Foregone – Distruggi, “farma” e ripeti! – Recensione Nintendo Switch

La città di Calagan è sull’orlo del baratro, tutta la sua conoscenza scientifica oggi sembra non contare più niente. Noi saremo il primo Giudice, il più forte tra una razza di super-soldati; riusciremo a salvare Calagan dalla micidiale Deturpazione e dal ritorno dei morti viventi?

Rilasciato per Nintendo Switch il 13 Ottobre 2020, Foregone è un gioco d’azione a scorrimento 2D ricco di fasi platform e sviluppo del proprio PG in stile GDR; con tanto di farming, raccolta potenziamenti e loot.

Per la stessa data lo sviluppatore Big Blue Bubble ha annunciato l’uscita delle versioni PS4, PC e Xbox One, con relativa fine della fase Early Access.

Il team di Big Blue Bubble è composto da un gruppo di veterani, con esperienza ultradecennale, premiati da svariati riconoscimenti internazionali per la qualità del proprio lavoro. Il team di sviluppo è nato in Canada nel 2002, ed è famoso nel mondo per la propria produzione di punta: My Singing Monsters in grado di ricevere una media voti di 4.6 su 5 su più di 1.300.000 voti nel Google Play Store.

Foregone nasce come gioco totalmente diverso da My Singing Monsters, ma si dimostra fin dalle prime fasi un titolo dall’alta qualità, in grado di esaltare l’innata vena creativa degli sviluppatori. Un videogioco come questo non poteva passare di certo inosservato agli addetti ai lavori, infatti ha ricevuto varie nominations e premi tra i quali spiccano:

  • Indie MEGABOOTH Official Selection – PAX East (2020);
  • PAX South Hidden Gem – PAX South (2020);
  • PAX Rising Official Selection – PAX South (2020);
  • Best Music – Montreal International Game Summit (2019);
  • PAX West Hidden Gem – PAX West (2019);
  • PAX Rising Official Selection – PAX West (2019).

Come vedete, le premesse sono ottime, ma sarà riuscito Foregone a convincermi ed è in grado di tenere testa a giochi come Dead Cells, Ori and The Blind Forest (e seguito), Hollownight e affini? Mi raccomando, non fate i pigri, leggete il resto della recensione per scoprirlo.

La Trama del gioco è interessante, ma non invadente, andando a conciliarsi ai ritmi necessari ad un videogioco Metroidvania style.

Durante l’avventura esploreremo varie zone dell’ormai fatiscente città di Calagan; trovando frammenti delle storia sparsi qua e là sotto forma di libri collezionabili facoltativi. Ogni tanto anche la protagonista della nostra storia ci racconterà brevemente gli avvenimenti precedenti agli eventi attuali. Non voglio sbottonarmi troppo nel raccontarvi la trama, ma ci tengo a dirvi che avanzando nel gioco la nostra curiosità sarà stuzzicata da abomini e nemici nati da una divisione scientifico-militare con qualche problemino di gestione e contenimento dei propri esperimenti. Il resto lo lascio scoprire a voi.

Le dinamiche del gioco sono adatte a giocatori esperti, di medio e alto livello, dotati di pazienza e inclini al farming. Il livello di difficoltà di Foregone è strutturato molto bene, ma a mio avviso non adatto a giocatori novizi.

Partendo da poche armi e abilità essenziali, diventeremo potentissimi; il tutto grazie ai loot (bottino) e allo sviluppo delle nostre capacità attraverso un albero delle abilità.

Andando nello specifico, il Gameplay del gioco è basato su salti, attacchi dalla distanza, attacchi ravvicinati, schivate e l’uso di due abilità speciali.

Iniziando il gioco armati di pistola e spada corta al livello base, scopriremo ben presto l’importanza dei potenziamenti e come sfruttare al meglio gli oggetti raccolti nel corso dei livelli. Troveremo oggetti suddivisi per rarità, potenziabili spendendo il denaro raccolto nella nostra avventura.

Il nostro arsenale è fondamentale per superare le varie sfide; un’arma può dare maggiori possibilità di recuperare energia vitale o infliggere più danni, aumentando sensibilmente le nostre possibilità di vittoria. Questo sistema di potenziamento è di facile comprensione per ogni giocatore di GDR e permette una crescita del personaggio costante, utile per superare le difficoltà più ardue; rifare i livelli fatti in precedenza, garantirà sempre risorse risultando così più facile farmare il nostro arsenale.

A garantire varietà e un approccio diverso all’avventura, troveremo vari tipi di armi sia dalla distanza che ravvicinate, con la possibilità di scegliere potenziamenti unici adatti al nostro stile. Avremo a disposizione armi più veloci come i pugnali o più lente come il falcione e dovremo considerare queste peculiarità negli scontri. Stesso discorso vale per le armi a distanza che non solo cambieranno ad esempio da arco a carabina per letalità, ma anche per numero di colpi disponibili, ma non temete ucciso un nemico a corpo a corpo, si recupereranno munizioni.

