Ganryu 2 – Hakuma Kojiro – Recensione Nintendo Switch

Ma che ne sanno gli Elden Ring

La difficoltà alta nei videogiochi è tornata alla ribalta negli ultimi anni grazie al genere Souls-Like e capolavori come il recente Elden Ring, ma i più vecchi tra noi sanno che un conto è una difficoltà elevata, aggirabile grazie al farming, un altro è il ripetere di continuo i livelli, fino allo stremo, imparando così a memoria ogni insidia posta tra noi e la vittoria finale.

Ganryu 2 – Hakuma Kojiro è proprio questo, un omaggio al passato estremamente punitivo, a tratti appagante, ma non sempre perfetto. Avete amato il primo capitolo, uscito su Neo Geo nel 1999 o semplicemente non esiste nessun gioco in grado di mettervi in difficoltà? Se la risposta è sì, buona lettura.

Il gioco è stato pubblicato su Nintendo Switch il 22/04/2022 dal publisher francese Just for Games, mentre lo sviluppo è stato curato dal team Story Bird Studio. Ganryu 2 è inoltre uscito su Xbox One/Series, PS4/5 e PC via Steam. Il prezzo della versione digitale è di 19,99€ al lancio, ma sono disponibili anche edizioni fisiche con prezzi differenti, come ad esempio la standard per Nintendo Switch, acquistabile su Amazon a 29,99€.

Entrando nel dettaglio siamo davanti ad un titolo Picchiaduro a Scorrimento dall’anima decisamente Arcade, sviluppato con una grafica in Pixel Art a 16bit e due dimensioni. Il Gameplay è chiaramente ispirato a Shinobi 3 e Shadow Dancer e riprende tratti dell’originale Ganryu, ma con alcune differenze. Per prima cosa la scelta dei personaggi giocabili è stata ridotta al solo Myamoto Musashi (nel primo si poteva usare anche la giovane Suzume) e inoltre sono disponibili nuove abilità come il doppio salto. A completare le azioni a nostra disposizione troviamo il lancio dei Kunai, lo scatto, gli attacchi sia in salto che a terra e le abilità speciali Kami.

I tempi di risposta delle nostre mosse non sono sempre reattivi, a causa di un frame rate colpevolmente basso per un gioco che pesa nemmeno 600mb. Purtroppo la natura di gioco punitivo accentua la gravità di questo difetto, aggiungendo ulteriori morti e dolore al povero Musashi. Nonostante ciò, il level design è apprezzabile, ma non sempre ispirato. 

La trama del gioco ripropone lo scontro tra Musashi e Kojirō. Il protagonista di Ganryu e Ganryu 2, dopo aver sconfitto il suo antico rivale, si stava dedicando all’arte e alla meditazione, ma una voce si insinuò nei suoi pensieri. Il vecchio nemico Kojiro era stato sconfitto nel corpo, ma non nello spirito e deciso a vendicarsi ha trovato il modo di tornare nuovamente per punire Musashi e l’intero Giappone. La storia è ispirata al famoso spadaccino Miyamoto Musashi e ai racconti nati intorno alla sua figura. L’ambientazione, sfondo delle nostre avventure, è quella di un Giappone Fantasy con elementi presi dal diciassettesimo secolo. 

Purtroppo le buone premesse fornite da uno stile accattivante e da una storia affascinante, non vengono accompagnate da una realizzazione tecnica sufficiente. Tra le note dolenti ci sono da segnalare una localizzazione in italiano pessima, figlia di un traduttore online (per poche righe di testo si poteva far meglio), la stessa grafica utilizzata alla fine di ogni boss-battle e la troppa rigidità nel rendere difficile il gioco. Questa mia ultima considerazione nasce dal fatto che se veniamo sconfitti in una Boss-Fight dovremo ripetere il livello da capo.

La longevità del titolo è molto soggettiva e dipende quasi esclusivamente dalle vostre abilità. Un giocatore capace e incline a questo tipo di gioco potrà arrivare al finale in circa un’ora e divertirsi accompagnato dalla piacevole colonna sonora mix tra musiche classiche giapponesi e suoni occidentali moderni.

D’altro canto questo è un titolo di nicchia, non adatto a tutti i giocatori. Chi non è abituato a questo genere di giochi potrebbe gettare presto la spugna e sinceramente credo che lo sviluppatore potesse fare qualcosa in più per attirare nuovi giocatori. In fondo anche Elden Ring risulta meno punitivo dei suoi predecessori e se un passo del genere è stato fatto per un titolo capolavoro, non vedo perchè non farlo per un titolo semisconosciuto a cui non farebbe male una nuova iniezione di appassionati. Peccato perchè le basi c’erano tutte.

La mia prova di Ganryu 2 – Hakuma Kojiro si è svolta su Nintendo Switch 2019, sia in modalità portatile che TV. Ho giocato circa 3 ore, trovando non poche difficoltà dovute sia ad una mia scarsa affinità con questo genere di giochi che da una non sempre precisa reazione dei comandi.

Personalmente, ritengo questo un gioco discreto solo per una piccola nicchia di appassionati del genere e della difficoltà elevata nei videogiochi. Un porting non curato, qualche errore grossolano e l’eccessiva difficoltà rendono appena sufficiente un titolo che ad un primo sguardo sembrava molto più ispirato.

Pro

  • Giappone e Samurai
  • Bella Colonna Sonora

Contro

  • Difficoltà eccessiva
  • Comandi non precisi
  • Porting non curato
Annuncio
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
6
Articolo precedenteDraven, community leader di Rainbow Six, sarà presente al Giocomix
Prossimo articoloPsyonix e Nissan annunciano il debutto della Nissan Z 2023 su Rocket League
Staccato il ciuccio dalla bocca ho preso un pad in mano per non mollarlo più, non son un Pro Gamer, cerco l'essenza del gioco.
Ganryu 2 - Hakuma Kojiro è uscito su Nintendo Switch e i principali sistemi di gioco il 22 Aprile 2022 a cura del publisher francese Just for Games e dello sviluppatore Story Bird Studio. Il gioco, lanciato al prezzo di 19,99€, è un Picchiaduro a scorrimento Arcade, figlio e omaggio della vecchia scuola oltre che seguito del primo Ganryu uscito nel 1999 su Aca Neo Geo. Ganryu 2 riprende gli eventi del primo capitolo proponendo un nuovo scontro tra Myamoto Musashi e Sasaki Kojirō e per farlo si avvale di una grafica 2D in Pixel Art a 16bit accompagnata da una colonna sonora mix tra musiche giapponesi classiche e suoni occidentali moderni. Purtroppo le buone premesse rimangono tali a fronte di una realizzazione tecnica vittima di un frame rate basso e comandi non sempre precisi, con aggravante una difficoltà elevata che necessiterebbe di assoluta precisione. Per queste ragioni consiglio Ganryu 2 solo agli amanti del genere, delle difficoltà elevate e a chi ha amato il primo capitolo. ganryu-2-hakuma-kojiro-recensione-nintendo-switch