riverbond-recensione-review-nintendo-switch-giochi-games-paladins-nindies-indie

Riverbond, arriva sulla console ibrida della casa di Kyoto e lo fa con l’aggiunta di un mondo tutto nuovo, il nono per l’esattezza, il quale verrà rilasciato per l’occasione GRATIS con un aggiornamento anche sulle altre console e su PC.

Il titolo, dello studio indipendente canadese Cococucumber, è un frenetico gioco d’avventura cooperativo “da divano” da uno a quattro giocatori, ambientato in uno spettacolare mondo voxel disegnato a mano.

Riverbond non ha una storia vera e propria da seguire, in questo modo potete scegliere liberamente il mondo che più vi aggrada e buttarvi nella mischia!

Ovviamente non mancano personaggi NPC che vi raccontano la trama del mondo nel quale vi trovate, e vi danno indicazioni su cosa fare per proseguire.

I livelli sono caratterizzati, oltre che dal poter distruggere (quasi) tutto ciò che trovate sullo schermo (evviva le nubi voxel pixellose!) anche da diversi comparti nascosti per invogliare la rigiocabilità e l’esplorazione, e fidatevi che che ne vale la pena se vorrete sbloccare personaggi o armi particolari.

Personaggi, dicevo. I bizzarri characters vengono sbloccati piano pianomentre l’avventura prosegue, potete così vestire i panni di eroi culinari come il nigiri, il maki, la banana, il cocomero

Del mondo animale all’inizio sarete il coniglio Max, ed anche di quello “umano”. Non mancano le guest stars, nove in totale, provenienti dal panorama indie (una su tutte il mitico Luchador Juan Aguacate eroe del side-scrolling brawler videogame del 2013 Guacamelee!) e che prendono parte alla lotta per liberare gli otto mondi (nove con l’aggiunta del DLC in forma di upgrade gratuito) dal male che ha portato caos, rovina e siccità!

Il vostro arsenale è composto all’inizio di ogni livello dal super potere, uguale per tutti i personaggi, soggetto a ricarica una volta usato; si tratta di un salto con splash che genera un onda d’urto la quale allontana i nemici. Un’ arma corpo a corpo standard: la spada, e da una a lunga gittata: il blaster (su quest’ultimo avrei migliorato la componente mira spesso fastidiosa ed un poco macchinosa da usare e d’apprendere, soprattutto se una persona è mancina) e durante l’ esplorazione ne troverete molte altre, in tutto potete portare con voi un massimo di cinque armi tutte “pazze” ed a tema con il mondo nel quale vi trovate.

Qualche esempio: il lecca lecca, il gelato, i guantoni da boxe, gli assi chiodati, la matita… il resto dovete scoprirlo voi, non voglio rovinarvi la sorpresa!

La difficoltà del titolo è pressoché nulla. Ricordatevi che Riverbond si pone come un titolo per famiglie dove al primo posto mette il divertimento!

C’è una barra della salute sì, ma non ci sono limiti di vite in modo che tutti possano giocare e portare a termine l’avventura.

I comandi sono semplicissimi da imparare e molto intuitivi.

I boss di fine livello, da segnalare che una volta battuti entreranno a far parte della vostra collezione di personaggi giocabili, sono tosti e vi faranno sudare prima di venire sconfitti oltre che strapparvi molte ma molte risate!

Riverbond si comporta molto bene sia in dock che in modalità Handheld, ogni tanto presenta qualche calo di frame, soprattutto quando ci si trova in mezzo alla mischia e sullo schermo compaiono un numero cospicuo di nemici. Niente di preoccupante, anche se si poteva fare qualcosina di più per arginare il problema, sopratutto se la componente principale del gioco è l’ hack n flash frenetico. Certe sviste dovrebbero essere corrette così come si spera vengano sistemati i piccoli bug -ogni tanto può capire di vedere un “omino” che fluttua- sparsi per il gioco.

Chissà che in una patch futura si ponga rimedio a questi  piccoli problemi, che sia chiaro non compromettono per niente il divertimento che il titolo vuole e riesce a trasmettere.

Il nostro voto: 7.5

Pro

  • Grafica
  • Sonoro
  • Comparto armi
  • Numero di personaggi
  • Multiplayer molto divertente con possibilità per i giocatori di entrare ed uscire dalla partita quando si vuole
  • Single player interessante

Contro

  • Musiche leggermente ripetitive ed anonime
  • Qualche calo di frame
  • Bug sparsi
  • Assenza di difficoltà
  • Prezzo elevato