Isolomus – Un viaggio (breve) fatto di angoscia e plastilina – Recensione Nintendo Switch

Eccomi di nuovo a recensire un gioco, o meglio, un’opera d’arte interattiva multimediale, realizzata interamente a mano mediante l’uso di plastilina.

Trama

“Lo giuro, mi hanno costretto a fare questo gioco! Aiutami!!! (borbottii lontani e suoni di lotta)… Il tempo di gioco è di circa 10-20 minuti. Spero che ricorderai questa esperienza per molto tempo.”

Isolomus edito da SometimesYou è un horror puzzle game punta e clicca dalla durata molto breve (circa 15 minuti). In questo breve lasso di tempo i nostri occhi verranno investiti da opere d’arte angoscianti e raccapriccianti realizzate, come ho scritto in apertura di recensione, interamente a mano grazie all’utilizzo della plastilina.

Il gioco è stato realizzato da Rfdshir Games (Michael Rfdshir) sviluppatore indipendente, che utilizza sculture di plastilina fatte a mano ed animazione fotogramma per fotogramma per creare i suoi giochi. L’autore si focalizza su mondi e visioni profonde, insolite ed attraenti che non lascerebbero nessuno indifferente.

Questo è Isolomus un’esperienza breve che però lascia il segno (bello o brutto questo sta a voi deciderlo).

Il Gioco ed il GamePlay

Queste opere interagiranno con noi grazie al tocco del nostro dito sullo schermo. Potremmo così vedere esseri ignoti sciogliersi davanti ai nostri occhi, un uccello fatto di latta, patate, pane, forchette (sì, non sto scherzando) prendere il volo e via dicendo il tutto condito da atmosfere grottesche e qualche immagine subliminale.

Nonostante l’assenza di un tutorial, I rompicapo sono molto semplici da risolvere. Alcuni di essi, tra l’altro, portano ad una strada alternativa della storia. Isolomus è infatti una breve avventura horror artigianale con scelte multiple…

Il titolo possiede due finali, pare che siano uno peggiore dell’altro (pare, poiché in tutte le partite che ho fatto, nonostante le scelte diverse, sono incappato sempre nello stesso, per cui non lo so per certo!) Insomma, in quest’esperienza non esiste un lieto fine. Quindi ponderate bene le vostre scelte!

Caratteristiche Tecniche

Isolomus si gioca esclusivamente mediante l’utilizzo del touch screen, niente tasti. Questa scelta facilita il gameplay in quanto il cursore viene guidato dal nostro dito… o così dovrebbe essere. Capita spesso, infatti, che non accada niente al primo tentativo nonostante si stia premendo con il proprio dito l’oggetto interattivo; bisogna quindi insistere per essere ascoltati dal gioco. L’esperienza di gioco non viene seriamente compromessa, ma è comunque fastidioso. 

Per quanto riguarda invece le prestazioni, niente da segnalare. Il gioco gira bene sia in portatile che in modalità TV, non presenta cali di frame ed i caricamenti sono pressoché nulli.

Musiche e Audio

Le musiche sono state scritte più per amplificare il senso di angoscia che altro. Sono pressoché un contorno fatto di rumori (la plastilina che si scioglie per esempio), suoni ambientali, synth e piano.

Localizzazione

Il gioco non presenta alcun testo, qui si viaggia di immagini e tanta fantasia.

Conclusione

Questo titolo mi aveva colpito sin dal trailer perché mi riportava alla mente un video dei Tool (alternative progressive metal band americana) ed a un periodo della mia gioventù particolarmente bello, così ho deciso di provarlo. Ho scoperto un buon horror puzzle game punta e clicca (basato esclusivamente sull’utilizzo del touchscreen) non troppo impegnativo e dalla breve durata (circa 15 minuti), realizzato con sculture di plastilina fatte a mano animate fotogramma per fotogramma.

Isolomus è un viaggio 15 minuti all’interno della mente creativa dell’autore, fatta di mondi inquietanti, opere d’arte angoscianti e raccapriccianti, visioni profonde, insolite ed attraenti che non lasciano di certo indifferenti.

Pro

  • Esperienza
  • Durata
  • Atmosfera
  • Suoni

Contro

  • Non adatto a tutti
  • Piccole imprecisioni nel Gamplay
Annuncio
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
8.2
Articolo precedentethatgamecompany annuncia Sky: Children of the Light per Nintendo Switch
Prossimo articoloFaircroft’s Antiques: Home For Christmas Collector’s Edition – Recensione Nintendo Switch
#indiependentgamer Bass Player & VideoGame Music Composer. Anime, Manga & Comics Lover. Retrogamer. Sport Lover.