DOUBLE DRAGON Kunio-kun Retro Brawler Bundle recensione review nintendo switch giochi games paladins nindies indie

Arc System America il 20 Febbraio ha rilasciato, per ora soltanto sul suolo americano, questa raccolta unica nel suo genere con ben 18 titoli di puro stile rissaiolo retro marchiati Technos Japan!

(Technos Japan è stata una casa editrice giapponese di videogiochi fondata nel 1981 ed ha chiuso i battenti nel 1996).

Grazie ad Arc System Works, ho avuto l’onore di provare la raccolta ed ecco cosa ho trovato al suo interno: pugni, pugni e ancora pugni ad 8 bit, musica chip tune, sport poco corretti e faide tra scuole giapponesi!

Accesa la Nintendo Switch e fatto partire il gioco quest’ultima si trasforma, come per magia, in una (o un?) Nintendo Entertainment System e vengo catapultato negli anni ottanta, più precisamente verso la fine di essi quando ormai il NES era nelle case di molti video giocatori di tutto il mondo, compresa la mia.

La raccolta sin da subito mi fa una bella impressione già dalla schermata iniziale dove trovo un menù chiaro con quattro voci:

  • Offline Play
  • Online Play
  • Achievements
  • Settings

Offline Play

Offre i 18 titoli da giocare non in rete, quindi per giocare in compagnia si fa “alla vecchia” ovvero con l’amico (od amici a seconda dei titoli che lo supportano) nella stessa stanza. In poche parole in locale.

Online Play

Purtroppo non ho potuto provarlo in quanto il gioco mi è stato dato in anteprima e le stanze erano praticamente sempre vuote. Comunque, nella Lobby si trovano queste voci:

  • Quick Play: ricerca automatica di stanze per battaglie e partite co-op
  • Create a room: permette di creare una stanza e scegliere tipo di gioco, numero giocatori che possono partecipare, modo di gioco, obiettivo, stanza aperta a tutti o solo agli amici, o su invito (basta indicare il numero della stanza ad un contatto), ultima voce quella del commento ovvero tre commenti standard da mettere come intestazione della stanza stessa: cerco qualcuno per una bella partita, divertiamoci, cerco persone serie con cui giocare.
  • Find a room: permette di cercare una stanza in base al gioco o agli amici o al numero di stanza.

Achievements

Non è nient’altro che la raccolta degli obiettivi (i trofei per intenderci) in tutto sono 55 e per sbloccarli bisogna giocare a tutti i giochi.

Settings (le cosi dette opzioni). Il sotto menu contiene al suo interno:

  • Avatar
  • Edit Background
  • Display Settings
  • Controls
  • Sound
  • Language

Avatar

In questo menu (chiarissimo come d’altronde è per tutti gli altri menu all’interno del titolo) si può modificare ed editare l’avatar ed il nickname col quale apparire nelle partite on line. Gli avatar vengono sbloccati piano piano si raggiungono gli obiettivi di gioco e sono per lo più personaggi incontrati nei giochi (buoni e cattivi)in pratica tutti i character dei giochi possono essere usati come avatar!

Edit Background

Permette di modificare lo sfondo mentre si gioca. Infatti i titoli di default sono tutti nel formato 4:3 quello per la televisione a tubo catodico. Quindi questa voce va a modificare le due bande laterali dello schermo.

Display Settings

Permette di modificare le impostazioni di visualizzazione dei giochi e quindi nel sotto menu si trovano: Standard mode, Standard Zoom Mode (pre impostato di default), 4:3, 4:3 Zoom Mode, Full Screen Mode. Scan Lines e level. Più completo di così!

Altra voce è quella dell’Auto Protection Settings: ovvero si può attivare o disattivare la modalità per prevenire il burn-in dello schermo.

Controls

Si può vedere la configurazione del controller (poi per ogni gioco c’è il menu apposito all’interno dello stesso con la spiegazione dettagliata e chiara di ogni singolo comando)

Sound

Permette di gestire il volume del gioco, il riverbero, regolare gli alti i bassi gli effetti di gioco e la musica di gioco.

