desperados 3 Dragonik Gamer4Life recensione review giochi xbox one series x 4k hdr games paladins

L’ambientazione del selvaggio west è stata la protagonista di numerosi film popolari ancor’oggi dopo tanto tempo, fino a far parte anche nei videogiochi, non solo i tie-in che ripropongono le pellicole, e in numerose sfaccettature per diversificarsi. Desperados 3 ripropone quest’ambientazione e lo fa davvero bene. Ecco la mia personale esperienza.

Mimimi Games, lo studio che si è occuppato della realizzazione e dello sviluppo del titolo ed originario della Germania, è riuscito grazie alla pubblicazione curata da THQ Nordic a donare un terzo capitolo alla saga ambientata nel far west selvaggio attraverso uno stile tattico in tempo reale e le meccaniche che ne accentuano la caratteristica principale del titolo, ovvero il pianificare tutto nei minimi dettagli.

Non appena inizieremo la nostra Nuova Partita in Desperados 3, ci ritroveremo fin da subito immersi nel gioco vero e proprio con un prologo che fungerà da Tutorial oltre che da introduzione.

John, il protagonista della storia, è solo un ragazzo che accompagna suo padre, un famoso cacciatore di taglie, in una delle sue pericolose missioni di caccia per imparare i rudimenti dell’attività e inseguire, quando sarà adulto, le orme del padre. I

In questi primi minuti di gioco, che cronologicamente nella saga vengono prima degli eventi del primo capitolo uscito molto tempo fa, ci vengono illustrati tutti i rudimenti e le nozioni base per essere precisi e perfetti senza essere smascherati dai nemici.

Infatti, ad ogni piccolo passo che faremo avremo una pergamena, che richiama i volantini Wanted tipici del periodo, che ci illustrerà cosa fare in quel momento e i tasti da premere per farlo.

Finito il tutorial, ci ritroveremo più avanti negli anni con il protagonista ormai adulto che, mentre era su un treno, si ritrova coinvolto in un assalto da parte di un gruppo di banditi e senza pensarci due volte inizieremo a porre fine alle scorribande di questi manigoldi.

Come ci viene spiegato fin dall’inizio, possiamo approcciarci in due modi diversi: letale e non letale.

Con il primo potremo usare qualsiasi arma a disposizione del nostro eroe eliminando ogni nemico sulla nostra strada, mentre con il secondo metodo potremo metterli fuori gioco legandoli così da metterli K.O. senza ricorrere a troppa violenza.

Durante i capitoli potremo fare la conoscenza di altri personaggi che ci accompagneranno durante la nostra avventura, ognuno dei quali avrà la sua peculiarità e le sue abilità speciali che, come da prassi, ci verranno illustrate la prima volta che ne vestiremo i panni.

Cooper, il cowboy che vediamo crescere tra il tutorial e il primo livello, potrà distrarre i nemici lanciando una moneta, eliminarli con un lancio del suo coltello, che poi dovremo recuperare, e usare le sue due pistole per eliminarli contemporaneamente.

Il Dottor McCoy può distrarre gli ignari avversari lanciando la sua borsa medica, che se aperta dai nemici rilascerà un gas accecante che lo stordirà per qualche secondo, ed eliminare i banditi da lunghe distanze grazie alla sua pistola modificata.

Hector può usare una trappola per orsi da posizionare in punti strategici ed eliminare gli ignari nemici, Kate può rubare gli oggetti e distrarre i nemici con il suo profumo e Isabelle può prendere il controllo dei nemici per poco tempo.

I punti su cui fa forza Desperados 3 sono le strategie varie da attuare per eliminare i numerosi nemici, che differenziano in base al team a disposizione in quel livello, per un totale di sedici, e la possibilità di poter salvare in qualsiasi momento vogliamo permettendoci di ripetere l’ultima azione in poco tempo.

Una delle caratteristiche a cui dovrete abituarvi invece è la scelta di far muovere a noi la telecamera piuttosto che farla muovere alla console.

Dal punto di vista tecnico Desperados 3 si presenta con un comparto grafico davvero ben fatto proponendo un west davvero selvaggio e per niente spoglio di dettagli.

Il comparto audio rappresenta un buon sottofondo, con degli effetti sonori davvero niente male e che immergono il giocatore unitamente alla storia.

Presente la lingua italiana in forma scritta che accompagna senza errori l’ottimo doppiaggio in lingua inglese.

Desperados 3 è un titolo che vi prenderà dall’inizio alla fine. Nonostante le situazioni frustranti per i vari tentativi da eseguire prima di poter avanzare alla prossima missione e la telecamera un po’ fastidiosa a cui abituarsi, questo gioco saprà stimolare la vostra curiosità.

Vi consiglio di giocarlo non tutto d’un fiato ma di gustarvelo piano, missione dopo missione, ottenendo così una sfida vera e propria che aumenta non solo all’avanzare della storia ma con quattro livelli di difficoltà, ovvero Facile, Medio, Difficile e Desperado.

Pro

  • Ambientazione ben fatta
  • Personaggi caratterizzati bene
  • Storia coinvolgente

Contro

  • A tratti frustrante
  • Telecamera fastidiosa a cui abituarsi
  • Nemici non troppo vari