Marblelous Animals – Recensione Nintendo Switch

Non tutti i titoli videoludici puntano tutto il loro charme su una storia ben fatta. C’è ci sfonda il mercato con un gameplay frenetico, chi in una lore immensa capace di far appassionare anche il più restio a un particolare genere e c’è chi partendo da un’idea semplice, ma originale, riesce a creare quel titolo capace di travolgere i giocatori con la sua semplicità e funzionalità a tratti basilare. Ed ecco, perché oggi vi parlerò di Marblelous Animals.

BadLand Publishing, introduce un titolo divertente ed esilarante sviluppato da MoadStudio portandolo dal mercato mobile alla console Nintendo di questa generazione.

Non appena inizieremo la nostra nuova partita potremo selezionare la prima delle due aree di gioco, rispettivamente Nord e Sud Africa, ognuno dei quali è composto da un totale di 20 livelli e di cui quest’ultima sarà sbloccabile solo dopo aver accumulato 45 stelle, per avere accesso ai vari livelli di gioco ognuno dei quali avrà tre obiettivi per completarlo al 100% ottenendo tutte e tre le stelle che, di base, restano le stesse per la quasi totalità dei livelli, ma potrebbero cambiare in base a determinate variabili come, per esempio, il numero degli animali sferici presenti nel livello stesso. Essi sono: completare il livello imbucando almeno una o tutte le sfere animali, completarlo entro un tempo limite e raccogliere tutte le monete presenti all’interno del livello.

Lo scopo principale di Marblelous Animals è quello di far roteare i nostri amici animali su un terreno semovente fino a farlo cadere nella buca, impiegando il minor tempo possibile.

In base ai tre parametri prima elencati guadagneremo un numero di stelle da una, minimo, a tre, massimo, meccanica che piacerà soprattutto ai completisti incalliti. Inoltre, una volta completati un tot di livelli verranno sbloccati nuovi animali che potranno comparire randomicamente durante il gioco.

Fin dall’inizio avremo il giaguaro e l’antilope, ma poi sbloccheremo la zebra, il leone, la giraffa, il coccodrillo, il gorilla, l’elefante, il lemure e il fenicottero per un totale di dieci paffuto e rotondi animali.

Oltre a sbloccarli però, dovremo acquistarli spendendo le monete o i più rari rubini che collezioneremo nei livelli per averli in gioco.

Man mano che avanzeremo nei livelli, questi inizieranno a diventare più complessi e intriganti, anche attraverso l’aggiunta di nuove meccaniche come, per citarne una, la buca per rimbalzare che ci permetterà di avanzare sui diversi piani in cui è strutturato il livello.

Com’è facile intuire però Marblelous Animals può risultare molto ripetitivo dopo qualche ora di gioco intensiva, complice anche la mancanza di un vero e proprio fattore che invogli a rigiocarlo una volta completato.

La presenza di una vera e propria modalità sfida, a tempo o a tema che sia, avrebbe inciso di più sul titolo e sulla sua durata, donandogli un giusto mordente che invoglia qualsiasi giocatore alla ricerca di una vera sfida a rimboccarsi le maniche e portare i suoi amici animali in buca.

La curva di difficoltà cresce di pari passo con il nostro progredire nei livelli, ma non risulta mai frustrante o particolarmente impegnativa tranne per qualche livello in cui basterà qualche tentativo in più per ottenere le tanto agognate 3 stelle.

Dal punto di vista tecnico Marblelous Animals si presenta con un comparto grafico niente male, molto colorato e ben ispirato alla flora del luogo da cui trae ispirazione. Gli elementi dello scenario, la versione rotonda di ogni animale e i modelli delle piattaforme risultano ben curati e rifiniti, senza sbavatura alcuna.

Il comparto audio presenta musiche allegre ma fini a se stesse, non troverete quella canzone che vi rimarrà in testa anche dopo averlo giocato per un paio d’ore. Inoltre, presenta dei suoni di gioco molto godibili e che esprimono bene l’azione o l’oggetto che stiamo compiendo o raccolto in quel preciso momento.

Manca totalmente la lingua nostrana in qualsiasi voglia forma, ma non se ne sente realmente la mancanza visto che non esistono dialoghi.

Marblelous Animals parte da un’idea carina e originale affiancata da un gameplay molto valido e che terrà impegnato il suo compratore per un po’ di tempo.

Anche se, come detto prima, cade facilmente vittima della ripetitività dopo qualche ora di gioco intenso restando però perfettamente godibile e ideale alle classiche sessioni mordi e fuggi.

Con una modalità Sfida dedicata avrebbe potuto fare di più, ma già a questo livello di contenuti riesce a farsi giocare molto tranquillamente.

Al costo di € 4.99 propone un ottimo rapporto qualità-prezzo, diventando un acquisto molto appetibile sullo shop della console.

Il nostro voto: 6.3

Pro

  • Idea originale
  • Grafica ben strutturata
  • La versione gonfiata degli animali è molto divertente

Contro

  • Manca una modalità sfida
  • Non particolarmente impegnativo
  • Poco rigiocabile

RASSEGNA PANORAMICA
Voto Complessivo
6.3
Articolo precedenteRebel Cops – Recensione Xbox One
Prossimo articoloDisintegration – L’imminente beta tecnica si presenta con un trailer
Allevato dai bit del Commodore 64, ho sviluppato una passione col crescere del tempo che non ho mai rimpianto o sostituito con altro. Cresciuta di console in console, ho deciso di intraprendere la via della tastiera per cimentarmi nell'unica cosa in cui sarà bravo, forse, in tutta la mia vita... Parlare di videogiochi!