Little Big Workshop – Parola d’ordine: Fatturare! – Recensione

Ecco qui a recensire un tipo di gioco che non sono solito “giocare”. Mi è stato affidato questo arduo compito ed io eseguo, mi organizzo il lavoro in modo da riuscire ad incastrare tutto nella mia giornata per far fruttare al meglio il tempo che ho a disposizione e cercare di contribuire al meglio all’andamento mensile del sito altrimenti il capo mi “licenzia” 😆 .

Questo incipit è in tono scherzoso però racchiude perfettamente quello che è il gioco che andrò a recensire: un gestionale basato sull’organizzazione di un’azienda; bilanci, contratti, grafici / andamento, gestione del personale e degli spazi ad esso dedicati…

Se non si ha un minimo di spirito capitalista imprenditoriale la bancarotta è l’unica cosa che vi aspetta dopo pochi minuti di “gioco”.

Lo studio svedese Mirage Games Studios assieme a Massive Miniteam, Handy Games e THQ Nordic hanno creato, sviluppato ed edito: Little Big Worshop un videogioco gestionale per principianti (a detta di loro.. io non arrivo a fine mese con la mia fabbrica.. hahah). Guardiamo assieme di cosa si tratta più nel dettaglio.

Trama

Immaginiamo che una fabbrica magica appaia nel nostro salotto. Un capolavoro attentamente pianificato, nel quale operai diligenti mettono insieme tutto ciò che i clienti vogliono. Papere di gomma e cassettiere, droni e chitarre elettriche, scooter e altri meravigliosi prodotti possono essere creati usando materiali diversi e venduti; il denaro guadagnato puoi investirlo direttamente nella fabbrica per ottenere più macchine, più lavoratori e far crescere il tuo business. In Little Big Workshop diventi un magnate della produzione!

Il Gioco

Little Big Workshop è un gioco sandbox per principianti basato sulle piccole fabbriche dell’industria manifatturiera. Quelle che ci sono nei paesini o nelle piccole città dell’Italietta. Inizia in piccolo e diventa grande! Questo il motto del titolo. Un’esperienza di gioco in cui potremo passare ore a modificare, migliorare e provare finché non otterremo il risultato giusto. Una volta ottenuto potremo concentraci sulla gestione del commerciale e del reparto amministrativo.

Come giocatori vestiremo i panni di un manager, responsabile di tutto ciò che accade nella nostra fabbrica. Il nostro obiettivo principale sarà la fabbrica e le sfide pratiche, come la gestione dei tuoi lavoratori, la manutenzione e l’acquisto di macchinari, la progettazione di linee di produzione efficienti, il tutto entro il limite di tempo e con soddisfazione dei nostri clienti! Più facile da scriversi che da farsi!

Gameplay

Little Big Workshop sul fronte manageriale è completo. Ogni menu spiega dettagliatamente cosa andremo a fare se attiveremo quella tal funzione. Al punto che sarà più il tempo che passeremo a leggere che quello che passeremo ad organizzare il lavoro, perché giocare in fondo in fondo non lo si fa, almeno per come lo intende la maggior parte delle persone. Qui si simula un vero e proprio software per la gestione imprenditoriale.

Camuffato da videogioco, grazie all’uso di espedienti belli da vedere come l’uso di uno stile grafico happy, personaggi pucciosi, ambienti e menù colorati, Little Big Workshop vi farà immergere nel mondo del lavoro “delle alte sfere”: il vostro compito è quello di far quadrare i bilanci, far lavorare gli operai, assumerli, licenziarli, garantirgli lo stipendio, cercare con espedienti e trucchetti aziendali (costruire la saletta ristoro per tenerli buoni, tanto per citarne uno) per farli fruttare al meglio, scegliere le materie prime…

Dall’altra parte ci sono invece i clienti d’accontentare, chiudere contratti, fargli arrivare la merce entro i tempi stabiliti. Tutto questo cercando il più possibile di investire i soldi nei macchinari giusti per organizzare al meglio la catena di produzione.

Bene, ok… ma come si fa tutto questo?

