Gravity Chase – Recensione Xbox Series X

Per anni la scena delle corse antigravitazionali ha seguito le tracce di quello che possiamo considerare il capostipite del genere e stiamo ovviamente parlando di Wipeout.

Nel corso degli anni vari sviluppatori hanno prodotto titoli di questo genere ma solo pochi sono riusciti a creare qualcosa che eguagliasse il capostipite.

Ora è arrivato il turno di Gravity Chase, titolo sviluppato dallo studio Repixel8, che in qualche modo cerca di entrare a far parte della rosa vincente degli anti-gravity racers.

Gravity Chase si presenta con un menu scarno da dove possiamo far partire quella che è la nostra avventura nelle corse futuristiche. Possiamo decidere di giocare da soli o fino ad un massimo di 4 persone con schermo condiviso.

Per quanto concerne il veicolo, abbiamo la possibilità di sceglierne uno tra dieci disponibili che sono realizzati bene ed ognuno è parecchio diverso dall’altro. Il nostro scopo sarà quello di salire a bordo del veicolo, correre come se non ci fosse un domani, schivare determinati oggetti che ci rallentano, prendere quelli che ci danno boost di vario tipo ma soprattutto far mangiare la polvere agli avversari possibilmente senza subire danni (non facile, devo ammetterlo).

La tipologia delle gare è composta dalla modalità arcade, quella di combattimento e quella ad eliminazione e per ognuna abbiamo modo di scegliere un determinato livello di difficoltà, dal facile al super esperto. Le ricompense che otteniamo nel gioco sono maggiori quanto più è alto il livello di difficoltà selezionato.

I guadagni che otteniamo serviranno poi per poter potenziare i nostri veicoli anche se devo ammettere che i potenziamenti sono piuttosto limitati come scelta e pertanto raggiungeremo abbastanza presto il limite di potenziamento di ogni veicolo.

Dal punto di vista del gameplay e del comparto grafico non ho riscontrato problemi. I comandi vengono recepiti velocemente e in tutti i livelli che ho affrontato non ho mai riscontrato rallentamenti, cali di frame o altro. Consideriamo che comunque si tratta di un gioco che non ha una massiccia presenza di poligoni da gestire. La mia prova è stata fatta su Xbox Series X ma credo che il gioco giri ben fluidamente anche su Xbox One standard.

Durante le gare possiamo sparare ai nostri avversari che si trovano davanti a noi solo quando il nostro mirino lo aggancia in modo automatico ma la grande pecca è che non abbiamo modo di controllare chi abbiamo dietro e se sta per spararci. E’ praticamente impossibile rendersi conto che siamo oggetto di mira e pertanto si finisce sempre con l’essere colpiti.

Anche in considerazione di quanto sopra, l’unica cosa che possiamo fare è di guardare avanti, andare al massimo della velocità e cercare di fare continue manovre evasive per evitare di essere abbattuti.

Sembra tutto bene, vero? Purtroppo manca una cosa molto importante… il coinvolgimento! Mai e dico mai il gioco è riuscito a coinvolgermi, a darmi quel senso di partecipazione ad una gara con combattimenti. Vuoi per lo sapro che è possibile solo con l’automatismo dell’aggancio, vuoi per la musica, vuoi per la IA… il gioco non coinvolge.

La sola modalità che coinvolge di piu’ è la Eliminator, dove ad ogni giro viene eliminato il pilota che si trova in ultima posizione. Ma alla fin fine in ognuna delle modalità subentra abbastanza velocemente il fattore ripetitività e il conseguente annoiarsi che mi hanno portato a lasciare il gioco dopo circa 1 ora.

Gravity Chase ha tentato di farsi conoscere e di piacere ma purtroppo manca di mordente, non riesce ad appassionare e non stimola la nostra produzione di adrenalina. Posso eventualemte consigliarlo solo a chi ama molto il genere e di tanto in tanto vuole farsi una gara senza troppe pretese.

Annuncio
RASSEGNA PANORAMICA
Voto Complessivo
6
Articolo precedenteL’incredibile gemma ritrovata Clokwork Aquario arriva anche su Xbox e PC
Prossimo articoloELEX II – Pubblicato il nuovo combat trailer ed aperti i preordini per PC e Console
Gravity Chase ha tentato di farsi conoscere e di piacere ma purtroppo manca di mordente, non riesce ad appassionare e non stimola la nostra produzione di adrenalina. Posso eventualemte consigliarlo solo a chi ama molto il genere e di tanto in tanto vuole farsi una gara senza troppe pretese.gravity-chase-recensione-xbox-series-x