jagged-alliance-rage-recensione-review-giochi-xbox-one-x-4k-hdr-games-paladins

Quando un titolo raggiunge l’apice del successo, ma non si riesce a valorizzarlo abbastanza, gli sviluppatori possono decidere di “congelare” quel brand per poi riprenderlo in futuro con una rinnovata ideologia che lo riporti alla ribalta migliorando consci anche del fatto che i fan di vecchia data approveranno il ritorno del loro brand preferito. Ma non sempre si rivela una cosa positiva, come per il titolo di cui vi parlerò oggi, ovvero Jagged Alliance:Rage!

Cliffhanger Productions, lo studio che si è occupato della realizzazione e dello sviluppo del titolo ed originario della città tedesca di Francoforte, ha prodotto un titolo riprendendo una delle sue serie più longeve riportandolo alla vita dopo un lungo periodo di stasi del brand com’è accaduto in questi ultimi tempi con molti suoi simili, ovvero titoli che negli anni della loro uscita hanno riscontrato l’entusiasmo e il successo ritornati a nuova vita con le giuste migliorie del caso per girare al meglio della loro performance sulle console di ultime generazione ma, da quanto risulta e diversamente dai vari suoi coetanei, non è stata ripagata come dovrebbe l’attesa dei fan di questa serie.

Non appena inizieremo la nostra partita una sequenza animata ci illustrerà che l’elicottero dove si trovano i nostri protagonisti, che non saranno personalizzabili e nemmeno potremo crearli da zero, si schianta al suolo.

Potremo scegliere due personaggi tra i sei disponibili, Dr. Q. Huaong, Ivan Dolvich, Charlene “Raven” Higgens, Kyle “Shadow” Simmons, Victoria “Vicki” Waters ed Helmut “Grunty” Grunther, che ci accompagneranno nella nostra avventura nell’apposita schermata di selezione.

Ognuno di loro avrà delle qualità, come l’essere esperto nelle armi da fuoco automatiche e infliggere ulteriori danni da mischia, e dei fattori negativi, come il non essere particolarmente preciso con le armi da fuoco o non essere al pieno delle forze mentre è sobrio quindi dovremo trovare dell’alcol da fargli bere per riportarlo al suo vigore.

Inoltre, ognuno avrà un’abilità particolare chiamata Rage e che si attiverà tramite la conquista, e la successiva spesa, di un tot di punti tra le quali la capacità di curare se stesso e gli altri, peculiarità del Dr. Q. Huaong, o l’abilità di proteggere l’altro compagno facendogli da scudo, caratteristico di Ivan Dolvich.

Lo scopo principale del titolo è quello di sventare i piani di un signore della droga smontando anche il suo intero cartello, muovendoci all’interno delle mappe di gioco. I movimenti andranno pianificati facendo senso alle nostre capacità strategiche, se siamo intenzionati a giocare in maniera stealth così da facilitarci il compito, per eliminare i nemici senza allertarli e girare per la mappa senza destare troppi sospetti tra le fila nemiche.

Durante il nostro girovagare potremo trovare anche oggetti utili che potremo utilizzare come equipaggiamento sia offensivo che difensivo che ci permetteranno di resistere e infliggere qualche colpo in più prolungando il gioco fino al raggiungimento del nostro scopo, aumentando i nostri parametri.

Non mancano certo aspetti negativi in Jagged Alliance: Rage! e, mi tocca dirlo, non vanno presi alla leggera. Primo tra tutti abbiamo la IA nemica che lascia molto a desiderare essendo anche fin troppo facile ingannarla senza ingaggiare un combattimento di alcun tipo dandoci la possibilità di andare avanti indisturbati fino alla fine, dimostrando inoltre una curva di difficoltà quasi del tutto inesistente ma, bisogna dire anche questo, se lo giocheremo a Difficile (ultima modalità su tre) troveremo una sfida più impegnativa ma non del tutto impossibile.

Inoltre, cosa di poco conto però, la struttura GDR introdotta in questo titolo potrebbe far storcere il naso ai fan puristi che aspettavano un degno successore ritrovandosi però delusi e amareggiati.

Dal punto di vista tecnico Jagged Alliance: Rage! si presenta con una grafica molto cartoonesca, piena di tonalità che si amalgamano bene tra loro. Il comparto audio lascia un po’ a desiderare ma conta alcune musiche che riescono a coinvolgere un po’ il giocatore.

Un punto a favore invece è dato dalla praticità dei controller che non creano nessun tipo di problema e sono facili da usare, oltre alla mancanza di cali di frame rate. Da segnalare la presenza dei sottotitoli in lingua italiana.

Jagged Alliance: Rage! è un titolo che è stato atteso per molto tempo dai fan accaniti della serie ma che, purtroppo, non ricompensa come dovrebbe questa attesa.

Non privo di difetti è comunque godibile in sessioni mordi e fuggi ma può annoiare a lungo termine per la monotonia delle missioni. Consiglio di giocarlo in multi giocatore così da aumentare il divertimento offerto anche se il prezzo potrebbe far influenzare in negativo sull’acquisto finale, costa € 29,99, per tutti questi motivi vi consiglio di ponderare bene la scelta per l’acquisto riponendolo tra una delle scelte di alcuni suoi simili che risultano superiori.

Il nostro voto: 5.7

thumbs-up-icon
Pro
  • Divertente in multi giocatore…
  • Personaggi dalle buone qualità
thumbs-down-icon
Contro
  • … noioso da solo
  • Missioni ripetitive
  • IA nemica
  • Grado sfida quasi inesistente
RASSEGNA PANORAMICA
Voto Complessivo
5.7
Articolo precedenteUn nuovo trailer ci prepara a quello che succederà al lancio di KINGDOM HEARTS III il 29 Gennaio
Prossimo articoloSheltered – Recensione Nintendo Switch
Allevato dai bit del Commodore 64, ho sviluppato una passione col crescere del tempo che non ho mai rimpianto o sostituito con altro. Cresciuta di console in console, ho deciso di intraprendere la via della tastiera per cimentarmi nell'unica cosa in cui sarà bravo, forse, in tutta la mia vita... Parlare di videogiochi!