L’albero delle abilità offre potenziamenti strabilianti in grado di aumentare i danni inflitti, la nostra vita, la resistenza e sbloccare attacchi Damage Over Time di tipo velenoso o paralizzante. Amate uno stile di gioco più difensivo o uno più votato all’attacco violento e costante? Non temete Foregone è in grado di accontentare tutti offrendo un buon livello di personalizzazione, ma attenzione alcune scelte sono vincolanti e sbloccata una diramazione nell’albero, non potrete sbloccare un’altra tranne che non rinunciate a parecchi punti abilità da voi precedentemente investiti. Sarà inoltre possibile sbloccare e potenziare abilità come barriera, scatto, superpotenza e cura; potendo però equipaggiarne massimo 2 contemporaneamente.

Essendo Foregone un GDR in stile Metroidvania, dovremo avanzare in diverse aree sbloccando scorciatoie e abilità per raggiungere quelle prima inaccessibili. Ci troveremo spesso a confronto con la morte, venendo rimandati al nostro quartier generale, luogo dove potremo potenziare il nostro personaggio e raggiungere i Check-Point sbloccati in precedenza. Questo luogo, chiamato Avamposto permetterà di recuperare metà del nostro bottino perso morendo, potenziare l’albero dell’abilità e migliorare le armi grazie al fabbro. Il recupero di metà bottino post mortem è facoltativo, avremo anche la possibilità di tornare nel luogo della dipartita per recuperare tutto.

Graficamente siamo davanti ad un magistrale uso della Pixel Art, grazie a stupendi scenari disegnati a mano e proposti in una classica grafica 2D sulle nostre console. Gli effetti di luce dati ad esempio dal fuoco o da trappole elettriche sono ben realizzati, così come gli ambienti dove l’acqua la fa da padrona, con nota di merito anche ai singoli effetti sonori sempre puntualmente fedeli a quello che accade sullo schermo.

L’unico neo a mio avviso è dato dalla poca varietà dei nemici e dal fatto che la Pixel Art faccia perdere in qualche modo carattere al personaggio stesso; guardate la copertina del gioco e guardate il personaggio durante le partite e noterete anche voi questa divergenza.

Il reparto sonoro è di qualità; come certificato tra l’altro dal premio Best Music – Montreal International Game Summit del 2019, ma a mio avviso non graffia, dato che si limita ad accompagnare il Gamer nella storia.

Purtroppo mi è mancato il coinvolgimento che speravo di trovare nelle azioni più adrenaliniche e anche a livello di emozioni non siamo arrivati ai livelli visti nelle serie dedicata ad Ori. Naturalmente il lavoro rimane buono, valorizzato inoltre da effetti ambientali e dedicati alle armi ben curati uniti all’ottima voce della protagonista.

Ulteriore premio al merito per i ragazzi di Big Blue Bubble è la Localizzazione in lingua italiana sia nei menù che per quanto riguarda i pochi dialoghi, rigorosamente sotto forma di sottotitoli. La qualità delle traduzioni è impeccabile, non ho mai trovato errori o sbavature.

Foregone è riuscito a coinvolgermi e convincermi fin dalla prima partita. Siamo di fronte ad un gioco ben bilanciato e molto ispirato, ma la presenza di qualche piccolo difetto è innegabile.

Per prima cosa, avendo giocato sia in modalità mobile che Tv, posso riscontrare in entrambe qualche scatto nei passaggi da una zona ad un’altra del livello; cosa strana dato che per numero di nemici a schermo e tipo di grafica scelta, questo gioco non dovrebbe minimamente creare difficoltà a Nintendo Switch. Considerando che ho iniziato la mia prova 5 giorni prima del lancio ufficiale, spero in una patch risolutiva per questo problema.

Un ulteriore punto negativo è presente nel Gameplay; quando un nemico si trova su una piattaforma ad altezza diversa dalla nostra, batterlo risulta troppo semplice, questo perché il nostro outsider rimane spesso sul bordo della piattaforma prestando il fianco ad attacchi mordi e fuggi da parte nostra.

Per queste ragioni Foregone è un titolo molto buono, ma non perfetto. I giocatori esperti di medio e alto livello possono spendere tranquillamente i 29,99€ chiesti al lancio, senza rimanere delusi. La Longevità, per chi vuole potenziare il personaggio al massimo, risulta ottima, vista anche la presenza di numerose aree nascoste da scoprire per conoscere tutta la vera storia della caduta di Calagan e dei suoi Giudici.

Un ultima cosa: Foregone crea dipendenza, se amate il genere Metroidvania e le dinamiche GDR, questo gioco non può assolutamente mancare nella vostra collezione!!!

PRO

  • Doppiaggio perfetto
  • Grafica disegnata a mano affascinante
  • Trama epica e coinvolgente
  • Effetti sonori ben curati
  • Gameplay vario e ben bilanciato
  • Ottima longevità

CONTRO

  • Qualche lag di troppo
  • IA non sempre brillante
RASSEGNA PANORAMICA
Trama
8.5
Grafica
9.0
Gameplay
8.5
Sonoro
8.5
Longevità
9.0
Localizzazione
9.5
Articolo precedenteLet’s Sing 2021: annunciata la tracklist e la nuova modalità Legend
Prossimo articoloArriva il 17° Grand Prix marchiato Tetris 99!
Staccato il ciuccio dalla bocca ho preso un pad in mano per non mollarlo più, non son un Pro Gamer, cerco l'essenza del gioco.