blind men cj hellectric recensione review nintendo switch giochi games paladins nindies indie switchcorps

Ebbene si, cari lettori! Pure CJ si è trovato davanti al dover recensire una visual novel. Il boss ha deciso ed io eseguoGrazie a quest’assegnazione videoludica ho scoperto di essere un po’ come un’anziana davanti a Rete 4 durante l’ora della telenovela: emozione a mille!

Premetto che questa per me è la prima esperienza con una graphic novel e, se all’ inizio ero un po restio e scettico, adesso posso affermare tranquillamente che mi non mi è dispiaciuto affatto.

Incredibilmente mi ha appassionato e mi ha fatto venire voglia di approfondire questo genere di giochi che avevo sempre snobbato. (ora il passo a guardare le telenovelas messicane è molto, molto breve…eheheh)

Blind Men sviluppato da Man-Eater Games, software house specializzata in graphic novels di alta qualità mirate al mercato anglosassone e spagnolo, arriva su console grazie a Ratalaika Games.

Complice una storia riuscita, illustrazioni fatte davvero bene e colpi di scena nella storia, Blind Men mi ha letteralmente appassionatoOvviamente sono consapevole che questi prodotti non possono definirsi del tutto giochi ma una cosa sanno farla molto bene: intrattenere!

Già, parola dopo parola (questo titolo vanta 50k e più parole al suo interno) e scena dopo scena, ci si ritrova sempre più immersi nella trama mentre il tempo attorno a noi passa senza che c’e ne rendiamo conto.

Che cosa racconta Blind Men?

Le vicende di questa graphic novel narrano la storia di Keegan, nipote di un super criminale in pensione, che vuole a tutti i costi seguire le orme dello zio. Un giorno gli si presenta finalmente davanti l’occasione e, senza pensarci su due volte, la coglie al volo. Purtroppo per lui però le cose si mettono male perché alle calcagna non ha una, ma ben due spie di agenzie diverse che stanno indagando sulla sua famiglia e sui loro loschi piani. Ora il problema è soltanto uno: Keegan sarà all’altezza della situazione?

Ed è qui che entriamo in gioco noi lettori/giocatori.

Una storia di spionaggio, contro spionaggio, di amori ambigui e colpi di scena. Di fantascienza e furti di diamanti… un copione davvero ben riuscito, terrà il giocatore incollato e chiederà a lui di decidere, tramite risposte multiple come (e se) deve proseguire la storia.

Il gioco presenta ben dodici finali diversi! Sta a noi guidare la vicenda come meglio crediamo (nel mio caso la prima volta il protagonista è morto dopo un ora di gioco…ah, le scelte sbagliate) per scoprire i vari finali e sbloccare le quindici illustrazioni uniche da rivedere poi nella sezione galleria.

La giocabilità, come avrete già capito, è semplicissima:

Leggere il testo, premere un bottone per proseguire con la lettura (o nel caso un’altro per tornare indietro) e poi, quando si presenta l’occasione, con la freccia direzionale, scegliete la risposta.

Interessante la compatibilità con il touch screen di Nintendo Switch che vi permette di omettere quasi del tutto l’uso dei bottoni scorrendo i dialoghi o scegliendo direttamente le risposte grazie al tocco di un dito.

Il comparto grafico è pressoché perfetto: disegni da anime giapponese in HD con ottima ambientazione, colori e personaggi.

Stesso discorso per il comparto sonoro: azzeccato in ogni situazione con musiche originali create ad hoc per dare più enfasi alla recitazione dei personaggi ed alle vicende narrate sullo schermo.

Interessante anche le (piccole) parti narrate, recitate molto bene da parte degli attori che riescono a dare la giusta carica emotiva ai personaggi.

Come ho scritto in apertura, il gioco è sviluppato da una software house che tratta solo titoli per lo più scritti/parlati in inglese/spagnolo fa eccezione Blind men che contiene pure il tedesco. Inutile dirvi che non è presente l’italiano. Siete avvisati quindi, se non conoscete queste lingue il titolo non conviene nemmeno provarlo.

Piccola curiosità: lo spagnolo, scritto, non è perfetto ci sono infatti alcuni errori di grammatica abbastanza evidenti.

Il comparto tecnico non presenta difetti od imperfezioni. I comandi rispondono bene sia in modalità portatile che in quella TV.

La longevità del titolo? dipende tutta da voi e dalle scelte che effettuerete strada facendo nella storia.

Conclusione

Blind Men è una interessante Graphic Novel, disegnata bene, con ottimi personaggi ed una trama coinvolgente. Gioco consigliato non solo agli amanti del genere ma anche a chi non si è mai cimentato in questo tipo di giochi il sottoscritto). Un’ottima sorpresa.

Pro

  • Trama
  • Musiche
  • Grafica

Contro

  • Assenza lingua italiana