football tactics glory recensione review nintendo switch giochi games paladins nindies indie

1993, ormai le “notti magiche” son finite da un po’. Nei vicoli si vedono ragazzini con il codino o improbabili ciuffi alla Beppe Signori e il Calcio domina le giornate di noi giovani sognatori.

Bastava poco per esaltarsi, due bottiglie ad emulare una porta e un tappo per fare la palla oppure un Subbuteo passato di mano da qualche cugino più grande.

Football, Tactics & Glory ad un primo approccio ricorda subito il mitico gioco Hasbro e sembra in qualche modo fargli omaggio arricchendolo però di una componente manageriale e di molta tattica.

Gli anni 90 sono finiti da un po’, noi “calciofili” siamo ormai migrati nel mondo dei Videogames e spesso ci ritroviamo a giocare ore ai soliti giochi calcistici; Creoteam e Raylight Games, assieme a Toplitz Production, tenteranno di dare un’alternativa, bissando il successo già ottenuto su Pc. Riusciranno a far Gol?

Appena avviato Football, Tactics & Glory in modalità single player entreremo in campo per un tutorial impersonando un calciatore della Premier League. Si notano subito la visuale dall’alto e il gameplay lento, molto ragionato, in contrasto forte con la frenesia del 99% dei titoli calcistici, simulativi o arcade che siano.

Dopo l’introduzione iniziale diventeremo un allenatore costretto a far gavetta dalle serie inferiori al gotha del calcio nazionale. Arrivati nella nostra nuova società riceveremo il benvenuto del presidente e dei nostri collaboratori, che ci daranno una “infarinata” sulle nostre mansioni da allenatore e manager.

Sarà nostro compito impostare la crescita del club in base ad una strategia, in pieno stile manageriale, ma le funzioni non sono numerose e complicate come in titoli manageriali puri, lasciando il giusto tempo al calcio giocato.

Dal punto di vista prettamente tecnico questo interessante titolo mixa la sua anima manageriale ad un GDR a turni (più avanti scoprirete come). Per quanto riguarda la gestione del club avremo svariati compiti, si potranno gestire tra gli altri:

  • Mercato, con la possibilità di cedere ed acquistare giocatori, oltre ai rinnovi di quelli già in rosa;
  • Stadio, per arrivare alla gloria serve un “teatro” adeguato e in grado di aumentare i profitti;
  • Osservatori, i giovani sono il nostro futuro, spesso determinati per crescere;
  • Allenamenti, per lottare fino al 90esimo minuto la forma fisica è importante, ma lo è anche affinare le abilità del nostro Team.

Avremo inoltre una sezione posta con le comunicazioni della società e del nostro staff.

Altro fattore determinante sarà la fama, utile nel concludere trattative, migliorare il Team e per alcune “chicche”; ad esempio un calciatore sul viale del tramonto può esser convinto a prolungare la sua carriera, rinviando il proprio ritiro.

Il menù della sessione Manager è chiaro, nonostante sia “minimal”, fornisce comunque tutte le informazioni principali, anche se a volte risulta difficile trovarle. Bello notare lo stile cartoonesco dei giocatori e delle loro divise e la possibilità di personalizzarli nel viso e nei nomi (eludendo in parte e con molta pazienza la mancanza di licenze).

Per quanto riguarda la partita avremo la possibilità di giocarla, simularla o guardarla a seconda della nostra preferenza, ma attraverso gli obiettivi del presidente saremo comunque spronati a giocare in quanto sono ottenibili  solo in questa modalità.

Durante i Match è forte la componente GDR accennata in precedenza, le nostre partite saranno caratterizzate da 3 movimenti a turno tra noi e l’avversario con 24 movimenti disponibili per tempo. Avremo 4 caratteristiche sfruttabili per vincere:

  • Precisione, utile principalmente agli Attaccanti nel momento del tiro;
  • Passaggio, utile per portare la palla verso le punte e lontano dalle zone calde del gioco;
  • Difesa, determinante per opporsi ai tiri avversari e recuperare il pallone;
  • Controllo, a volte, a fine turno, è importante difendere la palla e “ragionare” sulle mosse per il turno successivo. Questo punteggio serve proprio a questo.

