rampage-knights-recensione-review-nintendo-switch-games-paladins-nindies-indie

Non è di certo una novità che un titolo proponga elementi di più generi al suo interno avendo però un genere di base. Molti dei più “gettonati” sono elementi RPG o di strategia, che riescono a donare quella marcia in più che farà la differenza tra un gioco al top o un flop nell’acqua. Un esempio di questa tipologia è Rampage Knights e questa è la mia personale esperienza.

Rake in Grass, lo studio che si è occupato della realizzazione, dello sviluppo e della pubblicazione del titolo ed originario di Praga, ha confezionato un gioco che grazie alla sua semplicità saprà divertirvi in maniera piuttosto appagante.

Non appena inizieremo la nostra partita in Rampage Knights una piccola introduzione ci metterà in guardia sulla storia che funge da inizio per le nostre avventure: due eroi stanno tornando a casa mentre trasportano il ricco bottino racimolato durante le loro avventure in cui hanno affrontato vari pericoli.

Durante il ritorno a casa però non tutto va bene come pensavano. Infatti, inoltratisi nell’oscura foresta perdono la strada di casa e decidono di accamparsi per la notte che di li a poco li avrebbe raggiunti, così da poter riprendere il viaggio alle prime luci dell’alba.

Purtroppo per loro, un demone mentre cercherà di rubare il loro tesoro li sveglia dal loro sonno e, non pensandoci due volte, i nostri eroi imbracciano le loro armi per scacciare l’orrenda creatura che utilizzando i propri poteri malvagi li manda K.O. danneggiando sia loro, che restano in terra tramortiti, che le loro armi, danneggiate irrimediabilmente.

Ripresi i sensi, i nostri due eroi si ritrovano in un accampamento popolato da tanti personaggi sconosciuti in un accampamento molto più grande di quello che avevamo allestito in precedenza. Ed è questo il momento in poi inizieremo il gioco vero e proprio.

Vestendo i panni di uno dei due personaggi che formano questo duo eroico potremo interagire con gli altri abitanti di questo villaggio improvvisato, in cui troveremo Sir Bumperd, un nobile cavaliere errante che ci permetterà di cambiare una delle sei classi che il gioco ci mette a disposizione, ovvero l’avventuriero (la classe base), il barbaro, il pirata, l’assassino, il warlock e il mago che andranno tutte sbloccate, tranne la prima, completando alcune sfide particolarmente ardue e che potremo scoprire parlandone con Mighty Maximus, presente nel nostro accampamento, che risulta essere l’uomo più forte del mondo.

Con Igor e Igorette invece potremo cambiare l’aspetto del nostro protagonista, compreso il sesso, scegliendo schemi pre-impostati… Insomma, ogni personaggio ha un motivo molto particolare per essere presente in quel luogo. Prima di avventurarci per cercare il nostro bottino, e la nostra vendetta, i vari tutorial disponibili sono una buona base da cui iniziare perché, anche se sembra abbastanza semplice Rampage Knights ha una caratteristica molto dura: il permadeath!

Per questo prima di lanciarci a testa bassa nella lotta dovremo ben pensare a come affrontare una determinata area altrimenti rischieremo di dover ricominciare tutto daccapo, perdendo tutto l’oro e l’equipaggiamento guadagnato finora, a patto che perdiamo prima le due vite messe a disposizione.

Ogni scenario viene generato in maniera procedurale e non hanno nessuna caratteristica in comune, tranne per la presenza di nemici mortali. Ognuno di essi ha le proprie caratteristiche e abilità e il fatto che siano presenti spesso in gran quantità potrà trasformare in un incubo la nostra missione, se non degnamente equipaggiati.

Non mancheranno i boss da affrontare che sapranno donare quella dose di frenesia durante le lotte che non guasta mai. Infine, il divertimento può essere raddoppiato grazie alla presenza della modalità cooperativa.

Dal punto di vista tecnico Rampage Knights si presenta con un comparto grafico davvero gradevole in cui risaltano la semplicità di cui il titolo è permeato, fattore non sempre da considerare in negativo.

Sia in modalità portatile che in modalità TV il titolo regge qualsiasi sforzo senza nessun problema, discorso a parte invece se si gioca in cooperativa dove il sistema di controlli può dare qualche piccolo problema soprattutto in termini di velocità.

La colonna sonora è composta da musiche del tutto valide che si armonizzano bene con il tutto, anche se possono sembrare un po’ monotone. Purtroppo, mi tocca dirlo, è presente solo la lingua inglese.

Rampage Knights è un titolo che offre un ottimo grado sfida con la giusta dose di divertimento, tradendo a volte la sua natura semplicistica. Vi consiglio di giocarlo in compagnia, che lo rende più divertente ma non più facile, ma è altrettanto valido in solitaria.

Vi terrà impegnati parecchio però, c’è da dire anche questo, oppure l’odierete a morte per il suo essere troppo punitivo. Al costo di € 9,99 Rampage Knights assicura un ottimo rapporto qualità-prezzo garantendovi molte ore di divertimento e un grado sfida assolutamente appagante.

Il nostro voto: 7.8

thumbs-up-icon
Pro
  • Giusto grado sfida che non guasta mai
  • Grafica soddisfacente
  • Sembra facile ma non lo è

thumbs-down-icon
Contro
  • Abbastanza punitivo
  • In cooperativa soffre di qualche problema
  • Scoraggia i meno pazienti e strategici

RASSEGNA PANORAMICA
Voto Complessivo
7.8
Articolo precedenteFight of Gods – Recensione Nintendo Switch
Prossimo articoloNegan e Julia arrivano in TEKKEN 7 dal 28 febbraio
Allevato dai bit del Commodore 64, ho sviluppato una passione col crescere del tempo che non ho mai rimpianto o sostituito con altro. Cresciuta di console in console, ho deciso di intraprendere la via della tastiera per cimentarmi nell'unica cosa in cui sarà bravo, forse, in tutta la mia vita... Parlare di videogiochi!