Language

Permette di scegliere la lingua (no, non c’è l’Italiano) inglese, giapponese, coreano, cinese.

Ed ecco l’elenco dei giochi:

  • DOUBLE DRAGON series
    DOUBLE DRAGON (1987)
    DOUBLE DRAGON II: The Revenge (1988)
    DOUBLE DRAGON III: The Sacred Stones (1990)
  • Kunio-kun series 
    Renegade (1986)
    Super Dodge Ball (1988)
    River City Ransom (1989)
    Crash’n the Boys Street Challenge (1992)
  • Kunio-kun series (PER LA PRIMA VOLTA VOLTA PUBBLICATI FUORI DAL SUOLO NIPPONICO)
  • Nekketsu Renegade Kunio-kun (1987)
  • Nekketsu High School Dodgeball Club (1988)
  • Downtown Nekketsu Story (1989)
  • Nekketsu High School Dodgeball Club – Soccer Story (1990)
  • Downtown Nekketsu March Super-Awesome Field Day! (1990)
  • Downtown Special Kunio-kun’s Historical Period Drama! (1991)
  • Go-Go! Nekketsu Hockey Club Slip-and-Slide Madness (1992)
  • Surprise! Nekketsu New Records! The Distant Gold Medal (1992)
  • Nekketsu Fighting Legend (1992)
  • Kunio-kun’s Nekketsu Soccer League (1993)
  • Nekketsu! Street Basketball All-Out Dunk Heroes (1993)

La schermata menu per la scelta del gioco ricorda moto quella dei NES/Super NES mini e quindi: elenco dei giochi che si possono ordinare per device, data di uscita, titolo, giocato di recente, per numero di giocatori ed i fine per tempo giocato. In questo menu chiarissimo si trova anche il numero di giocatori che possono partecipare, gli slot di salvataggio, quattro in tutto per gioco, la scelta della versione per gioco: quality up o original.

Quality up permette di giocare al titolo scelto in versione migliorata con correzione di lag, riduzione si sfarfalli e bugs. L’ originale inutile che lo scriva. Altra cosa interessante è la trama di ogni singolo gioco, raggiungibile tramite un sotto menu dove tra l’altro c’è pure data esatta d’uscita del gioco.

I giochi li conoscevo già in quanto “vecchio” e giocatore sin dal 1984. Ricordo quando nell’88 andai a noleggiare Double Dragon… ero un bimbetto ma avevo già le idee chiare.

Per chi non lo sapesse Double Dragon fu il titolo “Smash Arcade” numero uno della categoria picchiaduro a scorrimento da strada. Copertina stupenda disegnata a mano a matita con i due gemelli Billy e Jimmy in primo piano. Ricordo che fecero persino una mini serie di fumetti marchiata Marvel, sei numeri in totale, una serie TV e persino un film!

La storia della trilogia Double Dragon, narra di due gemelli appassionati di arti marziali, il loro tatami le fredde strade della città, il loro dojo la palestra nella quale si allenano ogni giorno. Riescono così a crearsi uno stile di lotta tutto loro. Mischiano la disciplina delle arti marziali alla lotta da strada.

Un giorno Billy deve affrontare la più grande sfida della sua vita: trovare la sua ragazza Marion, rapita dalla gang dei Black Warriors e scoprire chi è a capo di quest’ultima, la quale terrorizza tutta città. La sfida però sarà tutt’altro che semplice.

Billy è disposto ad usare tutte le sue forze, le sue conoscenze in ambito “rissa da strada” gli oggetti che gli si pareranno davanti (mazze, barili d’olio, coltelli, scatole, ogni tanto della dinamite) l’importante è offendere il nemico e raggiungere l’amata Marion e fargliela pagare al misterioso capo. Attraverso i bassifondi della la città, i parchi e le fabbriche, Billy si farà strada per scoprire poi che la sua amata è stata rapita da.. suo fratello!!!

