spaceland-recensione-review-nintendo-switch-giochi-games-paladins-nindies-indie

Non so perché, ma i titoli strategici esercitano sempre un certo fascino sul sottoscritto. Non so se è dovuto alla natura stessa di questo genere, ossia il suo essere una via di mezzo tra relax ma al contempo applicazione da parte del giocatore per fare le scelte giuste utili a concludere il livello nel migliore dei modi, ma io amo questa tipologia di giochi.

Quando si parla di strategici torna subito in mente la serie XCOM, che è sicuramente uno dei capostipiti del settore, oppure Mario + Rabbids Kingdom Battle parlando del mondo Nintendo.

Spaceland è un nuovo esponente di questo genere, pubblicato da Ellada Games e sviluppato da Tortuga Team, uscito inizialmente sulla nuova piattaforma Apple Arcade, successivamente su Steam e adesso su Nintendo Switch.

Il fatto di essere sviluppato innanzitutto per la sua fruibilità sul sistema iOS, e dunque sui vari dispositivi della mela, è un grande punto a favore del gioco, che è caratterizzato da una UI pulita ed essenziale (a volte fin troppo essenziale), con cui è possibile sfruttare i comandi touch per agevolare le azioni su schermo.

La storia c’è, ma non è particolarmente ricca, viene raccontata attraverso brevi dialoghi tra i personaggi (ogni tanto con evidenti errori di traduzione), e non risulta mai particolarmente interessante ma piuttosto un semplice collante tra un livello e l’altro.

Ma è il gameplay il punto forte di Spaceland, che vuole rendere omaggio al grande XCOM, proponendo un impianto ludico in cui gli amanti del genere si troveranno a casa, ma sarà di facile comprensione anche ai nuovi giocatori.

Dimenticate la profondità di gioco dei titoli tripla A, perché non è quello che è stato ricercato dagli sviluppatori. Parliamo di un gioco che punta al divertimento non troppo faticoso e adatto anche a partite mordi e fuggi.

Infatti ogni livello si risolverà sempre in circa 10-15 minuti, in cui solitamente dovremo sbaragliare la resistenza avversaria per poi raggiungere l’uscita del livello. Ma questo non sta a significare che manchi la sfida. I livelli sono brevi, ma dovrete fare le giuste mosse e sfruttare le potenzialità di ogni personaggio per arrivare sani e salvi alla meta, con tutta la squadra in vita.

Inoltre ogni livello è corredato da sfide da portare a compimento, come terminare con tutta la squadra in vita, oppure con un determinato numero di mosse. Ma sono studiati per essere giocati più volte, perché tra le sfide viene sempre richiesto di trovare un’area segreta in cui recuperare un collezionabile, che ovviamente aumenta il numero di mosse da compiere, rendendo impossibile completare tutte le richieste in un unico gameplay.

Uno stratagemma semplice, ma che permette di allungare la minestra, regalando un po’ di rigiocabilità in più al titolo. Portare a termine questi obiettivi ci ricompenserà con denaro e pezzi elettronici che ci serviranno rispettivamente per migliorare l’equipaggiamento dei nostri personaggi e le loro abilità in combattimento.

Ognuno di essi ha i propri punti di forza, come l’esser più efficaci dalla lunga distanza o a corto raggio, oppure capaci di una maggior mobilità rispetto ad altri.

Il combattimento si svolge come di consueto a turni, in cui ogni personaggio della nostra squadra ha un tot di energia con la quale può svolgere più attività in un unico turno, fino ad esaurirla.

Il campo di battaglia è una grande scacchiera composta da caselle in cui potranno muoversi le nostre truppe. All’inizio di ogni turno verranno evidenziate le caselle in cui potremo disporci: quelle verdi indicano la possibilità di movimento seguite da un eventuale attacco, mentre le bianche indicano la massima distanza che possiamo raggiungere, facendo però a meno dell’offensiva.

Il movimento risulta quindi semplice e chiaro fin da subito, a differenza delle fasi di combattimento, dove manca una percentuale di successo del colpo impartito e l’eventuale danno causato dalle nostre armi, che sicuramente avrebbero giovato durante la pianificazione della miglior strategia da attuare in battaglia.

Spaceland non avrà la profondità e le complessità dei titoli di riferimento come XCOM, ma ha una sua personalità e un buon tasso di sfida, riuscendo a garantire livelli tutto sommato veloci e adatti ad una fruizione del gioco in portabilità, potendo inoltre contare su un’interfaccia semplice e immediata.

Se amate gli strategici, e volete giocarli anche lontani da casa, allora Spaceland deve far parte della vostra libreria su Nintendo Switch.

Il nostro voto: 7.8

Pro

  • La possibilità di usare i comandi touch
  • Partite veloci…
  • …ma non prive di sfida

Contro

  • Storia debole
  • Mancano checkpoint durante i livelli