Pumpkin Jack – Una Zucca in missione per conto di Satana!!! – Recensione

La festa di Halloween è sbarcata da noi oramai da qualche anno, imponendosi come un terrificante carnevale autunnale.

Il 2020, purtroppo, con tutte le restrizioni dovute al tristemente noto Covid stende la sua impietosa ombra anche su questa moderna tradizione, ma come sempre noi Gamers non siamo tipi che si arrendono facilmente, e pad alla mano potremo impersonare la tradizionale Zucca di Halloween vestendo i panni di Pumpkin Jack!!!

Il 23 Ottobre 2020 il publisher Headup Games, vincitore per ben 4 volte del German Developers Awards, ha pubblicato Pumpkin Jack su Nintendo Switch. L’avventura di Jack risulta disponibile inoltre su PC e Xbox One ed è opera dello sviluppo di una persona sola: Nicolas Meyssonnier, che ha dedicato 4 anni della sua vita alla realizzazione di questo irriverente e spettrale videogioco.

In completa antitesi rispetto ai tradizionali videogames ci troveremo ad essere l’alfiere del male e a lottare contro il bene.

Jack era un mascalzone, tanto furbo da aver ingannato il Diavolo ben tre volte, ma ora il demonio è in difficoltà, gli umani hanno scelto un Mago come campione per batterlo, e Jack sembra la miglior arma rimasta a sua disposizione. Riportato in vita da Satana, il nostro anti-eroe, verrà ingaggiato con la promessa dell’eterno riposo e dotato di un corpo nuovo caratterizzato da una testa a forma di Zucca. Verrà mandato nel mondo degli umani per sconfiggere il temibile e astuto Mago, condannando così l’umanità ad eterne sofferenze.

Come potete intuire dalla trama questo titolo si ispira alla tradizione di Halloween a cui è particolarmente ispirato nelle ambientazioni e nel comparto sonoro. Per chi non lo sapesse, la tradizionale Zucca incisa a forma di volto umano si chiama proprio Jack e, secondo la tradizione anglosassone, è uno spirito condannato a vagare in cerca di riposo dal Diavolo per averlo ingannato quando era ancora in vita.

La nostra avventura, caratterizzabile come Platform 3D, è lineare e si sviluppa, avanzando tra salti e tranelli, all’interno di livelli in grado di richiamare alla memoria i film di Tim Burton. Saremo ospiti di una terra devastata, decadente e pericolosa, dove sia umani che mostri ci considerano un nemico e per avanzare nel gioco dovremo ricorrere alle nostre abilità.

Il gioco non è particolarmente difficile, gli ostacoli più grandi si riscontrano nelle sessioni platform. Sono morto una sola volta in combattimento e circa 70 durante i salti (in modo scherzoso il gioco mostra il conteggio delle morti totali). Questo sbilanciamento nei Game Over è dovuto, a mio avviso, ad una leggera imprecisione nei comandi, coadiuvata dalla volontà di creare un pò di difficoltà al giocatore durante le sessioni platform.

In compenso una fitta rete di auto-save e checkpoint, uniti a numerosi metodi per recuperare energia vitale persa in combattimento, rendono scorrevole e piacevole il Gameplay.

Per variare ancora di più l’esperienza di gioco, lo sviluppatore ha creato numerosi minigiochi e sessioni di fuga all’interno dei livelli. Tra le altre cose Jack può liberarsi del proprio corpo e vagare come testa di zucca e radici per risolvere enigmi musicali, di abilità e velocità.

Saremo inoltre protagonisti di sessioni di corsa a cavallo, in barca, su carrelli di miniere abbandonate e molto altro, dove il nostro tempismo sarà determinante per superare queste particolari aree di gioco. Da Gamer vecchia scuola ho notato analogie con le fughe di Coco in Crash Bandicoot 3 e del leggendario gioco telefonico dei Lion su TMC.

