roof-rage-recensione-review-nintendo-switch-giochi-games-paladins-nindies-indie

Roof Rage, creato, sviluppato e pubblicato da Early Melon (alias Jérémie Klemke) è un gioco indipendente platform di arti marziali con battaglie epiche sui tetti.

No non assomiglia a Smash Bros,il quale ha “botte educate”, qui come direbbe il Drugo nella pellicola “Arancia Meccanica” -“[…] esercizio dell’amata ultraviolenza”. Perché sì, il videogioco si basa su questo senza tanti fronzoli ed il tutto con un ritmo frenetico.

E’ possibile giocare sia in single player che con un massimo di 8 giocatori in locale o 1vs1 online. E sono convinto che qui darà il meglio di se portandovi a lunghe sessioni per scaricare la tensione della giornata, scherzare e schernire amici se giocate in locale.

Attualmente la versione per Nintendo Switch non permette di giocare online anche se nel menu del gioco compare la voce gioca on line “presto disponibile”.

Dodici personaggi, ognuno con mosse personali ed armi uniche, dodici schemi (tetti) ognuno con caratteristiche differenti. Avrete il tetto a base lunga, quello della palazzina a più piani, il ring, l’arena del Sumo insomma c’è né davvero per non cadere nella noia.

Noia che invece, vuoi per un AI non molto curata, si va da momenti estremamente facili ad incontri al limite della frustrazione, vuoi per qualche glitch, porta il single player a risultare un po monotono al punto che non lo rigiocherei.

Ma, come detto qualche riga più indietro, questo titolo dà (darà per ora per ciò che riguarda la Nintendo Switch) il meglio di se.

I comandi sono semplici ed intuitivi. Potrete usare sia la levetta analogica SX che la croce per muovere il personaggio. A voi la scelta a seconda del vostro modo di giocare.

Pochi tasti per distribuire mazzate e combinazioni che potrete sperimentare in fase di gameplay o studiare andando nel menu apposito, quest’ultimo tra l’altro è ricco di voci con il quale potrete customizzare il gioco a vostro piacimento.

Esempio: abilitare o disabilitare il sangue, visualizzare il conteggio combo e tante altre cosine interessanti.

Dai tetti potrete prelevare le tegole e lanciarle contro l’avversario. Mi sono divertito parecchio con la mazza da baseball del personaggio chiamato “punk” sia a distribuire mazzate che ha colpire tegole per lanciarle e per respingerle.

La grafica è pixelart con musiche a 16 bit molto molto carine curate, così come gli SFX.

In conclusione, per essere stato sviluppato da una sola persona (deduco con un budget assai basso) il gioco risulta molto carino e giocato in compagnia da il meglio di se.

In dock ed in Handheld non presenta nessuno calo di frame rate e la giocabilità rimane pressoché invariata. Supporta il controller pro ed in lingua italiana.

Concludo questa recensione con le parole dello sviluppatore:

“Lo sviluppo di Roof Rage è iniziato alla fine del 2015, all’epoca stavo lavorando su vari prototipi per un gioco di combattimento, l’idea principale era quella di avere un gioco di grandi dimensioni e varietà. Una volta trovato il gameplay e lo stile che stavo cercando, mi sono concentrato su grafica e animazioni. Divenne rapidamente una passione per la pixelart e l’animazione mentre creavo sprite, livelli, effetti ecc. Alla fine, sono diventato padre lungo la strada dello sviluppo dello stesso e in qualche modo sono riuscito a finire il gioco. Pentadrangle si è unito a me (ho supplicato) e ha creato fantastici brani a 16 bit per il gioco.”

Il nostro voto: 8.5

Pro

  • Multiplayer fino ad otto giocatori in locale
  • Tante mosse disponibili
  • Personaggi con caratteristiche uniche
  • Livelli e musiche ben fatti
  • Single player con possibilità di continuare all’infinito in caso di sconfitta

Contro

  • IA nel single player che va dalla facilità estrema alla difficolta frustrante “a caso”, ovvero non segue una progressione durante la scalata al boss finale.
  • Da sistemare, sempre nel single player, vari glitch