Italian esports awards: ecco i vincitori

È terminata da poco la cerimonia di premiazione degli Italian Esports Awards (IEA), il premio promosso da IIDEA che celebra i protagonisti del mondo degli esports che più si siano distinti negli ultimi dodici mesi. I premi sono stati assegnati al termine dei lavori di Round One, l’evento che l’associazione di categoria dell’industria dei videogiochi in Italia e ProGaming Italia hanno organizzato per riunire in un unico luogo virtuale – ma con un centro nevralgico fisico nel Centro Congressi di Riva del Garda – tutti gli operatori nazionali, e diversi ospiti internazionali, che operano in questo ambito.

Viviamo un momento in cui il mondo degli esports è in fermento e in grande crescita anche in Italia, dove secondo l’ultima edizione del nostro rapporto annuale sul settore oltre 1.400.000 persone seguono eventi esports più volte a settimana, con una crescita del 20% nell’ultimo anno. È quindi impensabili, tanto per le istituzioni quanto per le aziende, ignorare questo fenomeno, e come associazione abbiamo voluto testimoniare la vicinanza agli operatori premiando le eccellenze dell’ultimo anno”, ha dichiarato Marco Saletta, Presidente di IIDEA. “Secondo gli italiani gli esports non sono solo una forma di intrattenimento, ma anche uno strumento per facilitare l’apprendimento dell’inglese, promuovere una competizione sana oppure un supporto per scoprire e approfondire passioni anche in ambiti come storia, arte e scienze. Con gli Italian Esports Awards e la prima edizione di Round One abbiamo voluto dare un segnale di forte attenzione nei confronti di chi quotidianamente si impegna per la crescita di questo settore”.

I vincitori degli Italian Esports Awards sono stati scelti da una giuria composta da Stefano Silvestri (direttore di Eurogamer.it e responsabile sezione esports de La Gazzetta dello Sport), Filippo Pedrini (Esports, Entertainment & New Media Advisor), Francesco “Deugemo” Lombardo (Esports Reporter) e Sara “Kurolily” Stefanizzi (variety streamer) e Ivan Grieco (streamer, caster e presentatore professionista).

Durante la cerimonia di premiazione degli Italian Esports Awards sono state assegnate cinque statuette: Best Italian Team, Best Italian Player, Best Italian Content Creator, Best Italian Caster ed Esports Game of the Year.

Il premio come Best Italian Player è stato assegnato a Riccardo “Reynor” Romiti. Già premiato agli Italian Video Game Awards 2019 come Best Esports Player, Riccardo scopre StarCraft II ad appena 8 anni e mezzo e oggi rappresenta il futuro dell’esport italiano nel mondo, come dimostrano anche le vittorie al WCS Winter e al WCS Summer nel 2019, al Dreamhack Masters Summer 2020, e nel settembre 2020 anche al Dreamhack Masters Fall.

Best Italian Team è stato nominato il Team QLASH, l’organizzazione dedicata agli esports fondata nel 2017 da Luca Pagano e Eugene Katchalov. Oltre all’impegno nelle competizioni, Team QLASH si occupa di creare e supportare community gaming ed esports a livello globale e locale, attraverso l’uso innovativo di produzione dei contenuti, gestione dei pro player e degli influencer e organizzazione di eventi community e competitivi.

Figura storica del settore, in Italia e all’estero, Simone “AkirA” Trimarchi è il Best Italian Caster di questa edizione degli IEA. Simone è un ingegnere elettronico che ha utilizzato per la prima volta un nickname nel 1996 insieme ai suoi compagni di classe in una sala LAN romana. Compete nel suo primo torneo di videogiochi nel 1997 e da quel momento vince tutto ciò che poteva vincere in titoli come Starcraft. Grazie alle sue vittorie è tra i primi italiani a partecipare a un evento esport internazionale in Corea del Sud nel 2001, da allora decide di trasformare questa passione in un lavoro.

Volto ormai noto anche al di fuori del confine degli esports, Giorgio “POW3R” Calandrelli ha vinto il premio di Best Italian Content Creator. Giorgio “Pow3r” Calandrelli è un pro player in forza ad uno dei più prestigiosi team di esports internazionali, Fnatic. Pioniere nell’utilizzo di Twitch in Italia, a oggi il suo canale è il più seguito in Italia sulla piattaforma di streaming dove è tra i 141 canali al mondo ad avere raggiunto 1 milione di follower, ai quali si aggiungono i numeri di YouTube.

Il premio come Esports Game of the Year, infine, è stato assegnato a League of Legends, videogioco online del genere MOBA sviluppato e pubblicato da Riot Games, con una scena di esports attiva e diffusa che coinvolge tutto il mondo attraverso i diversi campionati organizzati da Riot Games, che confluiscono nel Campionato mondiale che si tiene alla fine di ogni stagione e che nel 2019 ha registrato 100 milioni di spettatori.

La prima edizione di Round One

I lavori di Round One sono iniziati alle 12:45 con un saluto istituzionale del Presidente di IIDEA Marco Saletta. La giornata, presentata da Bryan Ronzani – speaker radiofonico, presentatore dei maggiori eventi esports e gaming in Italia e founder di The Box, il primo lateshow su Twitch – e Daniela Delle Cave – attrice, doppiatrice e presentatrice – ha quindi visto la partecipazione di importanti esponenti nazionali e internazionali del settore a momenti di approfondimento su tematiche quali regolamentazione del settore nel panel dedicato.

A seguito del momento dedicato alla presentazione del terzo Rapporto sugli Esports in Italia, realizzato in collaborazione con Nielsen Sport, è stato possibile saperne di più su argomenti quali le modalità per ottenere visibilità in ambito esports, la misurazione del ritorno sull’investimento oppure i modi per sviluppare e implementare l’in-game advertising. Ma anche parlare delle esperienze di sponsorizzazione di grandi eventi esports da parte dei brand, fare il punto sulle esperienze di sponsorizzazione dei team esports.

Grande ospite di questa prima edizione della manifestazione Jens Hilgers, considerato “il padrino degli esports” dopo aver fondato diverse aziende leader del settore degli esports come ESL o i G2 Esports e attualmente Founding General Partner di BITKRAFT Ventures. Il primo “Digital Showcase” firmato da IIDEA con la partecipazione dei principali operatori esports attivi in Italia ha invece dato la possibilità a potenziali sponsor o investitori di scoprire soci dell’Associazione, team e organizzatori.

La prima edizione di Round One è stata organizzata da IIDEA in collaborazione con ProGaming Italia, Nielsen Sports, e Riva del Garda Fierecongressi spa. Per rimanere aggiornati sugli sviluppi futuri e le prossime edizione dell’evento è possibile seguire il sito https://roundone.gg e registrarsi alla newsletter dedicata per non perdere le ulteriori novità.