Exit the Gungeon: Hello to Arms – Il Gungeon ritorna con nuove armi e contenuti extra – Recensione PlayStation 4

Dopo tanto tempo eccomi a recensire un gioco della mia cara amata PlayStation 4. Oggi tocca a Exit the Gungeon, più precisamente alla sua “espansione” Hello to Arms uscita proprio in concomitanza con l’arrivo del gioco su PlayStation 4 ed Xbox One.

Exit the Gungeon, sviluppato da Dodge Roll assieme a  Singlecore Games ed Devolver Digital in origine era uscito soltanto su Apple Arcade (un mondo che, tra l’altro, sto esplorando e mi sta piacendo… ma questa è un’altra storia) e Nintendo Switch.

Trama

La trama non è di certo il punto focale del gioco. Dopo gli avvenimenti del primo titolo (entrare nel gungeon, e sconfiggere il boss finale), qui si deve… uscire dal Gungeon!!! Per farlo bisogna risalire verso la cima mediante l’utilizzo di ascensori e livelli pieni di nemici, pallottole e boss.

Il Gioco

Exit The Gungeon è uno sparatutto a scorrimento verticale roguelite twin-stick con grafica 2D che segue le avventure dei disadattati “Gungeoneers” verso l’assoluzione personale. In poche parole, arrivare all’uscita del Gungeon grazie agli ascensori.

Per farlo, il nostro eroe sarà equipaggiato di un’unica arma che viene potenziata mano a mano si raccolgono / comprano armi durante la partita. Essendo un roguelite una volta morti, si ricomincia da zero: arma base ma possibilità più alta di trovare in game le armi già sbloccate.

A venire incontro al nostro personaggio ci pensa il “Dodge Roll” un negozio che sta, grazie agli aggiornamenti dati da questa espansione, ogni due piani di gioco. Fare acquisti lì, oltre che liberare alcuni NPC imprigionati all’interno di questi livelli “bonus“, darà la possibilità al nostro eroe di poter fuggire dal gungeon, attraverso l’unica via percorribile, fatta di ascensori sempre più pericolosi. Stanze che si muovono, nemici, boss, armi bizzarre e oggetti vari… Il tutto combinato in modo che qualsiasi tentativo di Fuggire dal Gungeon non sia mai uguale al precedente.

L’ultimo aggiornamento di Exit The Gungeon porta un arsenale di aggiunte, miglioramenti e novità ad un titolo che non ha bisogno certo di presentazioni ma, con la sua precedente versione, peccava un po’ di sostanza.

Le novità aggiunte sono:

  • Modalità Arsenale: una nuova modalità di gioco attivabile in cui le armi saranno disponibili sia come bottino che per l’acquisto nei negozi. Qualsiasi numero di queste armi può essere tenuto in aggiunta alla pistola Benedetta e può essere utilizzato in qualsiasi momento. Queste pistole aggiuntive trasportate hanno munizioni limitate, che possono essere rifornite trovando le scatole di munizioni (esclusivamente in modalità Arsenal). Questa modalità è stata progettata per ricordare più fedelmente la gestione delle armi di Enter the Gungeon.
  • Hub del negozio: il negozio di Bello è stato ampliato e ora è possibile accedervi due volte per piano, consentendo ai giocatori una scelta più ampia su quando e come spendere la loro valuta. Questo negozio sostituisce la normale stanza a metà piano, oltre al suo aspetto normale dopo il boss. Il negozio ha diverse porte per il combattimento opzionale e le stanze dei PNG possono essere esplorate per il bottino o saltate. Ciò dovrebbe comportare un aumento complessivo degli oggetti per i giocatori che esplorano tutte le stanze, oltre a fornire una fonte per i lanci di armi quando giocano in modalità Arsenale.
  • Un nuovo boss opzionale, il Glocktopus
  • Un nuovo NPC, il Ledge Goblin e il suo minigioco
  • Come da tradizione, diverse nuove armi e oggetti

Inoltre ci sono Gungeon Rinnovati con nuove stanze e ascensori completamente ridisegnati con una varietà di stanze migliorata, dimensioni aggiornate e nuovissimi subdoli ascensori!

