ghost sweeper recensione review nintendo switch giochi games paladins nindies indie switchcorps

Non tutti i titoli che nascono per smartphone riescono a fare il salto di qualità raggiungendo le console casalinghe, tra i quali c’è il titolo di cui vi parlerò oggi. Ecco la mia esperienza con Ghost Sweeper.

7 Raven Studios, lo studio originario della Tailandia che si è occupato della realizzazione e dello sviluppo del titolo, ha portato sulla console ibrida di casa Nintendo uno dei suoi titoli originari per smartphone con un’operazione di conversione ben fatta. Ma basterà per essere soddisfacente e dare un giusto intrattenimento?

Non appena inizieremo la nostra avventura in Ghost Sweeper vedremo che la sezione per imparare le basi del gioco è divisa dalla sezione Storia e che vi consiglio caldamente di guardare prima di buttarvi nella mischia.

Ci verranno spiegate in poche parole le meccaniche base del gioco: vestiremo i panni di un acchiappa-fantasmi, a scelta tra due personaggi diversi, con il compito di affrontare un esercito di fantasmi e demoni in una serie di livelli in cui lo scopo principale è trovare una chiave per aprire la porta del livello e passare a quello successivo.

I due cacciatori varieranno tra loro, oltre per il vestiario, solo per la capacità speciale che posseggono e possono sfoggiare a patto di avere abbastanza potere magico a disposizione: il primo, con il volto coperto da un secchio, potrà risucchiare i nemici per poi spararli sottoforma di una sfera spirituale, mentre il secondo, con il volto coperto da un cappello, potrà lanciare una sfera di fuoco.

In tutti i livelli dovremo districarci usando la nostra arma base per creare o eliminare dei cubi di ghiaccio che faranno da piattaforma per muoverci avanti e indietro, essendo in 2D, alla ricerca di una chiave che aprirà la porta per uscire dal livello ma a volte potranno essercene anche due, che daranno accesso a due livelli diversi.

Dovremo stare attenti, ovviamente, ai nemici che ci attenderanno per darci filo da torcere impedendoci nella nostra caccia alla chiave e potranno essere eliminati con un solo colpo, esclusivamente con le abilità utilizzabili tramite potere magico, ma bisogna fare attenzione perché anche noi potremo essere messi K.O. con un solo colpo.

All’interno di ogni livello, sette in totale per ognuna delle dieci mappe di cui è composto l’intero gioco, potremo troveremo diamanti, di quattro colori diversi ma che hanno sempre lo stesso valore, monete, ogni cinque raccolte ci darà un diamante, boccette di potere magico e casse di tesori che andranno ad accumularsi alle nostre ricchezze.

I diamanti saranno la valuta più importante visto che potremo utilizzarli per acquistare cinque potenziamenti, di cui uno solo sarà permanente. Per quanto riguarda quelli temporanei, una volta acquistati ci daranno la capacità di: svelare tutti i segreti presenti nel prossimo livello, avere uno scudo che ci protegge da un solo colpo, ripristinare tutta il potere magico a disposizione e aumentare il tempo limite a disposizione per completare il livello.

L’unica abilità che potremo aumentare in maniera permanente, ci permetterà di aumentare la barra del potere magico così da poterla usare più volte. Il costo di quest’abilità però, varia dopo ogni acquisto mentre per quelli temporanei non cambierà.

Ghost Sweeper non soffre di problemi nel gameplay ma deve affrontare due “nemici” molto potenti, ovvero la ripetitività e la necessità di recuperare quanti più cristalli possibile per avere quanto più potere magico a disposizione, ed entrambi potranno portare ad annoiarvi in poco tempo.

Dal punto di vista tecnico Ghost Sweeper si presenta con una grafica cartoon molto semplice in 2D, che richiama più i titoli per smartphone da cui proviene che stona un po’ le potenzialità della console.

Il comparto sonoro è composto da alcune colonne sonore buone ma che verranno ripetute un po’ troppo e che porteranno a noia in non poco tempo.

Ghost Sweeper non comprende nessun tipo di linguaggio in italiano, ma non è una presenza fondamentale vista la mancanza di dialoghi.

Ghost Sweeper è un titolo che prova a fare un salto di qualità ma che non riesce troppo bene, restando più valido su smartphone che per console.

Non che ci siano difetti nel gameplay, ma dopo un dieci minuti annoia non poco con la sua ripetitività nel gameplay e la quasi continua richiesta di potere magico per poter giocare senza troppi problemi.

Al costo di € 4.99 però propone un rapporto qualità-prezzo buono, ma che comunque non giustifica il suo acquisto.

Pro

  • Rapporto Qualità-Prezzo buono
  • Tutorial esaustivo

Contro

  • Può annoiare dopo poco
  • Senza potere magico la difficoltà aumenta
  • Musiche ripetute… anche troppo
  • Storia non spiegata in nessun modo

RASSEGNA PANORAMICA
Voto Complessivo
6.0
Articolo precedenteMoving Out – Traslocare non è mai stato così divertente – Recensione Switch
Prossimo articoloMetalhead Software rivela in video una nuova modalità Online per Super Mega Baseball 3
Allevato dai bit del Commodore 64, ho sviluppato una passione col crescere del tempo che non ho mai rimpianto o sostituito con altro. Cresciuta di console in console, ho deciso di intraprendere la via della tastiera per cimentarmi nell'unica cosa in cui sarà bravo, forse, in tutta la mia vita... Parlare di videogiochi!