clouds-and-sheep-2-recensione-review-nintendo-switch-games-paladins-nindies-indie-free-game-demo-fortnite

Anche se più titoli appartengono allo stesso genere, non è detto che si assomiglieranno in tutto e per tutto. Infatti, un esempio è dato dal titolo di cui oggi vi andrò a parlare che trasforma il detto “nuvole a pecorelle” in una meccanica di senso compiuto. Ecco la mia esperienza personale con Clouds & Sheep 2.

Handy-Games, lo studio che si cela dietro lo sviluppo del titolo e conosciuta anche per titoli come Aces of the Luftwaffe: Squadron, Giana Sisters: Twisted Dreams – Owltimate Edition e Jagged Alliance: Rage!, è riuscita a portare uno dei suoi piccoli capolavori anche sulla console ibrida di ultima uscita della casa Nintendo, cercando a modo suo di proporre un prodotto che risulta essere molto somigliante ad altri titoli molto famosi appartenenti al genere gestionale. Badate bene a considerarlo estremamente facile perché potreste cadere in errore a sottovalutarlo.

Non appena inizieremo la nostra partita comparirà sul nostro schermo una piccola, candida, innocente e bianca pecorella tramite la quale il gioco ci darà le prime indicazioni per muoverci al meglio: in pratica dovremo soddisfare tutte le richieste e i bisogni di quel piccolo animale che vediamo sullo schermo o di tutte le pecore che aumenteranno sempre di più col progredire della “storia” (scritto di proposito tra virgolette perché come da prassi per questi giochi non esiste una storia vera e propria ma solo un piccolo input che non trova mai fine).

All’inizio le richieste saranno molto semplici per diventare man mano complesse, ma non troppo, in base al livello che raggiungeremo nella nostra partita aumentando la difficoltà e l’impegno del giocatore verso il compito che gli viene affidato dal titolo.

Inoltre, più avanzeremo più otterremo ricompense atte alla personalizzazione dei nostri amici belanti così da contraddistinguere l’uno dall’altro.

Il nostro piccolo gregge inizierà a espandersi, e differenziarsi per il sesso dei nostri amici ovini, nel corso della progressione della nostra partita in tre modi diversi: automaticamente, cioè il gioco farà entrare una nuova pecora autonomamente, far innamorare due pecore di sesso opposto, così da generare un piccolo agnellino dal loro amore che andremo a unire con una nuvola presente nello sfondo, o pagare 5 stelle, una specie di valuta che potremo guadagnare durante il nostro gioco soddisfacendo determinate missioni oppure ottenendole una volta che avremo portato il valore della felicità di una delle pecore al massimo.

Ma nel nostro prato verde si nasconde un’insidia davvero malvagia, ovvero il fungo velenoso. Se ingerito dai nostri amici di lana può mettere in serio pericolo la loro salute e spetterà a noi poi risolvere il problema utilizzando le nostre iniezioni di antidoto, che troveremo nella nostra valigia e si potranno contare sulle dita della mano, ma che potremo anche evitare di usare se riusciremo a distruggerlo prima che una delle nostre creaturine cerchi di assaggiarlo.

Di tanto in tanto alcuni elementi dello scenario, come fiori e alberi, inizieranno a brillare permettendoci di raccogliere altri oggetti per continuare la nostra crescita e lo sviluppo del gregge come, per esempio, i fiori rilasceranno tre cuori che, sommati al nostro totale e spesi insieme alle stelle, ci permetteranno di comprare nuovi alberi da piantare contribuendo al ripopolamento della flora utile alla costruzione e all’ottenimento di nuovi e utili oggetti.

Forse l’introduzione di qualche novità in questa versione avrebbe dato un nuovo lustro, ma risulta piuttosto valida anche così com’è.

Dal punto di vista tecnico Clouds & Sheep 2 si presenta con un comparto grafico che sembra immutato rispetto alla sua precedente versione per le altre console, restando però sempre a un livello qualitativamente alto.

Gli sfondi e ogni elemento che lo caratterizza sono realizzati in maniera colorata e cartoonesca risultando più adatto a un pubblico più giovane senza però essere scartato a priori dai più formati in materia. La risoluzione resta fissa a 1080p in modalità televisione mentre cala a 720p se si gioca da portatile, ma risulta perfettamente godibile senza nessun problema in tutte le modalità.

Il comparto sonoro è composto da melodie piuttosto piacevoli, anche se non contano brani particolarmente memorabili. Da segnalare la mancanza della lingua italiana in forma scritta, ma il livello d’inglese usato è molto semplice e può essere compreso senza nessun problema.

Clouds & Sheep 2 è un gestionale che rivede il suo genere, proponendosi come valida alternativa ad altri suoi pari. Anche se risulta un po’ lento all’inizio riesce comunque a essere un buon titolo per sessioni mordi e fuggi in quei momenti di vuoto totale, soprattutto per l’ottimo rapporto qualità-prezzo proposto, costa € 9.99, permettendo inoltre di salvare i nostri progressi sul Cloud tramite il supporto del Nintendo Switch Online.

Il nostro voto: 6.0

thumbs-up-icon
Pro
  • Grafica ben strutturata
  • Supporto completo del Nintendo Switch Online
  • Ideale per qualche minuto di divertimento

thumbs-down-icon
Contro
  • Il già visto è dietro l’angolo
  • Nessun contenuto speciale per la console
  • Missioni secondarie troppo facili e ripetitive