Marvel s Avengers recensione review Muan79 ps4 playstation 4 ps5 playstation 5

Fin dalla sua presentazione il titolo dedicato ai “Vendicatori Marvel” creato da Crystal Dynamics, con il supporto di Eidos Montreal, per Square-Enix, ha destato diversi dubbi fra i giocatori ed i diversi addetti a lavori che avevano potuto testare il gioco.

Il primo dubbio ricadeva sicuramente sulla rappresentazione digitale dei vari eroi, che rimaneva si fedele ai fumetti, ma si allontanava un po’ da quella cinematografica che in questi anni è entrato con forza nell’immaginario di molti, soprattutto grazie a gli ultimi due capitoli con Thanos come nemesi.

Quindi niente Robert Downey Jr., Chris Evans, Mark Ruffalo, Chris Hemsworth e Scarlett Johansson nel videogame dei vendicatori, ma attori diversi, con già un’esperienza nel campo videoludico, come Nolan North e Troy Breaker, che prestano le proprie fattezze a gli iconici eroi.

Il secondo grande problema è la tipologia di gioco a cui appartiene Marvel’s Avengers, ovvero quello dei “games as a service”, quei titoli prettamente votati all’esperienza online e con un supporto continuo, che hanno come scopo quello di trattenere il più a lungo possibile il giocatore nel mondo di gioco.

Devo ammettere che tralasciando il primo punto, quello prettamente estetico, sono abituato ad anni di fumetti della casa delle idee (e non solo) per ciò vedere incarnazioni differenti dei vari eroi è una cosa normale, ogni autore ha una sua visione stilistica dei personaggi, il mio dubbio ricadeva sulla tipologia di gioco.

I G.A.A.S. mi hanno sempre fatto storcere il naso, a parte qualche mese sul primo Destiny, non sono mai riuscito a stare troppo a lungo con un titolo, perciò non ero molto convinto della formula utilizzata da Square-Enix, ma pian piano raccogliendo informazioni sul gioco e dopo aver provato con mano la beta, la mia paura iniziale è un po’ svanita, spingendomi a ricredermi sulla bontà del titolo, ma vediamo bene perché.

Tutto ha inizio durante l’A-Day, la giornata dedicata a gli Avengers, con una piccola Kamala Khan sognante e speranzosa di vincere il concorso per la sceneggiatura migliore, nel girovagare degli stand (una vera goduria per i fan dei vari personaggi Marvel) la nostra giovane protagonista conosce i suoi eroi, che di lì a pochi minuti saranno coinvolti in una battaglia che segnerà l’inizio della fine, quella famosa battaglia sul ponte che avete visto nei primi trailer e che se avete provato la fase di test alcune settimane fa.

Attraverso una turnazione, contestualizzata ai fatti che la storia vi sta facendo vivere, vi ritroverete a utilizzare i cinque eroi, partendo da Thor, in successione utilizzerete Iron Man, Captain America, Hulk ed in fine Black Widow.

Ogni personaggio presenta un pattern di mosse differente incentrate sulle peculiarità dell’eroe, Thor e Iron Man ad esempio sono gli unici in grado di volare, Hulk afferra i nemici e può scagliare massi contro i nemici, Cap è quello, assieme a Black Widow, più agile e votato al corpo a corpo, insomma ogni eroe riesce a restituire ottime sensazioni al giocatore ricreando perfettamente le caratteristiche che gli hanno resi famosi nei fumetti e nei film.

Versione PS4

Dopo i tragici avvenimenti dell’A-Day, che fanno da sequenza introduttiva e allo stesso tempo da tutorial, tutto è cambiato. Il gioco ci porta in avanti di ben cinque anni, dove i Vendicatori si sono sciolti e vengono etichettati come “pericolosi” e soprattutto sono indicati da tutti come la causa dei problemi che sono scaturiti in quel tragico giorno, dove la nuova tecnologia presentata al mondo “il Terrigen” ha scatenato un disastro e provocato la nascita degli Inumani, essere dotati di super poteri, ma non in grado di utilizzarli e quindi ritenuti pericolosi.

Il mondo è sotto il controllo dell’A.I.M. società nata sul declino delle Stark Industries, che vede nella tecnologia l’unico futuro del genere umano e che nascondendosi dietro la promessa di trovare una cura per gli Inumani continua indisturbata la sua crescita e non solo. La storia da qui in poi ci mette nei panni di una Kamala Khan, la futura Ms.Marvel, cresciuta e datata di poteri, che nella sua disperata ricerca della verità trova, grazie ad un hacker della resistenza, una prova che ridarebbe credito al buon nome degli Avengers e che svela i piani segreti dell’A.I.M.

