Gli sparatutto in prima persona, conosciuti anche con l’acronimo FPS (deriva dall’inglese First Person Shooter), affascinano il giocatore mettendolo nei panni di un personaggio di spicco, come soldato o agente segreto e simili, in un contesto pieno di esplosioni, guerre e situazioni dove una buona abilità di combattimento fa la differenza tra la vita e la morte.

Alcuni danno la possibilità di poter condividere lo schermo per offrire la possibilità di avere l’appoggio di un amico dal quale avere supporto, alleggerendo il carico della missione. Come accade nel gioco di cui oggi vi parlerò, ovvero RICO. Ecco la mia personale esperienza.

Ground Shutter, lo studio che si è occupato della realizzazione e dello sviluppo del titolo pubblicato da Rising Star Games, ha confezionato un prodotto che fa del multiplayer il suo punto di forza proponendo molte situazioni esilaranti e risultando così un titolo leggero, ma non troppo, e piacevole da giocare.

Non appena inizieremo la nostra Nuova Partita in RICO, verremo subito gettati nella mischia: in un epoca dove i malviventi aumentano giorno dopo giorno una task force supersegreta il cui nome è RICO, avrà l’arduo compito di sgominare intere bande di cattivi tra le più pericolose al mondo eliminandone ogni membro attivo per poi far ritorno alla base lasciando il luogo del massacro senza lasciar traccia. Ma questa banda di eroi non si limiterà a questo compito.

Infatti, in ognuna delle missioni che dovremo svolgere il compito principale sarà diverso ogni volta variando dal raccogliere alcune prove importanti, o eliminarle, all’uccidere un solo nemico ben preciso e così via.

A discapito di quanto si possa pensare RICO non è un titolo da prendere assolutamente sottogamba, anzi. Ogni volta che completeremo un obiettivo, le forze nemiche riceveranno nuova carne da macello che noi, prontamente, dovremo sistemare cercando di non sprecare troppe munizioni e punti salute cosa che potremo arginare durante il nostro gioco prestando attenzione all’ambientazione ed eliminando ogni minaccia presente fino a quel momento nel modo più veloce possibile prima che i rinforzi vadano a rimpolpare le truppe nemiche, così da non perdere troppa salute tenendo conto anche che i kit medici scarseggiano e non sono sempre così facili da trovare mettendo nelle priorità del giocatore il ricevere meno danni possibile.

Potremo selezionare tre tipologie di modalità di gioco, tutte affrontabili sia in multiplayer locale che online, ma dovrete prestare attenzione al fuoco amico: in Operazione Rapida il giocatore può affrontare una partita veloce che cambia struttura ogni volta, aumentando il fattore di rigiocabilità senza sembrare monotono visto che cambierà la missione sarà diversa ogni volta.

Nella modalità Il Caso avremo una specie di modalità storia in cui il nostro compito sarà quello di affrontare numerose sfide in cui il nostro premio sarà direttamente proporzionale alla nostra bravura nello svolgimento della stessa, con il quale potremo poi sbloccare nuovi strumenti, armi e missioni.

In questa modalità avremo inoltre, la presenza di un timer che si resetta ogni 24 ore, che non continueranno se proviamo un’altra modalità oppure non giochiamo a RICO.

Infine, abbiamo la terza modalità che riguarda la sfida giornaliera a cui potremo accesso collegandoci online al gioco e che ogni 24 ore di tempo reale tutti i giocatori potranno affrontare una nuova mappa da completare nel minor tempo possibile scalando la classifica globale per conquistare il tanto agognato primo posto.

Durante le nostre missioni potremo scegliere tra una varietà di dieci armi ognuna delle quali avrà sei skin differenti, che cambiano solo il senso estetico dell’arma senza modificarne le statistiche.

Purtroppo però, non avremo tutorial veri e propri che spieghino il funzionamento delle attività, lavoro lasciato al nostro intuito e all’esperienza direttamente sul campo.

Dal punto di vista tecnico RICO si presenta con un comparto grafico che avrebbe potuto ricevere qualche cura in più. Gli sfondi e i personaggi sono strutturati bene, ma si poteva fare di meglio con qualche cura in più nei particolari e nell’estetica che ne avrebbe giovato di sicuro.

La grafica scorre fluida e senza incertezze in tutte le fasi di gioco sia in modalità portatile che docked, cosa molto gradita per questo genere di giochi shooter in cui dei cali di frame-rate potrebbero inficiare sulla giocabilità.

Il comparto audio riesce a svolgere bene il suo lavoro con colonne sonore orecchiabili ma non presenta musiche memorabili e degne di nota. Da segnalare la presenza della lingua italiana in forma scritta, che accompagna il buon doppiaggio in lingua inglese, restando come sempre un punto a favore che può incidere positivamente nell’acquisto del titolo.

Per quanto concerne la modalità di gioco, consiglio di utilizzare i Joycon connessi al supporto in stile gamepad o di usare il Pro Controller. Se dovete usarlo in modalità hand-held allora è consigliabile tarare un po’ la gestione dei controlli che risulta eccessivamente reattiva e con conseguente difficoltà di prendere per bene la mira.

RICO è un titolo che piacerà molto ai giocatori che amano il genere sparatutto e anche le situazioni difficili in cui l’abilità farà la differenza.

Divertente sia che venga giocato in solitaria, anche se può annoiare dopo un po’ per monotonia, che in multiplayer così da aumentare il divertimento mentre lo giocheremo con un amico in locale e vi assicuro che in alcune sezioni sarà di vitale importanza avere un partner di missione.

Godibile soprattutto in sessioni mordi e fuggi per la sua freneticità d’azione e le modalità che offre, accontentando inoltre anche gli utenti che amano competere nelle classifiche globali.

Il nostro voto: 7.7

thumbs-up-icon
Pro
  • Piacevole in compagnia…
  • Modalità impegnative
  • Classifica Online
  • Grafica fluida in modalità portatile e docked

thumbs-down-icon
Contro
  • … da soli un po’ meno
  • Grafica migliorabile
  • Manca un tutorial vero e proprio

compworld smartphone, pc, tablet, vendita, assistenza, riparazione

RASSEGNA PANORAMICA
Voto Complessivo
7.7
Articolo precedenteTHQ Nordic pubblica il trailer di lancio per Generation Zero
Prossimo articoloThe Arcade Crew e Joymasher annunciano Blazing Chrome per Xbox One assieme ad un nuovo trailer
Allevato dai bit del Commodore 64, ho sviluppato una passione col crescere del tempo che non ho mai rimpianto o sostituito con altro. Cresciuta di console in console, ho deciso di intraprendere la via della tastiera per cimentarmi nell'unica cosa in cui sarà bravo, forse, in tutta la mia vita... Parlare di videogiochi!