Country Tales – Recensione Nintendo Switch

Il 30 luglio scorso Country Tales è finalmente arrivato su Switch (grazie al porting ed alla pubblicazione a cura di Ocean Media). Una nuova avventura gestionale dove impersoneremo Ted, un giovane agricoltore che non si sentiva soddisfatto della propria condizione di vita e decide di partire per la città e di finire gli studi, cosi da puntare a qualcosa di più.

Finiti gli studi e arrivato il momento di trovare un lavoro, si trasferì a Sunset Hills dove diventa assistente presso l’ufficio del sindaco, conoscendo anche la bellissima Catherine.

Sfortunatamente era la giovane compagna del sindaco, ma niente e nessuno potrà fermare le grandi ambizioni di Ted e cosi ha inizio la nostra avventura in Country Tales.

La nostra avventura come assistente nell’ufficio del sindaco ci vedrà iniziare dai sobborghi cittadini e si svolgerà in vari scenari, dove avremo vari compiti da completare prima di passare al successivo scenario.

Se completeremo tutti i compiti a noi assegnati in tempo riceveremo anche delle stelle bonus, al contrario avanzeremo senza di esse ma avremo comunque la possibilità di giocare ogni scenario passato per poterlo completare al 100% e far vedere di cosa saremo capaci con le nostre capacità manageriali al sindaco, e alla bella Chaterine.

Ci verranno dati anche svariati suggerimenti su come incrementare le nostre doti e completare in tempo ogni livello.

Il vecchio West manageriale, per un’avventura estiva tutta da vivere col massimo del relax

Chi non ha mai sognato di vivere nel vecchio west? In questo titolo potremo vivere la nostra personale avventura da manager di villaggi nel vecchio west, tra la raccolta di risorse, riscossione dei tributi, avremo il nostro bel da fare, dovremo anche stare attenti a non dimenticarci della felicità dei nostri amati concittadini. Tutto questo senza troppo stress. In un stile che su Switch rende al massimo.

Ha una mappa ben fatta, man mano che avanzeremo sbloccheremo anche nuovi edifici e i relativi potenziamenti per essi, la difficoltà per ogni livello poi la potremo scegliere noi in base alle nostre abilità. Vi ricordo che se non finirete il livello in tempo potete sempre tornarci dopo con tutta calma e cercare di prendervi le vostre meritatissime stelle bonus.

Gioco punta e clicca, un classico per gli amanti dei casual game management, con uno stile tutto suo del Far West con colori vibranti e vivaci. Ci terranno compagnia lungo i ben 40 livelli anche personaggi ben caratterizzati e unici nel loro genere.

Come detto in precedenza il gioco lo potremmo giocare in totale relax, questo non vuol dire che per gli amanti della sfida non ci sia nulla, infatti sono a disposizione dell’utente ben 3 modalità di gioco: relax, a cronometro ed estrema. Tutto questo per centinai di missioni da portare a termine.

Lo stile del vecchio west rivisitato e portato ai giorni nostri

Uno stile che non stanca mai e anzi ci terrà compagnia durante tutte le missioni, con i suoi personaggi caratteristici ci guiderà per capire bene cosa avremo a disposizione per far crescere la cittadina nel migliore dei modi, avremo a disposizione un sacco di edifici, oltre alle classiche case, ci saranno falegnamerie, chiese, torri idriche, templi per gli sciamani, mercati e molti altri ancora, tutti con la possibilità di essere potenziati per svolgere al meglio il loro scopo.

Anche i nostri lavoratori potranno essere potenziati, tutto questo servirà a ridurre i tempi di raccolta e di generazione delle risorse.

Il Far West vissuto sulla Nintendo Switch

La mia prova si è svolta appunto su Nintendo Switch, devo dire che mi sono trovato veramente bene con i comandi touch-screen, invece usando il Joy-con di destra ho riscontrato poca reattività e movimenti del puntatore un pò troppo lenti, e in fasi abbastanza concitate quando c’è da raccogliere e assegnare svariati compiti, torna sempre più comodo usare il touch.

A parte questo piccola parentesi sui controlli, per il resto mi sono trovato veramente bene, il touch preciso, nessun impuntamento della console, comandi semplici e non è nemmeno “energivoro” per la console stessa, quindi potrete portarvela dietro e giocarci abbastanza a lungo, anche senza il caricabatterie o powerbank di sorta.

A schermo le informazioni sono ben visibili e in ogni situazione avremo sempre tutto sotto controllo, quindi che dire, al prezzo di 9,99 vi portate a casa un game-management nel Vecchio West con tanti personaggi unici che vi terranno compagnia in questa calda estate, facendovi passare tante ore di relax sotto l’ombrellone o dove vorrete.

Per concludere, se vi piacciono i game-management allora Country Tales è il gioco che fa per voi, anche se ci dovesse giocare il vostro pargoletto avrà tanto da fare in compagnia dei simpatici personaggi in game.

Pro

  • Facile e per tutte le età
  • Personaggi ben caratterizzati
  • Tutte le informazioni ben visibili a schermo
  • Possibilità di ripetere i vari livelli a diversi gradi di difficoltà

Contro

  • Game-managment puro e classico senza quel qualcosa in più che lo faccia distinguere
  • Poca sensibilità e precisione nell’utilizzo del Joy-con destro
RASSEGNA PANORAMICA
Sonoro
8.0
Grafica
8.0
Longevità
8.0
Rigiocabilità
9.0
Gameplay
8.0
Articolo precedenteControl: Annunciata la Ultimate Edition con update gratuito a Xbox Series X e PlayStation 5
Prossimo articoloThe Bonfire 2: Uncharted Shores arriverà ad agosto su iOS e Steam
Che dire mi piacciono i videogames fin da quando ero piccino, passione per anime e manga c'è, insomma mi piace viaggiare di fantasia.