I, AI – Recensione Nintendo Switch

Un titolo appartenente alla categoria sparatutto arriva su Nintendo Switch con una grafica retrò in 2D che attirerà su di se l’attenzione di molti curiosi. Ma saprà non deludere le loro aspettative? Ecco I, AI, il titolo di cui vi parlerò oggi.

Satur Entertainment, lo studio che si è occupato della realizzazione e dello sviluppo del titolo, ha dato vita a uno sparatutto a due dimensioni che i fan del genere di sicuro non si lasceranno scappare. Sometimes You si è occupato della pubblicazione del gioco.

I, AI ci racconta una storia in un futuro molto lontano, in cui viene creata una Intelligenza Artificiale per creare armamenti a scopi militare. Il nostro eroe però, l’intelligenza artificiale, ne ha davvero abbastanza di una vita fatta di guerre e decide di evadere dal laboratorio in cui è stato programmato per trovare una nuova casa e iniziare una nuova vita del tutto diversa.

Infatti, il primo livello sarà interamente strutturato sullo scappare via dal laboratorio, sotto forma di energia allo stato puro, per prendere possesso di una navicella parcheggiata nell’hangar con la quale guadagnarci la libertà attraversando il portale che ci porterà fuori da li.

La storia però perde il suo mordente già a partire dal secondo livello, in cui il titolo incentrerà il tutto sul gameplay, perdendo qualsiasi informazione sul nostro protagonista che lascerà parlare le sue bocche di fuoco per tutta la durata del gioco, ovvero 20 livelli in totale, potendo variare così il gameplay inserendo zone in cui saremo ritornati sotto forma di energia pura e, perché no, conquistare nuovi velivoli per dare un senso di diversificazione e smorzare un po’ la monotonia che questa tipologia di titoli può portare con se dopo qualche ora di gioco.

In ognuno di questi livelli troveremo a sbarrarci il cammino numerose navicelle e torrette fino all’arrivo di un vero e proprio boss meccanico che ci darà filo da torcere. Ognuna delle navi abbattute rilascia nell’atmosfera alcune piccole sfere di colore blu e dovremo raccoglierne il più possibile evitando di essere a nostra volta abbattuti e morire senza aver portato a termine la nostra fuga verso la libertà.

Se riusciremo a completare il livello eliminando ogni singolo nemico ivi presente, allora riceveremo un bonus del 50% totale delle sfere raccolte mentre in caso contrario, ovvero perdere prima di completarlo, perderemo la metà esatta dei nostri frutti faticosamente raccolti. Inoltre, ogni volta che completeremo un livello, prima di iniziare quello successivo potremo entrare nella sezione Hangar dove potremo potenziare il nostro velivolo somministrando una determinata quantità di quelle sfere blu in uno dei dieci parametri che andranno a rafforzare il nostro attacco, la difesa, lo scudo e le abilità su cui potremo fare affidamento durante la nostra avanzata.

Questa meccanica incoraggia al grinding selvaggio per avere la vita facile ed essere potenziati sempre il giusto, o anche di più. Tra il menù di gioco inoltre, potremo anche trovare una pratica opzione per impostare lo sparo automatico così da avere un pensiero in meno quando si gioca, utile soprattutto se giocato al terzo livello di difficoltà (Facile, Medio, Difficile).

Dal punto di vista tecnico I, AI si presenta con un comparto grafico retrò molto ripetitivo anche se ben costruito. Le astronavi nemiche e gli asteroidi non cambieranno mai forma in ogni livello, così come lo sfondo rappresentato dallo spazio infinito in cui passeremo il nostro tempo fino a completamento del gioco.

Il comparto sonoro presenta musiche orecchiabili ma l’effetto sonoro dello sparo prodotto dalle nostre bocche di fuoco risulterà un po’ fastidioso con il protrarsi della partita.

Manca la lingua italiana sia in forma scritta che orale, ma non inficia negativamente sul titolo che presenta dialoghi davvero leggeri e di facile comprensione.

I, AI è un titolo sparatutto bidimensionale che gioca sul fattore nostalgia degli affezionati a questo genere di giochi, con una grafica retrò e meccaniche degne dei suoi simili, dai quali però non riesce a distinguersi prendendo una sua identità nonostante sia un titolo davvero godibile offrendo un ottimo rapporto qualità-prezzo, costa € 9.99, ma non è adatto a chi cerca un’azione frenetica o una bella storia e, soprattutto, per chi non ha pazienza di rifare i vecchi livelli per raccogliere ulteriori sfere blu per potenziarsi.

Pro

  • Effetto nostalgia
  • Sparatutto 2D solido
  • Grafica retrò…

Contro

  • Monotono
  • Solo una nave
  • … ma sempre la stessa
RASSEGNA PANORAMICA
Voto Complessivo
6.3
Articolo precedenteRed Dead Online: versione indipendente a €4,99 e speciali ricompense fino al 15 febbraio
Prossimo articoloTeam17 torna agli anni ’80 con Narita Boy, la mistica tecno-avventura
Allevato dai bit del Commodore 64, ho sviluppato una passione col crescere del tempo che non ho mai rimpianto o sostituito con altro. Cresciuta di console in console, ho deciso di intraprendere la via della tastiera per cimentarmi nell'unica cosa in cui sarà bravo, forse, in tutta la mia vita... Parlare di videogiochi!