Bite The Bullet recensione review Andrea Murtas giochi xbox one series x 4k hdr games paladins

Bite The Bullet è uno shooter interessante con una formula di gioco e uno stile grafico, che lo avvicina alla serie Metal Slug di SNK ma al tempo stesso aggiunge degli elementi unici che lo rendono divertente e allo stesso tempo assurdo.

Il nostro strambo eroe, una sorta di Rambo geneticamente modificato, oltre che trivellare di colpi i nemici che invadono lo schermo, potrà mangiarli.

Esatto nel titolo di Mega Cat Studios, e pubblicato da Graffiti Games, si potrà divorare i resti dei vari nemici per accrescere di livello e modificare il proprio aspetto.

Non solo i nemici ma anche altri elementi presenti a schermo possono essere divorati ed utilizzati per far crescere il nostro personaggio, lo sviluppo delle sue abilità e per la creazione delle armi.

Insomma come recita lo slogan del gioco Bite The Bullet è il primo Corri & Spara & Mangia al mondo.

Bite The Bullet è ambientato in futuro dove le risorse del pianeta sono al limite a causa di una sovrappopolazione e dell’inquinamento, per far fronte a questo problema degli scienziati hanno creato i “Bionodi”, degli impianti in grado di far mangiare all’essere umano qualsiasi cosa che sia organica o meno.

Come spesso accade questa trasformazione sfugge di mano portando il genere umano a nuove mutazioni e alla nascita dei GHOUL. I più fortunati riuscirono a fuggire dal pianeta per trasferirsi in altre parti della galassia, dove negli anni sono riusciti a sopravvivere e proliferale. I restanti hanno scatenato una guerra e portato la terra alla devastazione.

In tutto questo caos entriamo in scena noi ed il nostro alter ego Chewie (o Chewella in caso scegliamo di interpretare il personaggio femminile), mercenari dotati di tante abilità e di uno stomaco di ferro che per conto della Darwincorp, una società biologica molto avanzata e allo stesso tempo avida, dovremo girare la galassia in cerca di materiale genetico.

Lo scopo delle nostre scorribande lungo la cinquantina di livelli disponibili, tutti molto diversificati e ricchi di passaggi e livelli segreti, è quello di recuperare determinati tipi di materiale genetico proveniente dalle “involontarie” creature e allo stesso tempo adempiere ad alcuni compiti segreti.

Pad alla mano il titolo di Mega Cat Studios non si differenzia dalla maggior parte degli Action Plaftorm 2D presenti sul mercato, con salti, possibilità di cambiare le armi, eccetera.

Fa naturalmente eccezione la meccanica principe del titolo ovvero la possibilità di raccogliere o meglio ingurgitare le varie sostanze organiche o meno dai nemici e dall’ambiente di gioco, che determineranno l’aspetto e le caratteristiche del nostro alter ego virtuale.

Tutto quello che ingurgitiamo depositiamo nel nostro super stomaco ci fornirà calorie, grassi e proteine. In base al numero di ognuna di queste avremo della capacità differenti, mangiando numerose proteine saremo più agili e forti e allo stesso tempo più bisognoso di risorse, mentre aggiungendo più grassi alla nostra dieta diventeremo più lenti e goffi, come evidenziato dalla nostra pancetta virtuale, ma più resistenti a gli attacchi nemici.

Insomma la nostra dieta determinerà il nostro stile di gioco. Quando abuseremo del cibo saremo poi costretti a smaltirlo attraverso un “rigurgito” o se ne abbiamo la possibilità trasformando le sostanze accumulate in mods per le nostre armi.

In altri casi l’accumulo di sostanze ci permetterà di trasformarci in una creatura simil Hulk, chiamata Zombro, che ci permetterà attraverso degli attacchi ravvicinati, ma potentissimi, di eliminare in nemici con facilità.

Potremo anche modificare geneticamente il nostro eroe attraverso un albero delle abilità, attraverso quattro classi distinte; Carnivoro, Erbivoro, Onnivoro e Robovoro che poi permetteranno di assimilare più sostanze o di sbloccare ulteriori abilità che ci serviranno nel proseguo dell’avventura contro i Ghoul.

Dal punto di vista grafico Bite The Bullet è molto vicino alla serie di SNK, con una grafica pixellosa in stile 16 bit gradevole e con degli scenari e personaggi colorati e ricchi di dettagli.

Una nota dolente sono le traduzioni dei vari menu e dei dialoghi di gioco, in alcuni casi completamente assenti in altri sono presenti elementi a schermo, come i menu dei suggerimenti, che hanno frasi in parte in Italiano ed in parte in inglese, niente di problematico, ma è comunque giusto segnalarlo.

Post-lancio, grazie ad un’aggiornamento gratuito per tutte le piattaforme, arriverà la modalità Synthwave grazie alla quale i giocatori saranno in grado di giocare a Bite the Bullet con colori tipici della synthwave mentre ascoltano la musica di artisti sorprendenti, tra cui Waveshaper, Night RunnerRetröxx e Magic Sword. Troveremo anche un NPC (Divinità Synth) nascosto che sarà accessibile tramite teletrasporto.

Molto carine le animazioni del nostro personaggio che evidenziano la nostra dieta e quella legata alla trasformazione in Zombro.

Un plauso anche ai vari effetti di luce e alla colonna sonora, che risulta sempre gradevole ed appropriata alla situazione.

Bite The Bullet è uno gioco davvero interessante e soprattutto divertente da giocare e grazie alla demo disponibile per Xbox, potete dargli un’occhiata per valutarne l’acquisto ad un prezzo abbastanza accessibile di 14,99 euro (in sconto lancio a 11,99 euro fino a domani, giorno di uscita su Xbox).

Pro

  • Graficamente curato
  • Il sistema Mangia, Corri e Spara funziona perfettamente
  • Tante opzioni a disposizione per Personaggi e Armi

Contro

  • Traduzioni dei dialoghi e di alcuni elementi di gioco da rifinire
  • Il sistema di progressione dei livelli andrebbe perfezionato
Interessante e divertente

1 commento

Comments are closed.