Il secondo capitolo della trilogia vede i nostri eroi alle prese con una città devastata dalla guerra nucleare e dai criminali che prolificano in ogni dove. La gang dei Black Shadow ha commesso il suo più grande crimine: ha sparato a Marion, dopo aver devastato il dojo Double Dragon ed aver malmenato gli studenti all’interno di esso.

Attraverso un universo post apocalittico i fratelli dovranno affrontare orde di nemici umani, robotici, elicotteri e ninja super addestrati oltre che affamati di sangue e compiere così la loro vendetta.

Il capitolo finale riguarda la ricerca da parte di Billy delle tre sfere sacre. Queste sfere servono per far tornare in vita la sua fidanzata. Billy ancora una volta è pronto ad affrontare un nuovo viaggio, a dare mazzate ai cattivi ed a porre fine alla storia cominciata tre anni prima.

Graficamente e meccanicamente ogni capitolo è differente.

Dal primo al terzo sono passati tre anni e, anche se non si vedono veri balzi di qualità (la grafica rimane sempre un 8 bit) la giocabilità, così come gli elementi di gioco e l’elenco di mosse migliora da capitolo a capitolo. Stesso discorso per gli elementi di gioco. Dal primo capitolo che è un “semplice” picchia duro a scorrimento orizzontale 2d con qualche elemento verticale, piano piano vengono anche inseriti degli elementi platform.

La difficolta rimane purtroppo (o per fortuna) sempre la stessa: molto difficile. Infatti portare a termine la storia è un impresa titanica. Comunque sia è una serie da conoscere per capire le radici dei picchia duro a scorrimento. Qui c’è la storia!

La serie Kunio-Kun.

In apertura di recensione ho scritto di Technos Japan e della sua fondazione nel 1981. Bene, a fondare questa casa editrice diventata famosa grazie alla conversione s console del masterpiece Double Dragon, furono tre ex dipendente della (defunta pure quella) Data Est. Tra questi tre dipendenti spicca il nome di Kunio Taki da cui la serie Kunio-kun prende il nome.

Ma cos’è questa serie? Su cosa si basa? Come mai alcuni titoli sono rimasti inediti sino ad ora nel mercato occidentale?

Kunio-Kun è una serie di giochi di diverso tipo e genere e si può tranquillamente dire che non hanno nessun nesso di trama l’uno con l’altro. L’unico filo conduttore di tutti quanti è la presenza del portagonista, Kunio (alter ego videoludico di Kunio-Taki!)

Il primo capitolo della serie Nekketsu Renegade Kunio-kun si può dire tranquillamente essere il predecessore di Double Dragon. A differenza di DD qui le schermate sono statiche e bisogna battere ondate di quattro nemici per volta.

L’elenco delle mosse è limitato (in DD più si prosegue il gioco più il protagonista apprende mosse nuove e quindi diventa più forte). Renegade (presente in questa raccolta) è la versione occidentale e si differenzia per il character del protagonista e per alcuni ambienti leggermente differenti.

Nekketsu Renegade Kunio-Kun è da considerarsi come il primo vero gioco picchiaduro. Innovativo per l’epoca. Per dirla in breve: ha fatto scuola.

Nekketsu High School Dodgeball Club (Nekketsu Kōkō Dodgeball Bu) è un gioco arcade di palla shiavata (versione agonistica della palla avvelenata). La storia è semplice: guidare la squadra dell’Istituto scolastico di Kunio alla conquista del torneo giapponese e poi quello mondiale.

Nella versione occidentale dal titolo Super Dodge Ball (contenuto anche lui in questa raccolta) i protagonisti sono studenti americani.

Giocabilità semplice, menu manageriale per impostare la formazione più adatta alla sfida (ogni singolo giocatore ha le sue caratteristiche) e via pronti alla sfida.

Questo titolo mi lega sentimentalmente ad alcuni ricordi d’infanzia bellissimi.

Downtown Nekketsu Monogatari (Downtown Nekketsu Story) è un videogioco di tipo picchia duro a scorrimento con elementi RPG, primo videogioco prodotto per le console domestiche ,il gioco originale è uscito su console NES, racconta la storia di due ragazzi Kunio e Riki) che devono attraversare la città nel tentativo di liberare la loro scuola e salvare al ragazza di Kunio.