A farvi da guida ci pensa un bel tutorial completo ad inizio gioco (che vi accompagnerà poi ogni volta ci sarà una nuova operazione da svolgere) il quale grazie a dei menù chiarissimi ed intuitivi vi farà imparare in poco tempo le basi del gioco per sopravvivere almeno al primo contratto (esperienza personale) dopodiché sarà tutto nelle vostre mani (ed ecco perché sono durato, all’inizio un paio di commissioni).

La vostra bella fabbrichetta parte piccolina, tre stanze ed una rampa per il carico scarico. All’inizio dovrete curarvi di comprare i macchinari necessari per eseguire il primo contratto di lavoro, procurarvi le materie prime ed impostare lo schema lavorativo per ottimizzare al meglio la produzione dei nanetti da giardino (si, il vostro primo compito sarà proprio quello). Per farlo, oltre ai macchinari, dovrete assumere il personale, stare attenti al tempo ed ai giorni che passano onde evitare perdite di fatturato, consegne in ritardo e dipendenti che… stramazzano al suolo perché esausti.

Ottimizzare al meglio il percorso dei dipendenti per evitare spreco di tempo e di risorse, ed arredare sia gli spazi comuni (sala ristoro) che il magazzino e l’officina. Dove si trovano queste zone? Lo decidete voi perché il titolo offre una vasta gamma di oggetti per rendere il più personale possibile la vostra fabbrica.

Più giocherete e più sbloccherete contratti, obiettivi, completi d’arredo per la fabbrica, potrete assumere ulteriori autisti, operai specializzati e creare vere e proprie catene di montaggio per fatturati stellari! Per la gioia della vostra impresa virtuale, dei clienti e degli operai.

Caratteristiche Tecniche

Il titolo, se da una parte è completo (parte manageriale, menù e quant’altro) dall’altra, il lato tecnico, presenta alcune pecche. Ci sono per esempio dei bug e pop-up in game qua e là cosi come dei cali di frame nei frangenti più impegnativi per il gioco: le sezioni con più operai all’opera che devono svolgere operazioni in contemporanea, tanto per citare un esempio.

Sul fronte dei comandi niente da dire, rispondono bene e non sono molto complicati da imparare. La grandezza dei caratteri di testo poteva essere gestita meglio perché in modalità portatile si fa fatica a leggere. Niente da dire invece se lo giocate in modalità TV.

Non supporta il touchscreen ed è un peccato perché sarebbe stato carino riuscire a muoversi tra i menu mediante l’uso del dito che, per determinate operazioni, sarebbe stato più semplice da usare che il cursore stesso del gioco.

Musica e Audio

Le musiche presenti in Little Big Worshop risultano rilassanti anche dopo lunghe sessioni di gioco non tendono ad innervosire o a disturbare il vostro operato.

Localizzazione 

Il gioco è completamente in italiano: menù, sotto menù, descrizioni e funzioni. Tutto è stato tradotto in buon italiano. Bene così.

Conclusione 

Little Big Worshop è un gioco che farà la gioia degli appassionati d’imprenditoria e dei titoli manageriali in genere. Infatti, come ho detto in fase di recensione, il titolo è completo sotto tutti gli aspetti di produzione, gestione, mantenimento di un’azienda.

Altro punto a favore del titolo è la grande libertà di personalizzazione degli ambienti di gioco. Per arredarli ci sono un infinità di oggetti e mobilio dai quali pescare quello che più ci aggrada. Se sul fronte gestione, personalizzazione siamo praticamente apposto, su quello della longevità del titolo prima che subentri la ripetitività / noia siamo nel “dipende da voi” nel senso che questo gioco dopo qualche ora è, per forza di cose, ripetitivo. D’altronde lo scopo è soltanto uno: accumulare pila.

Consigliato a chi ama questo genere di videogiochi provatelo perché completo e la sfida è abbastanza alta. Per i neofiti: se siete curiosi provatelo perché il tutorial e le linee guida all’interno del gioco sono molto chiare. Sappiate però che è un gioco tosto. Bene ora vado a cercare di non far fallire la S.I.G.I.O. Inc.

Parola d’ordine: Fatturare!

Pro

  • Fedele al mondo del lavoro
  • Completo sotto l’aspetto manageriale
  • Grafica piacevole
  • Gioco completamente in Italiano

Contro

  • Non adatto a tutti
  • A lungo andare diventa ripetitivo