Car Mechanic Simulator Pocket Edition-recensione-review-nintendo-switch-giochi-games-paladins-nindies-indie

Nel vastissimo panorama videoludico odierno si trova davvero di tutto, e sempre più spesso capita di trovare produzioni che non si possono definire videogiochi, ma piuttosto esperienze. Oggi ho per le mani Car Mechanic Simulator Pocket Edition, che come è facile capire dal nome, ci mette a disposizione un’intera officina in cui dilettarsi nell’arte della meccanica, simulando appunto l’affascinante mondo del meccanico automobilistico, senza però doversi sporcare le mani. E ora in piena portabilità grazie a Nintendo Switch.

Red Dot Games è il team polacco che sta dietro a questo titolo uscito inizialmente su PC, e successivamente su tutte le console casalinghe. La versione uscita su Switch non è la stessa che abbiamo provato poco tempo fa sulle console “grandi”, bensì un adattamento di Car Mechanic Simulator 2015, che è stata la versione tutt’oggi più popolare sulla piattaforma Steam.

Quello che più mi preoccupava, ancor prima di avviare il gioco, era l’adattamento dell’interfaccia e dei comandi con il passaggio su console, senza l’ausilio di mouse e tastiera. Fortunatamente i miei dubbi sono scomparsi appena ho iniziato a giocare, dato che le possibilità di azione sono tante, ma tutte ben organizzate anche usando i Joycon, con comandi semplici e intuitivi che in breve tempo imparerete senza problemi.

Proprio come nella realtà partiremo con un’officina di piccole dimensioni, che andrà mano a mano migliorata e ampliata spendendo punti abilità che guadagneremo accumulando esperienza da ogni lavoro portato a buon fine. Inizialmente avremo due ponti per lavorare sulle auto dei clienti di turno e inoltre l’evoluzione dell’officina comporta anche nuovi strumenti utili a velocizzare le lavorazioni o a crearne di nuove.

Insomma avremo un bel po’ di cose da spulciare e sbloccare, e i più appassionati ci metteranno diverse ore per creare l’officina dei propri sogni.

Dalla nostra postazione di lavoro potremo scegliere alcune lavorazioni da prendere in carico, controllare le richieste del cliente o gli eventuali dubbi sul funzionamento del veicolo, e operare di conseguenza per rimettere in sesto la vettura e renderla come nuova.

Se siamo fortunati avremo già chiaro il problema da risolvere, altrimenti starà a noi scovare un malfunzionamento o valutare l’usura di un determinato pezzo. Una volta identificato il problema, si comincia a stilare una lista della spesa con tutti i pezzi di ricambio necessari, che potremo acquistare da un comodo pc che ha accesso ad un portale, diviso in categorie, dove potremo acquistare tutto il necessario.

I pezzi a disposizione sono davvero tanti: filtri aria, collettori, scarichi, freni, pastiglie, sospensioni, vetri, carrozzeria, iniettori, candele e chi più ne ha più ne metta. C’è da perderci la testa, ma tutto è ben organizzato ed è anche possibile cercare i pezzi con un comodo strumento di ricerca.

Come anticipato, le cose da fare sono davvero tante, e piano piano impareremo a mettere mano su ogni componente della vettura rendendo ogni riparazione sempre più veloce ed efficace.

All’inizio faremo dei rapidi tagliandi per imparare le dinamiche del gioco, attività come cambio olio o sostituzione delle pastiglie dei freni. Ma andando avanti nel nostro business, passeremo a lavorazioni ben più articolate, come la sostituzione delle sospensioni (con smontaggio e rimontaggio di tutto l’ammortizzatore ad esempio) oppure andremo ad operare sui singoli componenti del motore. Ma le attività non terminano certo qui.

Rimettere a nuovo le auto dei clienti è sicuramente interessante e redditizio in termini di esperienza e denaro, ma quanto può essere appagante aggiudicarsi un rottame all’asta e dargli nuova vita? E nessuno vi vieta di poterlo poi rivendere per poter guadagnare un bel gruzzoletto.

Le auto presenti in gioco sono interamente smontabili, ben fatte e rimandano chiaramente a modelli presenti sul mercato che riconoscerete senza difficoltà. Tutte le parti meccaniche sono ben strutturate ed effettivamente ricalcano le controparti reali, sebbene vengano riprodotte in maniera semplificata. L’impatto grafico non vi lascerà a bocca aperta, ma è curato al punto giusto.

Car Mechanic Simulator Pocket Edition è un titolo che mi ha stupito, perchè sebbene non abbia un tasso di sfida particolarmente alto, risulta rilassante e ricco di cose da fare, che potrebbero diventare ripetitive dopo un po’, ma la voglia di fare sempre quel passo avanti che porta ad un miglioramento della propria officina vi spingerà ad andare avanti.

C’è tanta carne al fuoco, ed è realizzato piuttosto bene se pensiamo alle dimensioni del team di sviluppo. Il genere è sicuramente di nicchia, ma come ha trovato terreno fertile nel mondo pc, anche su console ha tutte le carte in regola per fare bene, specialmente grazie alle qualità della piccola console Nintendo.

Il nostro voto: 7.5

Pro

  • Tante cose da fare
  • Le parti meccaniche sono ben strutturate e ricalcano le controparti reali
  • Gestione con il pad ben fatta
  • Rilassante

Contro

  • Colonna sonora invadente e poco in linea con il gameplay
  • Un po’ di sfida in più non guasterebbe
  • Sarebbe stato meglio una versione con contenuti allineati alla versione più recente
RASSEGNA PANORAMICA
Voto Complessivo
7.5
Articolo precedentePQube e Level 91 annunciano Inertial Drift, un gioco di drift con controllo twin-stick
Prossimo articoloZombieland: Double Tap – Road Trip, lo sparatutto co-op ispirato alla serie horror, è disponibile per Console e PC
Product and graphic designer. Amateur photographer, freeride and downhill rider, cars and bikes lover. • PFB Design