Gli elementi RPG (statistiche, salute,abilità) possono essere migliorati grazie all’uso di monete lasciate cadere dai nemici sconfitti  e spese nei negozi della città.

La versione occidentale dal titolo River City Ransom si differenza da quella orientale, oltre che per i nomi dei protagonisti: Alex e Ryan, anche per la modifica degli sprite.

La divisa tipica degli istituti scolastici giapponesi vengono sostituite con Jeans e T-shirt gli sfondi cambiano leggermente così come la merce venduta nei negozi. Esempio: il sushi è sostituto con hamburger e via dicendo.

Nekketsu Kōkō Dodgeball Bu: Soccer Hen (Nekketsu High School Dodgeball Club – Soccer Story) è un videogioco arcade sportivo di calcio. La versione originale (contenuta in questa raccolta ed inedita per gli occidentali in quanto “da noi” il titolo si chiama Nintendo World Cup e si differenzia leggermente per i contenuti ed ambientazione) narra la storia della squadra di palla schiva della scuola di Kunio che accetta di aiutare MIsako e la sua squadra di calcio, iscritta ad un torneo nazionale tra istituti.  Anche qui come nel Dogball è presente il menù manageriale per impostare la miglior formazione da schierare.

Downtown Nekketsu Kōshinkyoku: Soreyuke Daiundōkai (Downtown Nekketsu March Super-Awesome Field Day!) Kunio sfida tre scuole rivali in quattro differenti discipline di atletica leggera e combattimento, tutte quante condite da botte e scorrettezze varie. Questo titolo come alcuni contenuti in questa raccolta si possono giocare in locale e online fino a quattro giocatori!

Downtown Special: Kunio-kun no Jidaigeki da yo Zen’in Shūgō! (Downtown Special Kunio-kun’s Historical Period Drama!) è il seguito di Downtown Nekketsu Monogatari (River City Ransom).

Ike Ike! Nekketsu Hockey Bu: Subette Koronde Dairantō (Go-Go! Nekketsu Hockey Club Slip-and-Slide Madness) Videogioco arcade sportivo basato sulla Hockey su Ghiaccio. Kunio questa volta decide di aiutare la squadra di Hockey su ghiaccio del proprio Istituto. Come per il gioco di calcio anche qui è presente un menu manageriale per la formazione da schierare. Da notare come tutti i titoli della serie si somiglino per caratteristiche, design, opzioni e comandi. Il gioco non usci mia sul mercato occidentale.

Bikkuri Nekketsu Shinkiroku: Harukanaru Kin Medal (Surprise! Nekketsu New Records! The Distant Gold Medal) è il seguito di Downtown Nekketsu Kōshinkyoku: Soreyuke Daiundōkai, videogioco di atletica leggera, Mamoru dopo gli insuccessi del suo Istituto contro quello di Kunio, pianifica una nuova serie di  quattro sfide per battere Kunio: 400mt. Nuoto battle royale. Salto in lungo e Judo.

La differenza con il titolo precedente è la possibilità di scegliere la modalità di gioco: Normale, Corto e allenamento.

Nekketsu Kakutō Densetsu (Nekketsu Fighting Legend) è un picchiaduro ad incontri modalità torneo. Uno spin-off della serie Kunio-Kun. In questo gioco si può giocare in quattro simulatamente tutti contro tutti.

Kunio-kun no Nekketsu Soccer League (Kunio-kun’s Nekketsu Soccer League) è il seguito di Nekketsu Kōkō Dodgeball Bu: Soccer Hen (Nintendo World Cup) con aggiunta di nuovi elementi del game play come l’introduzione delle condizioni meteorologiche, nuove squadre, nuova grafica. La giocabilità ed il resto rimangono pressoché invariati.

