Forza Horizon 3: una goduria fin dal primo avvio

Versione testata: Xbox One

Manca veramente poco all’arrivo di Forza Horizon 3 sulle vostre Xbox One e sui vostri PC Windows 10 (ricordo che il gioco è il secondo, dopo ReCore, a rientrare nel programma Play Anywhere) e, come immagino già saprete, la critica ha recepito ottimamente il titolo rifilandogli una marea di voti pari o superiori al 9. Per la recensione dei Paladins curata dal nostro Mirko “CosmoSeriously” Rusciano non occorrerà attendere ancora molto.

Potevo però forse resistere alla tentazione di avviare in anticipo un gioco di tale portata? Ovviamente no! Il 27 settembre andrò a ritirare la mia copia ma quel codice review già installato da qualche giorno sulla mia Xbox One mi ha chiamato a sé come neanche le Sirene con il prode Ulisse, con la differenza che io in casa sono sprovvisto di un albero maestro. La conclusione è stata dunque scontata; dopo aver sondato la chat redazionale, ho atteso il momento giusto per fare mio l’account dei Paladins e mettere le mie zampacce sul nuovo racing game arcade a mondo aperto firmato Playground Games e Turn 10.

https://youtu.be/vD1ccSM9qiA

Erano circa le 23.00 e l’intento era giusto quello di provare per un’oretta scarsa il gioco prima di andare a dormire. Mai programma risultò più fallace; fin dalle sue primissime fasi il gioco ti inonda con la sua mole di contenuti e la sua grande varietà e, infatti, ci vuole realmente pochissimo per far sì che ti prenda senza mollare più la presa. In poche parole, erano passate le due di notte e ancora avevo il pad in mano!

È sufficiente avviare Forza Horizon 3 per capire di avere davanti un prodotto di altissima qualità in grado, su praticamente tutti i fronti, di superare il suo già eccellente predecessore. E badate bene che questa non è cosa da poco dato che Forza Horizon 2 è già un capolavoro nel suo genere.

L’impatto grafico su Xbox One è sbalorditivo ed è accompagnato da un comparto tecnico caratterizzato da un frame rate di 30fps solidissimi. Il senso di velocità quando sfrecci a bordo di bolidi come la Lamborghini Centenario è ottimo, così come il piacere di domare, attraversando spiagge, foreste e sterrati, uno dei tanti potenti mezzi da off road.

Forza Horizon 3 City Skyline

Le sensazioni restituite tramite la vibrazione sono immediate e credibili. Il passaggio da un tipo di superficie ad un’altra si avverte benissimo; asfalto, sabbia, sterrato, acqua e manto erboso restituiscono tutti una diversa e coerente sensazione tramite il controller. Per quanto riguarda l’acqua è, inoltre, evidente che il lavoro fatto dai Turn 10 con Forza Motorsport 6 non sia stato accantonato. Attraversare una pozza, un laghetto o sfrecciare sul bagnasciuga dove si infrangono le onde dell’oceano impatta sulla tenuta delle vetture, specialmente quelle non adatte ad affrontare certe situazioni. Data la natura arcade del gioco, ovviamente, l’effetto è smorzato rispetto a FM6 ma comunque presente.

La possibilità di cucirsi addosso l’esperienza ritorna e basta agire sul menu difficoltà per trovare la soluzione più adatta alle proprie abilità e al modo in cui si vuole giocare. Io ho deciso di disabilitare il controllo di trazione e quello di stabilità (il che rende veramente più impegnativo domare certe vetture soprattutto su alcuni tipi di terreni), di abilitare l’usura dei penumatici e i danni (il che, in caso di urti eccessivi e/o troppo violenti, può portare oltre ai danni estetici anche a problemi al motore, al cambio e alla tenuta di strada) e di affrontare Drivatar di livello pro. Nessuno però vieta di fare scelte del tutto diverse, ci si può benissimo divertire anche lasciando tutti gli aiuti alla guida e magari andando via via ad alzare il livello di abilità dei Drivatar.

forzahorizon3_acqua-impatto-tenuta-xbox-paladins

Fin da subito è anche chiaro che con questo capitolo la musica è cambiata, non siamo più un pischello che vuole farsi notare, siamo il boss del Festival Horizon e sarà nostro compito raccogliere sempre più fan per espandere la manifestazione e compiere scelte quali ad esempio le radio da ingaggiare.

Questo è solo l’inizio ma è già evidente che il gioco offra moltissimo altro da scoprire (online, insegne da abbattere, auto rare da scovare, body kit per alcune vetture, drift zone, possibilità di creare gare e eventi, etc.). Non so voi, ma io non vedo l’ora di cimentarmi con tutto questo. Ci si vede in Australia!

articolo a cura di GamingAddiction per Xbox Paladins

Annuncio
Articolo precedenteForza Horizon 3: comparazione grafica tra Windows 10 e Xbox One
Prossimo articoloWWE 2K17: nuovi dettagli su DLC e Season Pass