagonista ritorna a casa mostrando il suo ritrovamento alla madre e, contemporaneamente, scoprire che i quattro custodi delle stagioni devono riunirsi per capire cosa stia accadendo nel mondo di Valdi e come porre rimedio una volta per tutte.

Vista l’impossibilità del padre di Ary, per via della sua preoccupazione a causa della scomparsa del figlio, la nostra protagonista prenderà la decisione di sostituirlo prendendo con se la pietra della stagione invernale e andando nella Cupola delle Stagioni, dove incontrerà gli altri tre guardiani e scoprirà che un antico male giace sigillato al suo interno e che, se venisse liberato, solo il Valoroso Guerriero potrà portare la pace, ancora una volta, sul mondo di Valdi.

In Ary and the Secret of Seasons dovremo fronteggiare non solo con nemici agguerriti ma anche sezioni piene di puzzle ambientali che daranno una sfida abbastanza facile non solo per gli esperti del genere, essendo di facile comprensione, che ci libereranno il passaggio verso l’area successiva oppure ci permetteranno di raggiungere quello scrigno non ancora aperto e ricco di monete da depredare.

C’è da dire anche che in questo titolo la nostra protagonista non salirà di livello guadagnando exp o simili.

Infatti, nei vari negozi che troveremo potremo acquistare armi nuove, cappelli, maschere e vestiti ma saranno solo un abbellimento estetico e nulla più, mentre se vorremo migliorare le nostre capacità potremo acquistare le rune di potenziamento dai sensei canini così da aumentare la potenza dei danni d’attacco, da contrattacco, la velocità di movimento e così via.

Inoltre, Ary potrà usare le quattro stagioni sia per risolvere i vari puzzle che per trarre dei vantaggi in combattimento utilizzando la mossa Solstizio che varia il suo effetto in base alla stagione con cui verrà usata. Ma attenti ai Cristalli Neri! Se sono nei paraggi, annulleranno l’effetto delle nostre pietre.

Dal punto di vista tecnico Ary and the Secret of Seasons pecca di alcuni bug grafici, alcuni dei quali nascosti come l’erba dietro le casette non perfettamente realizzata, oltre a qualche compenetrazione tra gli elementi (durante un salto non proprio perfetto Ary è rimasta incastrata tra due sporgenze di una roccia a causa della corrente del fiume) e qualche rallentamento durante le lotte in cui i nemici superavano le otto unità su schermo.

Non per questo il gioco ha un comparto grafico pessimo, anzi. I modelli poligonali e gli elementi dello scenario sono ben caratterizzati, ma queste sbavature fanno perdere qualche punto.

Il comparto sonoro riesce bene nel suo ruolo di sottofondo accompagnando degnamente le nostre avventure e l’ottimo doppiaggio in lingua inglese accompagnato dai sottotitoli in italiano, tra le altre lingue.

Ary and the Secret of Seasons è un platform che si lascia giocare in maniera davvero scorrevole e che durerà molto tempo, oltre a una storia principale avremo anche missioni secondarie e collezionabili di vario tipo sparsi in tutto il mondo di gioco, occupando davvero tanto del nostro tempo libero.

Al prezzo di € 39,99 rientra in quella fascia di titoli il cui rapporto qualità-prezzo vale ogni centesimo che spendete.

Se vi piace immergervi in avventure fantastiche, questo è il titolo che fa per voi.

Pro

Storia intrigante

Gioco fluido…

Molta libertà d’esplorazione

Contro

Enigmi troppo semplici

… ma non troppo

Non mancano sbavature grafiche e non

RASSEGNA PANORAMICA
Voto Complessivo
7.5
Articolo precedenteUnisciti alla beta di The Falconeer per giocare in anteprima ad uno dei giochi più attesi del 2020
Prossimo articoloGamedec – L’RPG Cyberpunk arriva anche su Nintendo Switch!
Allevato dai bit del Commodore 64, ho sviluppato una passione col crescere del tempo che non ho mai rimpianto o sostituito con altro. Cresciuta di console in console, ho deciso di intraprendere la via della tastiera per cimentarmi nell'unica cosa in cui sarà bravo, forse, in tutta la mia vita... Parlare di videogiochi!