my-memory-of-us-recensione-review-nintendo-switch-games-paladins-nindies-indie

Sono numerosi i titoli che si basano su fatti ed eventi storici realmente accaduti, indifferentemente dal fatto che sia un Tripla A o un Indie, cercando a volte di interpretarli aggiungendo qualcosa di proprio per renderlo più o meno “attraente” ma senza alterare il messaggio finale o gli avvenimenti più importanti.

Tra questi ritroviamo una vecchia conoscenza, ovvero My Memory of Us, che ritorna ma stavolta sulla console della grande N. Ecco la mia personale esperienza.

Juggler Games, il team che si è occupato della realizzazione e dello sviluppo del titolo ed originario della Polonia, ripropone uno dei suoi titoli di successo anche sulla console ibrida di casa Nintendo invogliando i giocatori a intraprendere una nuova avventura ambientata in un pezzo di storia realmente accaduto e che viene raccontato in questo titolo in una reinterpretazione quasi moderna e che, ne sono sicuro, riuscirà ad ammaliarvi fino alla fine.

Non appena inizieremo la nostra avventura in My Memory of Us verremo introdotti alla storia che questo titolo vuole raccontare: nei panni di una ragazzina dei giorni nostri che corre per le strade della sua città finché non raggiunge il suo negozio preferito, una piccola libreria non del tutto visibile a cui si accede da una piccola strada laterale che affianca una delle strade principali della cittadina.

Una volta entrata la nostra piccola protagonista chiede al proprietario, dopo averlo svegliato dal suo sonno, dove potesse trovare un nuovo libro da leggere, essendo desiderosa di immergersi in una nuova avventura letteraria. Il simpatico vecchietto le indica di salire al piano superiore per trovare una nuova e appassionante lettura fantastica piena di mostri, robot e un viaggio straordinario che di sicuro l’avrebbero soddisfatta.

Messasi alla ricerca di questo nuovo libro la nostra piccola protagonista arriva fino in soffitta dove troverà un tomo dalla copertina rossa che stuzzica la sua curiosità non appena i suoi occhi notano quel colore particolare.

Afferratolo al volo si precipita dal proprietario per sapere se poteva prenderlo così da immergersi nella sua lettura ma il vecchietto, dopo aver capito di che libro si trattasse, le disse che non poteva cederglielo visto che era un album di foto che ritraevano lui e una sua vecchia amica in giovane età e che, come curiosa causalità, la bambina che aveva di fronte assomigliasse tantissimo alla sua amica nelle foto.

Riemersi tutti quei ricordi della sua fanciullezza, il signore decise di sedersi su una poltrona e di raccontare quella storia alla sua giovane cliente, dicendole di come avesse conosciuto questa sua vecchia amica con la quale fin da subito ha stretto un rapporto d’amicizia duro e solidale venendo persino accolto a casa sua dove abitava con il nonno.

Un giorno però la fine di quel periodo di pace venne annunciata dal trambusto delle sirene che avvisavano di un pericolo imminente, ovvero alcuni aerei nemici che sganciavano bombe sulla loro città e di come i due ragazzini avessero dovuto affrontare numerosi pericoli per poi riuscire a rifugiarsi sottoterra in un bunker.

Dopo essere riemersi videro non solo che la loro bella città era stata distrutta ma anche che era stata invasa dai soldati robot e di come, per non farsi catturare, abbiano dovuto collaborare per riuscire a scappare più velocemente possibile così da mettersi in salvo.

Durante il gioco scopriremo le abilità di entrambi ma mai i loro nomi: lui può muoversi silenziosamente e rubare piccoli oggetti mentre lei può correre molto velocemente e ballare a tempo, formando un duo quasi perfetto in cui uno controbilancia l’altro nelle sue mancanze col suo punto di forza.

Dal punto di vista tecnico My Memory of Us si presenta con una grafica basata sul bianco e nero, in cui prevarrà il rosso come dominatore assoluto lasciandoci capire quanto siano importate quei determinati oggetti o dove andranno usati.

Inoltre, questo colore è stato scelto come simbolismo proprio per porre un riferimento al periodo storico che vuole rappresentare, ma che non rivelerò per non guastarvi la sorpresa e il gusto di scoprirlo da soli.

La colonna sonora compie molto bene il suo compito con musiche delicate che ci accompagneranno per quelle strade su cui i nostri piccoli protagonisti vivranno le loro avventure senza mai annoiare.

Da segnalare la presenza dei sottotitoli in italiano, che accompagnano il doppiaggio in inglese.

My Memory of Us è un titolo che saprà ammaliarvi e incollarvi allo schermo per tutta la durata della grande avventura di questi due piccoli giovani protagonisti, che grazie alla loro indissolubile amicizia riescono a cavarsela in uno dei momenti più tristi della storia.

Con il suo ottimo rapporto qualità-prezzo, costa € 14.99 in digitale, vi donerà ottime ore di intrattenimento spassionato più nelle sessioni lunghe che in quelle mordi e fuggi, preferendo giocare in maniera continua la storia.

compworld smartphone, pc, tablet, vendita, assistenza, riparazione

Il nostro voto: 8.0

thumbs-up-icon
Pros
  • Una storia emozionante
  • Ottimo rapporto qualità-prezzo
  • Giocabile a tutte le età

thumbs-down-icon
Cons
  • Può annoiare
  • Può non essere amato proprio da tutti

RASSEGNA PANORAMICA
Voto Complessivo
8.0
Articolo precedenteBlack Desert è disponibile su Xbox One, trailer di lancio
Prossimo articoloOlliOlli: Switch Stance – Recensione Nintendo Switch
Allevato dai bit del Commodore 64, ho sviluppato una passione col crescere del tempo che non ho mai rimpianto o sostituito con altro. Cresciuta di console in console, ho deciso di intraprendere la via della tastiera per cimentarmi nell'unica cosa in cui sarà bravo, forse, in tutta la mia vita... Parlare di videogiochi!