Nekketsu! Street Basket: Ganbare Dunk Heroes( Nekketsu! Street Basketball All-Out Dunk Heroes) è l’ultimo videogioco della serie per NES. Di nuovo un gioco arcade sportivo, un basket da strada particolare. Due contro due dove, manco a dirlo, anche qui calci, pugni e scorrettezze sono all’odine del gioco. Particolare la scelta di mettere tre canestri in verticale (uno sopra l’altro) che permettono, se si esegue un tiro perfetto, di realizzare 6 punti. Le location sono sparse per gli States e c’è pure una capatina alle isole Hawaii.

Tutti i giochi Kunio-Kun presentano tasti ed azioni simili tra loro.

Ogni gioco ha al suo interno un menu di pausa che è composto da

  • Load
  • Suspend Save
  • Control Manual
  • Settings
  • Reset
  • Back To Games Select
  • Close Menu

Load: permette di caricare il salvataggio

Suspend Save: la manna dal cielo per chi all’epoca di questi giochi doveva farli tutti d’un fiato, o al massimo, ogni volta segnarsi su di un foglio e quindi in seguito utilizzare le password (presenti anche qui, sia chiaro e si… potete inserire anche i vari codici per vite infinite ecc).

Basta fare click su questa voce e selezionare uno dei quattro slot a disposizione per il titolo che si sta giocando in quel momento e, come per magia, la prossima volta ripartirete da quel preciso punto nel quale avete salvato. La password invece vi fa ripartire dall’inizio del livello corrente.

Control Manual

Voce importantissima per poter apprendere appieno i comandi del titolo che si sta giocando. Realizzato in maniera chiara (un applauso al team) questa voce deve essere letta e compresa prima di affrontare il gioco scelto. divisa in sezioni chiare dai comandi base a quelli avanzati alle mosse che si sbloccano mentre si prosegue nel gioco (se il titolo lo supporta) insomma il cuore del game plaid di questa raccolta.

Settings vi permette di regolare visualizzazione schermo, Reset c’è bisogno che lo spieghi? hehehe. Ok, resetta il titolo corrente e vi fa tornare al menu iniziale dello stesso. Back to game select: ritorna al menu dell’elenco giochi. Close Menu chiude semplicemente il menu qui sopra descritto e vi tornare al gioco.

Sia in modalità portatile che in quella da TV non ho riscontrato alcun difetto.

Double Dragon & Kunio- kun Retro Brawler Bundle è un must, una raccolta di 18 titoli che non punta soltanto ai nostalgici ma che vuole anche colpire i più giovani, riportando alla luce e donando nuova vita (HD) a titoli che, parlo per alcuni, sono già presenti in console mini e sevizio Nintendo Switch OnLine, ma qui trovano nuova vita.

Tutta la raccolta Kunio-kun uscita per NES (con titoli MAI arrivati fuori dai confini giapponesi) ed i 3 Double Dragon. Tutti completi con la possibilità di giocare ANCHE la versione originale di ogni titolo. Opzioni a non finire. Obiettivi da sbloccare. La possibilità di giocare on line. Cosa volete di più?

Insomma una raccolta antologica resa ancora più completa grazie all’aggiunta delle voci wiki (trama, anno e giorno d’uscita) organizzata bene e che regalerà ore e ore di gioco. Ultima ma non ultima la possibilità per alcuni titoli di essere giocati in 4!

Pro

  • Organizzazione Menu
  • Possibilità gioco on line
  • Multiplayer locale
  • Musiche
  • Grafica HD
  • Raccolta kunio-kun con titoli inediti
  • Salvataggio partite
  • Personalizzazione avatar on line
  • Obiettivi da sbloccare
  • Voci Wiki
  • Opzioni settaggio schermo

Contro

  • difficoltà di alcuni titolo che forse non sarà compresa dai più giovani
RASSEGNA PANORAMICA
Voto complessivo
10.0
Articolo precedenteUnder Night in-birth exe:late[cl-r] – Recensione Playstation 4
Prossimo articoloLa Flotta Rossa è in arrivo su World of Warships: Legends!
#indiependentgamer Bass Player & VideoGame Music Composer. Anime, Manga & Comics Lover. Sport Lover.