I Love Finding Cats Collector’s Edition – Recensione Nintendo Switch

Alla ricerca di dolci gattini

Il 2021 per me è stato un anno importante a livello ludico, pieno di grandi soddisfazioni soprattutto inerenti alla mia passione preferita: il Gaming.

Per aprire il 2022 in modo altrettanto grandioso, e augurarvi buon anno, non c’è niente di meglio che una recensione. Insieme con la mia compagna Paola, ho giocato e provato per voi I Love Finding Cats Collector’s Edition per Nintendo Switch, un piacevole punta e clicca arricchito da mini-giochi molto miciosi.

Il gioco, sviluppato originariamente da Tiny Little Lion per PC, è stato portato e pubblicato il 6 Gennaio 2022 su Nintendo Switch dal publisher croato Ocean Media Games.

La versione da me recensita, uscita sulla console ibrida giapponese, è la Collector’s ed è venduta al prezzo di 9,99€.

Alla ricerca dei gattini

Il gatto è un animale da compagnia eccezionale, ma tra le sue doti, oltre ad una buffa aria simpatica, c’è quella di nascondersi sempre nei posti più improbabili.

Come di certo avete capito dal titolo, I Love Finding Cats è un ibrido Hidden Object – Puzzle Game, che come focus principale ha la ricerca di gatti nascosti in scenari ispirati a varie località mondiali. Ogni area si basa su tre mini-giochi differenti: il primo è la classica ricerca di oggetti e gatti nascosti nello scenario, il secondo è il gioco delle differenze e il terzo è un puzzle dove andranno ricomposte le immagini dei nostri amici felini.

La parte di ricerca oggetti e gatti è divisa in due aree dove vanno cercati in totale 6 mici e numerosi oggetti ben camuffati nell’ambiente. Come bonus abbiamo una lente d’ingrandimento e l’aiuto di un gatto per trovare gli oggetti nascosti più difficili, ma purtroppo la mancata localizzazione italiana e la scelta di termini non sempre semplici costringe il giocatore a ricorrere spesso all’uso di un traduttore per capire l’oggetto da trovare (a volte anche con il traduttore ho avuto problemi).

Il gioco delle differenze risulta il più appagante dei tre; i gatti da trovare in questo caso sono 3 e sono divisi tra due foto simili dello stesso scenario, trovati i mici bisogna scovare 12 differenze tra la foto di sinistra e quella di destra. Il livello di difficoltà è buono, ma non eccessivo e anche in questo caso ogni tot di secondi si riceve un aiuto per trovare la differenza, lasciando inoltre la possibilità di saltare il mini-gioco se lo riteniamo troppo difficile.

La parte puzzle del gioco è costituita da foto di gatti da ricostruire collocando i pezzi tagliati nel posto giusto. Alla fine in questa modalità serve solo un pò di pazienza per collocare ogni tassello nel posto corretto.

Tutti e 3 i mini-giochi danno valuta di gioco da spendere, sbloccando gatti per la nostra collezione virtuale. Purtroppo il sistema di punteggio basato su stelle di bronzo, argento e oro sembra rendere decisamente più semplice il conseguimento dell’oro nel gioco delle differenze e nel puzzle, mentre nella ricerca l’obiettivo risulta molto più ostico. Inoltre a causa di un bug non sono riuscito a sbloccare l’ultimo gatto della collezione, cosa alquanto fastidiosa dopo aver finito ogni livello (collector’s inclusa).

Rilassante come le fusa

I Love Finding Cats punta decisamente su ritmi, musiche e ambientazioni rilassanti. Il gioco non ha una trama e la cosa in questo caso non è un difetto.

Le musiche sono varie e piacevoli, ma non eccellono particolarmente, le ambientazioni sono ricche di oggetti ben nascosti e hanno un minimo di animazione per rendere la scena meno statica.

I difetti principali da me trovati sono una scarsa precisione nei comandi quando si gioca con pad o joy-con, mentre il touch-screen gode di buona reattività. Inoltre in alcuni scenari la lente di ingrandimento, ingrandisce l’ambiente anche fuori dal suo raggio d’azione.

La longevità è discreta, il gioco, compresi contenuti CE, ha una durata tra le 6 e le 7 ore e può essere rigiocato se ci si pone come obiettivo il completamento con tutte le stelle d’oro all’attivo.

Tutti i mici al proprio posto

Ho giocato I Love Finding Cats Collector’s Edition su Nintendo Switch 2019 principalmente su TV con l’ausilio di un Pad Pro, provando poi in seguito la modalità portatile e i comandi Touch. Ho trovato tutti i gatti e finito i livelli con l’aiuto di Paola, giocando all’incirca 7 ore. La ricerca è stata piacevole, anche se il titolo ha chiaramente qualche limite tecnico e nel complesso risulta ripetitivo.

Chiaramente consiglio l’acquisto solo agli appassionati di gatti, magari in cerca di una sfida con la lingua inglese (localizzazione solo inglese-olandese). Inoltre può essere interessante se giocato con bambini. Il costo di 9,99€ è adatto al prodotto, ma solo al patto di amare questo genere di giochi e accettare i difetti/limiti da me descritti.

Pro

  • Gatti
  • Rilassante
  • Ottimo con Touchscreen

Contro

  • Non localizzato in italiano
  • Alcuni Bug
  • Comandi fisici poco precisi
Annuncio
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
7
Articolo precedente“Inua: A story in Ice and Time”, un gioco narrativo che esplora i misteri dell’Artico, annunciato per PC, Switch e mobile
Prossimo articoloWindJammers 2 – Recensione Xbox Series X
Staccato il ciuccio dalla bocca ho preso un pad in mano per non mollarlo più, non son un Pro Gamer, cerco l'essenza del gioco.
I Love Finding Cats Collector’s Edition è arrivato su Nintendo Switch il 6 Gennaio 2022 al prezzo di 9,99€. Il gioco è un ibrido Hidden Object - Puzzle Game sviluppato da Little Tiny Lion e pubblicato su Switch da Ocean Media Games. La struttura del gioco è basata su tre mini-giochi: il primo di ricerca oggetti nascosti, il secondo di ricerca differenze tra due foto e il terzo è un classico puzzle dove ricomporre fotografie di piccoli e dolci micetti. Nelle prime due modalità, oltre all’attività principale, vanno cercarti gatti nascosti all’interno dello scenario. A livello tecnico troviamo un prodotto discreto, ma non privo di difetti, tra cui spiccano l’imprecisione dei comandi fisici e la mancata localizzazione in italiano, aggravata dall’uso di un inglese complicato. Tutto sommato al netto di questi difetti e con l'ausilio di un traduttore, questo titolo può essere apprezzato dagli amanti dei gatti, in ricerca di una sfida con la lingua e inglese e dai bambini.i-love-finding-cats-collectors-edition-recensione-nintendo-switch