everspace-stellar-edition-recensione-review-nintendo-switch-games-paladins-nindies-indie-free-game-demo-fortnite

Rockfish Games, lo studio che si è occupato della realizzazione e dello sviluppo del titolo ed originario della Germania, porta il bellissimo Everspace su Switch nella versione Stellar Edition che include l’espansione Encounters che amplia di molto le ore di divertimento, già numerose, offerte dal gioco principale, un DLC pieno di contenuti che renderanno il tutto più divertente senza cambiare la difficoltà di sopravvivenza nel gioco.

Non appena inizieremo a giocarci potremo vedere che una delle componenti onnipresenti di questo titolo è data dalla morte quasi continua del giocatore. Infatti, nell’enorme universo di gioco la nostra astronave all’inizio non sopravvivrà facilmente e moriremo così spesso che perderemo il conto molto presto.

Il punto a favore di questa meccanica però è dato dalla possibilità di acquistare numerosi potenziamenti che ci permetteranno di giocare senza morire così spesso e in maniera prolungata e che non perderemo ad ogni fine corsa, dandoci così la possibilità di poter intraprendere una strada diversa da quella già calcata e che avrà meno rischi e pericoli da affrontare così da poter arrivare al teletrasporto per il settore successivo andando avanti con la storia.

Codici di giochi, abbonamenti, Gift Cards
Promozioni, Sconti, Codici, Offerte, Xbox One, Nintendo Switch, game code

Tutte le aree che visiteremo saranno create in maniera procedurale, che cambieranno una volta che moriremo, in cui dovremo accumulare più risorse possibili da utilizzare per potenziarsi e continuare il nostro viaggio stellare, potendo anche cambiare il nostro veicolo con altri migliori, proponendo una vasta quantità di power up con cui migliorare la nostra potenza d’attacco e gli scudi per avere una resistenza migliore creando diverse combinazioni e migliorandosi in base al nostro stile di gioco dando in cambio il nostro denaro e le risorse accumulate.

Per conquistare la valuta di gioco e le risorse dovremo svolgere alcune missioni che ci verranno date dai vari NPC che troveremo sparsi nello spazio, ottenendola come ricompensa per il completamento della stessa. Tramite l’espansione Encounters tutte queste cose vengono migliorate e ampliate ancor di più, con l’aggiunta di numerosi elementi tra cui armi, navi, sia le parti che velivoli veri e propri, nuove missioni e personaggi del tutto inediti, aumentando tutto il divertimento di almeno 10 ore.

Everspace propone due modalità di gioco. La prima che è quella classica che ho già descritto e la modalità Hardcore dove, come suggerisce il nome, avremo molte limitazioni e svantaggi che aumenteranno la difficoltà di gioco primo tra tutti la perdita di tutti gli upgrade faticosamente conquistati nella vita precedente. Durante il nostro scorrazzare per lo spazio potremo anche cambiare l’inquadratura di gioco da terza persona a prima persona.

Sebbene la visuale in prima persona può darci una sensazione di vivere la magia come se fossimo presenti realmente li, può risultare più sconveniente quando dovremo calcolare bene gli spazi e le distanze durante gli scontri. Inoltre, non tutti i pianeti che vedremo saranno esplorabili. Alcuni infatti avranno come unica funzione quella di abbellire gli sfondi dando la sensazione di profondità dello spazio. Anche se generati proceduralmente a volte può verificarsi una sensazione di déjà-vu molto spiacevole, soprattutto nelle fasi avanzate di gioco dove potrà sembrare più marcata.

Everspace gira in maniera pressochè perfetta sia in modalità portatile che dock, non vi sono rallentamenti o cali di frame e tutte le animazioni scorrono in maniera fluida. L’unica cosa che consiglio è di tarare la sensibilità degli stick (se usate quelli incorporati in Switch) in quanto le impostazioni di base rendon

Dal punto di vista tecnico sia il gioco base che l’espansione Encounters di Everspace si presentano con un comparto tecnico sbalorditivo, riuscendo a mescolare bene una paletta cromatica adeguata allo stile del genere di appartenenza. Impeccabile è il lavoro svolto sulle navicelle che risultano molto piacevoli alla vista, lavoro equiparabile al comparto sonoro composto da musiche coinvolgenti e non disturbanti, e di effetti sonori piacevoli da ascoltare. Le scene di intermezzo invece perdono un po’ di mordente, risultando troppo sbrigative, ma niente che possa sconvolgere  la nostra esperienza di gioco. Manca la lingua italiana ma non è un problema, risultando godibile appieno.

Encounters si conferma una validissima espansione di Everspace, donando a chiunque la acquisti nuove ore di divertimento con missioni, armi, navi e altre novità che permetteranno di continuare l’esperienza dei giocatori appassionandoli ancor di più. Consiglio caldamente l’acquisto a chiunque sia interessato alle meraviglie dell’universo e quello che ha da offrire con scontri non troppo difficili ma a cui bisogna fare attenzione per sopravvivere fino alla fine.

Everspace: Stellar Edition nel complesso è un gioco realizzato in maniera pressochè perfetta, un comparto tecnico curato nei minimi dettagli e che offre un grande coinvolgimento di gioco, indipendentemente che ci si trovi a giocarlo in saloto o in mobilità. E’ un titolo vivamente consigliato per gli appassionati del genere ma anche per coloro che vogliono fare una prima esperienza con un gioco di ambientazione spaziale.

Il nostro voto: 10

Pros

Pro
  • Tante ore di divertimento
  • Nuove armi e missioni con l’espansione Encounters
  • Grafica curata nei minimi dettagli
  • Comparto tecnico sbalorditivo
  • Musiche coinvolgenti

Cons

Contro
  • Non tutti i pianeti sono visitabili

compworld smartphone, pc, tablet, vendita, assistenza, riparazione

RASSEGNA PANORAMICA
Voto Complessivo
10
Articolo precedenteMonster Hunter World: Annunciato il primo DLC a pagamento, Iceborne
Prossimo articoloTrailer del nuovo DLC gratuito di NBA 2K Playgrounds 2, con un playground natalizio ed oltre 35 nuovi giocatori
Allevato dai bit del Commodore 64, ho sviluppato una passione col crescere del tempo che non ho mai rimpianto o sostituito con altro. Cresciuta di console in console, ho deciso di intraprendere la via della tastiera per cimentarmi nell'unica cosa in cui sarà bravo, forse, in tutta la mia vita... Parlare di videogiochi!