Bee Simulator – Un gioco educativo adatto a tutti – Recensione

Varsav Game Studios realizza un gioco educativo molto interessante adatto a tutta la famiglia.

Vola, vola, vola, vola, vola l’ape … vien subito da canticchiare leggendo il titolo del progetto Bee Simulator sviluppato da parte di Varsav Game Studios ed edito da BigBen Interactive che dà la possibilità unica di vedere il mondo di scala macroscopica dalla prospettiva microscopica di un’ape.

Si potranno pungere le persone? Curiosi? Allora, continuate a leggere

“Quando i primi raggi di luce si alzano sopra l’orizzonte, l’alveare lentamente si risveglia. Gerarchia e diligenza sono vitali per il benessere dello sciame: controlla bene le tue ali, misura il grado di divaricazione delle tue antenne, segui gli ordini della Regina e inizia la tua prima missione. E questo è solo l’inizio delle tue avventure. Improvvisamente, scoprirai che alcuni umani vogliono abbattere l’albero che contiene il tuo alveare. Il tuo destino – e il destino di tutta la tua famiglia risiede nelle tue agili ali e veloci zampette!”

La nostra avventura si svolge in un ambientazione realistica di un parco che ricorda Central Park di New York.

Tre le modalità di gioco arricchite da elementi educativi:

  • Modalità storia
  • Modalità esplorazione
  • Modalità co-op a schermo condiviso

Modalità storia ci introduce ad una famiglia di api ed il nostro compito sarà quello di svolgere missioni affinché l’alveare riesca a sopravvivere alla minaccia chiamata Uomo.

Dopo un tutorial ben strutturato saremo ci troveremo all’interno dell’alveare e potremo ammirare ciò che accade al suo interno. Dopo un breve colloquio con l’ape regina saremo pronti ad affrontare l’avventura e a raccogliere polline a più non posso.

Oltre alla ricerca di polline in giro per il parco, molto bella la funzione che ci permette di “vedere come un ape”, lotteremo contro altri insetti in combattimenti a turno e, grazie alla pressione a ritmo dei tasti nella sequenza che appare sullo schermo, uscirne o meno vittoriosi.

Affronteremo gare di volo, che consistono nel passare all’interno di anelli colorati seguendo un sentiero predefinito, i nostri simili affinché ci indichino dove trovare determinati tipi di polline e/o prossimo luogo utile da visitare.

Non mancheranno gare di ballo(!) dove saremo tenuti a ripetere le piroette dell’ape posta in fronte a noi.

Durante lo svolgersi della storia incontreremo varie specie di animali ed insetti, tutti questi incontri verranno registrati nel nostro diario consultabile ogni volta che entreremo nella stanza dei “trofei” all’interno dell’alveare.

Questa sezione è molto utile in quanto accanto ad ogni trofeo raffigurante l’animale”sbloccato” -attenzione che per sbloccarli dovremo spendere dei punti guadagnati grazie alle missioni- troveremo informazioni utili di carattere scientifico e curiosità, oltre che modelli 3d interattivi da guardare per arricchire il nostro bagaglio “naturalistico” e culturale.

Interessante anche lo sblocco delle skin che ci permetteranno di customizzare la nostra apina.

La modalità esplorazione ci consente di scoprire e svolazzare liberamente all’interno del parco.

La modalità a schermo condiviso ha al suo interno due tipi di gioco: cooperativo e competitivo (piccole sfide e gare) oltre all’aggiunta di una mappa che arricchisce ulteriormente il gioco.

Non contiene nessuna violenza: adatto a tutta la famiglia, Bee Simulator è a tutti gli effetti un gioco educativo, ad ogni schermata di caricamento è associata un immagine, una notizia oppure una curiosità riguardante il mondo delle api.

Mikołaj Stroiński, compositore colonna sonora The Witcher 3 e The Vanishing si è occupato delle musiche piacevoli e rilassanti.

Informazione importante:

Per ogni copia del gioco venduta, 1€ verrà donato a 3Bee in modo da arrivare ad adottare un alveare, capace di salvare così ben 60mila api e di assorbire indirettamente oltre 300Kg di CO2.

 Per maggiori informazioni, visita: https://iltuoalveare.it/

Ed ora la risposta alla domanda: (Si potranno pungere le persone?)

Sì, si possono pungere le persone però in maniera lieve. eheh

Vi ricordo che quando l’ape quando punge  un essere umano o un mammifero molto spesso va incontro alla morte.

Il perché è dovuto al pungiglione, munito di uncino, che a contatto con la sottile pelle degli esseri umani e degli altri mammiferi rimane impigliato. Nel tentativo di togliere l’aculeo, il più delle volte l’ape si strappa la parte finale dell’addome e muore così qualche minuto dopo.

Il nostro voto: 8.5

Pro

  • gioco educativo
  • grafica curata
  • tematica originale
  • musiche
  • cura dei dettagli

Contro

  • il controllo della telecamera
  • sensibilità dei comandi da migliorare leggermente
  • piccoli bug
Annuncio
RASSEGNA PANORAMICA
Voto Complessivo
8.5
Articolo precedenteDeck13 e Monolith of Minds annunciano Resolutiion, una nuova avventura “Zeldesca”
Prossimo articoloLogitech G Adaptive Gaming Kit crea nuove possibilità per i Gamer affetti da disabilità
bee-simulator-un-gioco-educativo-adatto-a-tutti-recensioneLa nostra avventura si svolge in un ambientazione realistica di un parco che ricorda Central Park di New York. Tre le modalità di gioco arricchite da elementi educativi: Modalità storia Modalità esplorazione Modalità co-op a schermo condiviso Durante lo svolgersi della storia incontreremo varie specie di animali ed insetti, tutti questi incontri verranno registrati nel nostro diario Non contiene nessuna violenza: adatto a tutta la famiglia, Bee Simulator è a tutti gli effetti un gioco educativo, ad ogni schermata di caricamento è associata un immagine, una notizia oppure una curiosità.