Durante la sua avventura Jack non sarà solo. I personaggi più importanti al suo fianco sono un Gufo e un Corvo; dove il primo è una spia del Diavolo e si dichiara spesso nostro superiore in grado e consigliere nella ricerca del Mago, mentre il secondo entra in scena con un escamotage narrativo per diventare, tra le altre cose, un’utile arma a distanza. A proposito di armi, alla fine dei livelli otterremo armi per il corpo a corpo più potenti ed efficaci.

Le interazioni con questi alleati e con i nostri nemici, principalmente i boss di fine livello, avvengono tutte attraverso l’uso di sottotitoli italiani ben curati, l’unica voce presente nel gioco è quella narrante tra un livello e l’altro (inglese sottotitolato italiano).

Dal punto di vista squisitamente tecnico siamo di fronte ad un gioco discreto.

Graficamente troviamo spesso texture di bassa qualità in cui il nostro anti-eroe può entrare negli oggetti solidi, ma in compenso la fluidità è perfetta; non mi sono capitati mai lag, nemmeno minuscoli. Il “problema” della bassa qualità visiva pesa decisamente di più in modalità Tv, risultando quasi invisibile sul piccolo schermo portatile.

L’audio è una vera perla, composto da musiche inedite e composizioni classiche arrangiate in chiave spettrale. Tralasciando un piccolo problema di sincro posso dire che il sonoro mi ha dato numerose soddisfazioni, raggiungendo l’apice nei minigiochi. Schivare ostacoli e correre veloci come il vento accompagnati dalla Cavalcata delle Valchirie è stato a dir poco epico!

Per quanto riguarda la durata dell’avventura dell’irriverente Jack, mi ritengo parzialmente soddisfatto. Il gioco al lancio costa 30€, e 8 ore circa mi sembrano poche rapportate al prezzo. D’altronde se vorremo essere una Zucca alla moda saremo costretti a girovagare per i livelli, cercando collezionabili spendibili nel Menù principale per nuove skin. Questo obiettivo secondario può invogliare a perdere più ore nei panni di Pumpkin Jack.

La mia prova è stata principalmente svolta in modalità Tv, con l’ausilio di un pad pro per Nintendo Switch. Ho trovato un titolo piacevole, ma discreto. Alcuni errori tecnici limitano, ma non affossano il lavoro del talentuoso Nicolas Meyssonnier.

Ho giocato all’incirca 8 ore, addentrandomi nel mondo dilaniato e devastato creato per l’avventura di Jack, e ho apprezzato molto questo personaggio così irriverente e astuto.

Passato a provare la modalità mobile di Nintendo Switch, ho notato inoltre come non ci siano sostanziali divergenze o perdite di qualità da TV a piccolo schermo, ma anzi la seconda modalità camuffi qualche difetto grafico.

In definitiva, ritengo Pumpkin Jack un titolo perfetto per Halloween, ma non perfetto in generale. Il costo al lancio è forse eccessivo per la quantità dei contenuti, ma non certo per la qualità.

Come spesso capita il mondo degli sviluppatori indipendenti mi ha regalato una piacevole scoperta, in grado, oggi più che mai, di regalare qualche ora di svago in clima con l’ormai prossimo Halloween.

Consiglio il gioco a giocatori di livello medio, a patto di chiudere gli occhi su qualche difetto nella grafica e nel gameplay.

Pro

  • Jack è un personaggio spassoso
  • Musiche di gioco eccezionali
  • Ambientazioni spettrali ben riuscite
  • Gameplay vario e divertente

Contro

  • Comandi imprecisi nei salti
  • Texture di basso livello
  • Troppo breve se proporzionato al prezzo

 

RASSEGNA PANORAMICA
Grafica
6.5
Gameplay
7.0
Sonoro
9.0
Trama
8.0
Longevità
5.5
Localizzazione
9.0
Articolo precedenteMicrosoft annuncia l’evento globale di lancio per Xbox Series X|S
Prossimo articoloPAN SOLO – L’attesissima modalità giocatore singolo è disponibile da oggi, assieme alla nuova modalità Co-op DLC, Invasione di funghi!
Staccato il ciuccio dalla bocca ho preso un pad in mano per non mollarlo più, non son un Pro Gamer, cerco l'essenza del gioco.