Ampie modifiche sono state fatte anche nel modo in cui il gioco produce e piazza i nemici ed un livello sfida avanzato per incontrare le aspettative dei giocatori veterani! Un sistema combo revisionato permette di utilizzare più velocemente armi migliori e aumenta la ricompensa monetaria per i giocatori che eseguono combo fantastiche!

Nuove armi potenziate e nuovi oggetti come gli Stivali Borchiati (Spiked Boots). Nuovi nemici Gundead come il Minecart Shotgun Kin, il Bullet Cardinal e il Flying Fungun! ed il ritorno dei leggendari nemici Jammed

Presenti inoltre delle stanze con minigiochi ed infine tanti abitanti del Gungeon con i quali scambiare quattro chiacchiere, avviare nuove sfide e scoprire un po’ di trama.

Gameplay

Exit the Gungeon, come ho scritto nella sezione il gioco è uno sparatutto a scorrimento verticale roguelite twin-stick shooter roguelite. In parole spicce se si muore si ricomincia da capo.

Per per mirare e sparare si usano due leve del pad. Tasti da premere: salto, capriola, potere. Questi bottoni e le loro rispettive funzioni sono il salvavita del gioco. Infatti l’unica maniera per schivare il mare di proiettili è quella d’imparare bene a rotolare e saltare just in time altrimenti bastano pochi colpi incassati per dover ricominciare tutto da capo.

A dare una mano a noi ed al nostro personaggio ci pensa il sistema di combo ideato dai ragazzacci di Dodge Roll; un icona dalle sembianze di un dado a venti facce in alto a destra nello schermo. Come funziona? Semplice! Più nemici uccideremo senza venire colpiti e più il numero di combo salirà. Ciò farà apparire in game armi e potenziamenti sempre più forti. Ma non sarà una passeggiata!

Ogni ascensore (livello) infatti prevede ostacoli e nemici sempre più forti ed, essendo il gioco generato in maniera procedurale e casuale, sempre diversi! Ogni partita sarà una nuova partita!

Quindi, giocatori dai nervi che saltano facilmente, siete avvisati.

Caratteristiche Tecniche

Il titolo presenta dei cali di frame abbastanza marcati. Questi avvengono soprattutto nelle sezioni più caotiche del gioco e in alcuni livelli “secondari”. Più precisamente i livelli all’interno del negozio. Il rallentamento è evidente anche se non compromette per nulla la giocabilità è comunque fastidioso. Sul fronte dei comandi nulla da dire. Rispondono in maniere pressoché perfetta.

Musica e Audio

La colonna sonora del gioco è stata affidata a Doseone. Ventuno il numero di tracce. La più famosa è sicuramente il tema principale del gioco che riprende la stessa musica del titolo precedente sostituendo la parola enter con exit. Il sound proposto è quello tipico dei giochi arcade, melodie elettroniche ipnotiche e, nel caso del tema principale, suoni catchy.

Localizzazione

Il gioco è completamente tradotto in italiano. I dialoghi all’interno del gioco (scritti) sono stati tradotti molto bene e non presentano errori di forma o altro.

Conclusione

Exit The Gungeon è un titolo che può portare a dipendenza. La sfida per portarlo a termine è abbastanza alta. I contenuti, grazie a quest’aggiornamento, sono aumentati a dismisura! Per il prezzo al quale è venduto il gioco, se vi piace il genere o siete solo curiosi di provare un titolo con una buona dose di sfida, rigiocabilità alta, partite sempre diverse e livelli tosti… bhe, fatelo assolutamente vostro!

Pro

  • Rigiocabilità
  • Livello di Sfida
  • GIocabilità

Contro

  • Cali di frame