Tutte queste caratteristiche hanno valutazione da 1 a 100, ma da sole non bastano a vincere i singoli confronti, ad esempio se il mio attaccante ha 30 precisione e sulla linea del tiro trova un difensore con difesa 20 ci sarà una sorta di “lancio dei dadi” nella quale potremo ottenere noi da 1 a 30 e l’avversario da 1 a 20. Chi ottiene il punteggio maggiore vince lo scambio (potreste trovare più difensori sulla linea di tiro e aver quindi meno possibilità di segnare).

Determinanti per ottenere un vantaggio nel corso dei 90 minuti sono le abilità, queste caratteristiche permettono di avere una mossa in più durante il proprio turno, ad esempio se ho 2 mosse rimanenti e uso abilità passaggio filtrante potrò effettuare altre due mosse oltre a quella appena eseguita.

Attenzione però, il bonus verrà preso solo se l’azione andrà a buon fine per superare un avversario (non vale l’esecuzione in campo aperto). Per contrastare le abilità esistono i talenti, queste sono abilità passive sviluppabili da ciascun giocatore e permettono di “stoppare” l’abilità opposta dell’avversario.

Il campo da gioco è simile ad una scacchiera dove i giocatori potranno muoversi a seconda delle proprie caratteristiche, nel pratico significa che un terzino è più mobile di un difensore centrale; la gestione degli spazi è vitale per vincere, a volte serve capire quando proteggere la palla per aver un bonus al controllo e mettere in difficoltà chi difende, così come in difesa a volte è meglio il pressing rispetto a un contrasto.

Alla fine dei giochi bisogna sempre fare un Gol in più dell’avversario per scalare divisioni su divisioni, e la gestione dei calciatori saranno la tua maggiore preoccupazione.

Caratteristiche come la pioggia, il caldo o la stanchezza influiranno in negativo su uno o più elementi del gioco, mentre altre come la determinazione daranno bonus, quest’ultima feature si attiva dopo specifiche azioni del proprio giocatore.

Avrete certamente notato un buon numero di funzioni e avete paura di non ricordarle tutte? Non preoccupatevi ci sono sempre l’Allenatore in pensione e la Calciopedia come guide al vostro servizio.

Ecco i miei voti per i diversi comparti del gioco:

  • Gameplay 9,5: questo gioco è molto interessante e bello, si sposa bene sia alla modalità portatile che a quella domestica delle nostre Nintendo Switch, forse può alla lunga risultare ripetitivo;
  • Longevità 9,5: come in qualsiasi buon manageriale avremo ore di gioco da spendere tra scartoffie e panchina;
  • Grafica 7,0: non è eccelsa, il “Mondo del Calcio”  qui proposto risulta poco dettagliato, questo difetto viene compensato dallo Stile, l’omaggio al Calcio di una volta è gradevole così come la possibilità di personalizzare i giocatori e il club;
  • Sonoro 5,5: poche musiche, pochi effetti e nessuna voce, sarebbe fantastica e utile la presenza di una voce esaltata che grida Gol!!!!!!
  • Localizzazione 8,0: permette di godere questo gioco in Italiano con poche sbavature e mostra cura anche nella scelta dei nomi per le squadre avversarie; in Italia nella serie Eccellenza ad esempio potrete affrontare il Caserta del forte attaccante Prodi.

Il nostro voto: 8.0

Pro

  • Gameplay bello e differente dalla concorrenza
  • Possibilità di personalizzazione elevata
  • Pieno di funzioni, nonostante la natura Minimal delle schermate

Contro

  • Sonoro monotono e vuoto
  • La mancanza di licenze ci lascia sempre l’amaro in bocca (si sa, noi calciofili siamo così)
RASSEGNA PANORAMICA
Voto Complessivo
8.0
Articolo precedenteDisintegration – L’imminente beta tecnica si presenta con un trailer
Prossimo articoloSKELLBOY sarà disponibile su Nintendo Switch dal 30 gennaio!
Staccato il ciuccio dalla bocca ho preso un pad in mano per non mollarlo più, non son un Pro Gamer, cerco l'essenza del gioco.