Brightstone Mysteries Paranormal Hotel recensione review Ghido Core Gamer nintendo switch games paladins nindies indie free game demo.png

Una tranquilla vacanza in Costa Azzurra si trasforma all’improvviso in un’indagine ai limiti della realtà. In fondo passare dalla sdraio all’incontrare Cleopatra è un attimo…

Brightstone Mysteries: Paranormal Hotel è un’avventura punta e clicca dalla forte componente investigativa. Il gioco è stato sviluppato da Cateia Games, mentre il porting per Nintendo Switch è stato curato da Ocean Media Games con pubblicazione su eShop il 23 Luglio 2020.

Questa avventura si distacca leggermente dai tradizionali punta e clicca; le scene di ricerca oggetti sono ridotte all’osso, mentre la componente narrativa è ampia e approfondita.

Durante l’indagine prenderemo parte a numerosi dialoghi, atti a svelare i misteri paranormali che ci circondano.

TRAMA

L’ispettore del NYPD Bridget Brighstone, amichevolmente chiamata Biggi, è in vacanza. Durante le proprie ferie viene chiamata dal Capitano del dipartimento e mandata ad indagare su un misterioso furto in un albergo di lusso francese.

La giovane detective americana prenderà parte in via ufficiosa alle indagini, trovandosi fuori dalla propria giurisdizione e in contrasto con un burbero detective francese.

Arrivata in albergo, raccoglierà quante più informazioni possibili sul furto e sulla povera vittima della rapina, nel frattempo caduta in coma.

Biggi si accorgerà ben presto che nell’albergo vagano strane presenze. Apparizioni di entità astratte, supportate dalle strane dichiarazioni del proprietario dell’albergo, porteranno l’indagine verso una dimensione mistica e paranormale.

Da una sdraio in riva al mare, passando per un’indagine, arriveremo a difendere il mondo dal ritorno di un antico male e non saremo soli, Cleopatra sarà solo uno dei nostri alleati in questa guerra.

GRAFICA

L’aspetto meno convincente di tutto il gioco è quello visivo. Il titolo originale è uscito nel 2013 e la grafica risulta già vecchia per quell’epoca.

Il lavoro di Porting non ha fatto nulla per modernizzare questo aspetto, giocando sia in modalità TV che portatile appare evidente la scarsa qualità dei video del gioco.

Per quanto riguarda le scene statiche, è comunque forte l’impressione di essere davanti ad un gioco visivamente obsoleto.

SONORO

Le musiche del gioco risultano gradevoli. Durante le indagini saremo accompagnati da un discreto numero di tracce audio in grado di enfatizzare sia la fase investigativa che quella più mistica dell’avventura di Biggi.

Differente il discorso per i dialoghi, presenti solamente nei video. Ci troveremo spesso a leggere righe e righe di testo, senza il conforto di nessuna voce narrante. Sinceramente qualche voce narrante in più poteva donare un miglior ritmo alla narrazione.

LOCALIZZAZIONE

Il gioco è localizzato in italiano per quanto riguarda i sottotitoli. La traduzione è efficace, ma non immune da difetti. Tra i principali troviamo che spesso la protagonista si riferisce a se stessa con articoli di genere maschile, i personaggi al loro primo incontro si danno allegramente del “Tu” (classico tra direttori di alberghi 5 stelle e ispettori della polizia) e invece viene dato del “Lei” in modo Fantozziano all’utente. Queste sbavature non influenzano negativamente l’esperienza di gioco, ma risultano alquanto grottesche.

Da sottolineare un buon numero di citazioni a carattere umoristico e nerd,  curate molto bene anche nella traduzione.

LONGEVITÀ

Quando si valuta un gioco di questo genere si sa già che tendenzialmente l’avventura ha una durata contenuta. Spesso per arricchire l’esperienza di gioco vengono aggiunti alcuni minigiochi e collezionabili. In questo caso la Longevità risulta scarsa perché sono presenti pochissimi minigiochi e completamente assenti i collezionabili.

Con un tempo di circa 3 ore è possibile completare tutta la storia. Uno degli obiettivi prevede di finire il gioco in meno di 2 ore.

Nemmeno la presenza di 3 livelli di difficoltà e qualche trofeo sono in grado di allungare l’esperienza di gioco e inoltre rigiocare l’avventura non regala nessuna aggiunta o variazione.

GAMEPLAY

La giocabilità è buona, su questo punto però ci tengo a fare una precisazione: con il touchscreen il gioco ha una marcia in più.

Partiamo dai comandi fisici; Brightstone Mysteries: Paranormal Hotel può essere giocato solo con il Joy-Con destro. I comandi sono la levetta destra per muovere il cursore sullo schermo il tasto ZR per eseguire le azioni. Questo sistema di controllo, nonostante preciso, è dannatamente lento. Si sente la mancanza di opzioni come il viaggio rapido o la semplice pressione di un tasto per tornare nella schermate precedente.

Con il touchscreen, come detto in precedenza, il gioco migliora decisamente. Premendo semplicemente l’area desiderata sullo schermo, si potranno eseguire tutte le azioni di gioco. Questo metodo di gioco risulta molto più pratico sia nei minigiochi che per le azioni di movimento da un set all’altro della nostra indagine.

PORTING

Come accennato in precedenza il Porting risulta buono per quanto riguarda il Gameplay, ma troppo minimale dal punto di vista grafico. Qualche miglioramento soprattutto per la risoluzione dei video sarebbe stato un ottimo valore aggiunto.

Tutto sommato l’esperienza di gioco è perfettamente fruibile su Nintendo Switch, sia in modalità TV che portatile.

CONCLUSIONE

La mia prova è durata poco più di 3 ore. Ho completato la campagna principale una volta su un televisore LG 49″ e in seguito ho provato mezz’ora il touchscreen in modalità portatile.

La resa grafica sul televisore è stata alquanto deludente, ho trovato leggermente migliore la qualità sul piccolo schermo.

Mi sono trovato davanti ad un gioco dalla buona trama, in grado di farmi passare un piacevole pomeriggio. Le citazioni Nerd e la buona colonna sonora sono stati per me un valore aggiunto durante la mia partita.

Considerando il buon prezzo di lancio, solo 9,99€, l’ottima trama e al netto di qualche difettuccio, mi sento di consigliare Brightstone Mysteries: Paranormal Hotel a giocatori inesperti e ad amanti delle avventure grafiche ricche di mistero.

Pro

  • Trama interessante
  • Sonoro coinvolgente
  • Citazioni Nerd divertenti
  • Comandi reattivi, soprattutto il touchscreen

Contro

  • Graficamente obsoleto
  • Scarsa longevità

 

RASSEGNA PANORAMICA
Trama
9.0
Sonoro
8.0
Gameplay
8.0
Localizzazione
7.5
Porting
7.0
Longevità
5.0
Grafica
5.0
Articolo precedenteNBA 2K21 – Erick Boenisch ci illustra un bel pò di novità sul gioco
Prossimo articoloNuovi contenuti per i giochi di Dragon Ball – Informazioni e trailer
Staccato il ciuccio dalla bocca ho preso un pad in mano per non mollarlo più, non son un Pro Gamer, cerco l'essenza del gioco.