La narrazione in Marvel’s Avengers è lineare ed allo stesso tempo studiata per tenere vivo l’interesse del giocatore, gli avvenimenti vi porteranno ad usare molti personaggi, non solo Kamala e questo vi permetterà anche di spaziare nel gameplay.

Per essere quindi un gioco votato al multiplayer il titolo di Crystal Dynamics presenta una bella parte da godersi anche in single player, oltre alla trama principale della durata di circa 11/14 ore, in base alla difficoltà e alla vostra voglia di girovagare fra i vari livelli per recuperare oggetti utili e scoprire i numerosi collezionabili,  sarà possibile affrontare delle sub-quest che vi permetteranno di approfondire ulteriormente la storia dei personaggi, scoprire dettagli sulla trama principale e far accrescere le caratteristiche dei vari eroi.

Versione Xbox

La struttura di gioco ha come base quella degli Action game in terza persona classici, con l’aggiunta di elementi RPG. Come vi ho riportato all’inizio della review, ogni personaggio presenta un proprio set di mosse, base e speciali che ne differenziano l’approccio in battaglia.

Sono presenti attacchi iconici come l’uni-raggio di Iron-Man, il Bifrost di Thor per scaraventarsi con forza sopra il nemico o l’onda d’urto creata dalle potenti mani di Hulk con il suo schiaffo sonico, insomma potrete sbizzarrirvi con diverse soluzioni, che continueranno a crescere man mano che accumulerete punti esperienza e sbloccherete nuove mosse. Mentre per la trama principale, la maggior parte delle missioni sono strutturate per essere affrontate in solitaria con alcuni eroi gestiti dall’IA come supporto, per le secondarie il discorso cambia.

Si potranno intraprendere le missioni di guerra solo poco prima del termine della campagna principale o subito dopo, sempre selezionandole tramite il tavolo di controllo posizionato al centro della Chimera, la nave da battaglia, base e HUB del gioco, con il supporto di tre amici e si potrà utilizzare un qualsiasi eroe fra quelli disponibili.

Al momento il sistema di matchmaking non si è dimostrato perfetto è il più delle volte fa veramente fatica a trovare i giocatori o li perde durante il match (è accaduto di rado, ma è successo) e ti ritrovi a giocare con i vari personaggi guidatati dall’IA, che è risultata abbastanza reattiva, malgrado a livelli di difficoltà elevati non sia sempre al top.

Un problema quello del netcode che andrà sicuramente a migliorare nel tempo, già variando la piattaforma su Xbox One X ho avuto meno problemi, ma ho provato il gioco all’uscita dell’ultima patch di ben 12 GB, questo perché il team promette un supporto continuo è l’arrivo di nuove modalità online e di personaggi che alimenteranno la fame di contenuti dei giocatori.

Dal punto visivo Marvel’s Avengers si è dimostrato un buon titolo, anche se le performance nelle varie piattaforme variano e di parecchio.

La mia “run” principale è avvenuta su PlayStation 4 standard e devo dire che il gioco ha sofferto in diverse occasioni, con cali di frame evidenti non solo in particolari scene con molti nemici a schermo, ma anche e soprattutto nelle sequenze finali della campagna dove la macchina Sony, ormai prossima al pensionamento, faticava parecchio. In questa sequenza era presente anche un bug sul doppiaggio, infatti durante la battaglia le voci in italiano (devo ammettere molto ben fatte) sparivano lasciando spazio al doppiaggio in inglese.

Il gioco risulta comunque godibile senza “grossi” problemi anche sulla console base, ma le console mid-gen di Sony e Microsoft sono comunque più indicate, la versione per Xbox One X, dopo alcune ore di gioco, non ha presentato nessun problema a livello di frame-rate (ma non ho terminato la campagna) è in generale, come giusto che sia vista la potenza superiore, propone un sensibile miglioramento dell’impatto visivo.

Il comparto sonoro in entrambe le versioni risulta più che ottimo, con una “soundtrack” adeguata ad ogni situazione ed un doppiaggio in italiano è più che perfetto, salvo il bug evidenziato prima è qualche piccolo fuori “sinc”.

Marvel’s Avengers potrebbe diventare una vera e propria piattaforma per un Marvel Game Universe in continua espansione ed un luogo di ritrovo per tutti i fan di questo universo.

Pro

  • Storia ben scritta
  • Personaggi ben delineati…
  • …anche nel sistema di combattimento

Contro

  • Diversi problemi tecnici
  • Pochi contenuti End Game (al momento)
RASSEGNA PANORAMICA
Voto Finale
8
Articolo precedenteThe Origin: Blind Maid arriva per Console e PC durante la prima parte del 2021
Prossimo articoloMetti in moto il tuo bolide e sfreccia su Inertial Drift, la genuina esperienza di guida per tutti i giocatori
Semplicemente un appassionato di videogames... :D