Star Wars: The Force Unleashed – Recensione Nintendo Switch

Da sempre sono un grande fan di Star Wars e tutto quello che è collegato a quell’universo che fin da piccolo mi accompagna. Se la memoria non mi inganna credo di aver giocato tutti i titoli Star Wars esistenti sul mercato per le varie piattaforme di gioco.

E’ stato un vero piacere sapere che Star Wars: The Force Unleashed sarebbe arrivato su Nintendo Switch, a distanza di tanti anni dall’uscita (e lo avevo giocato) su Wii. Optai (all’epoca) per la versione Wii in quanto ero molto “affascinato” dal discorso di poter utilizzare il motion control per brandire la spada laser anche a scapito della qualità grafica ovviamente superiore su altre piattaforme.

La versione per Nintendo Switch è un adattamento della versione Wii della quale si porta dietro i vari pregi e difetti. Ma come poter resistere sapendo che anche sulla mia fidata Switch viene usato il motion control dei joy-con?

Non sono alla costante ricerca di giochi con il motion control dato che so benissimo che a volte può essere fastidioso ed incidere sulla fruizione del gioco ma dico fin da subito che qui ci troviamo di fronte ad un titolo che non ci obbliga ad usare il motion ma ci permette di giocare come meglio desideriamo quindi anche con l’utilizzo standard dei joy-con collegati o meno a Switch o con un gamepad. In tutti i casi c’e’ pieno supporto anche del Rumble HD.

Il movimento ci permette di eseguire attacchi con la spada laser utilizzando la mano destra per impostazione predefinita e le abilità di forza sulla sinistra. I fendenti con la mano destra sono legati a diversi movimenti (come un movimento in avanti per una spinta), mentre gli scatti con la mano sinistra attivano una spinta di forza, con la possibilità di usare fulmini e altri poteri di forza con grilletti/pulsanti.

È un ottimo compromesso in termini di libertà del controller, consentendo movimento e non movimento e The Force Unleashed dal punto di vista delle prestazioni non ha grossi problemi anche se ovviamente sembra ancora un gioco del 2008 e questa riedizione non non fa gridare al miracolo ma comunque mi piace.

Sono stato coinvolto immediatamente. L’inizio del livello di apertura con Darth Vader è qualcosa di stupendo e riuscire a soffocare con la forza un gruppo di guerrieri Wookie e sentire lo scricchiolio delle loro ossa o le loro grida di battaglia mentre li abbatti con la tua spada laser è grandioso.

Vader ha pieno accesso al repertorio di poteri del lato oscuro del gioco, che sbloccherai gradualmente come suo apprendista: Starkiller. La storia di Force  Unleashed, che vede Vader e Starkiller uno contro l’altro in una difficile alleanza, è ancora davvero divertente da guardare. È pieno di nozioni su come funzionano l’impero e la (nascita dell’) alleanza.

La trama è gestita in modo elegante con alcuni colpi di scena decenti lungo il percorso. Sembra fedele alla serie, tocca alcuni temi dei film ma con un po’ più di attenzione a volte (e una mancanza di attenzione in alcuni punti).

Una grande parte del punto di forza di Force Unleashed è essere un simulatore Sith, in cui per lo più riesce. Starkiller ha accesso immediato ad alcune semplici combo con la sua spada laser che utilizzeremo per decimare le forze ribelli e dell’impero. Un misuratore di forza controlla abilità come spinta, soffocamento e fulmine. L’aumento di livello avviene tramite “punti di forza”, che si comportano come un’esperienza e, se muori, ne perdi alcuni e si riparte da un checkpoint.

È tutto molto semplice (il che è ancora più evidente nella modalità limitata a due giocatori in locale senza bot contro, che presenta anche i personaggi dei film) ma mantiene vivo il flusso di gioco. Se vogliamo possiamo anche non eseguire gli upgrade e limitarci ad usare pura abilità e schivate rapide. Oppure possiamo abbracciare la fantasia del potere e aumentare qualsiasi elemento di Starkiller.

Naturalmente rimangono molti degli stessi problemi dell’originale, poiché questo non è un remake completo. La maggior parte dei livelli del gioco sono molto lineari il che non piacerà a tutti per non parlare delle sezioni forzate che possono smorzare il ritmo.

Sebbene sia spesso meccanicamente non al top, esteticamente esteticamente riesce a dare la sensazione di essere un “gioco di Star Wars”. Le performance sono perfette, i personaggi sono avvincenti o sono abbastanza grandi da avere un impatto e la colonna sonora è presa da un film di Star Wars.

Visti i problemi che si porta dietro (dalla versione Wii) consiglio Star Wars: The Force Unleashed nel 2022 principalmente a chi come me è un’appassionato e non vuole perdersi nulla. Chi non è un’appassionato e vuole un gioco leggero, non troppo impegnativo e provare l’ebrezza di brandire le spade laser e controllarle con il motion control potrà avere buone soddisfazioni dal titolo, magari acquistandolo durante qualche fase di sconto dei giochi Switch.

Annuncio
RASSEGNA PANORAMICA
Voto Complessivo
7.5
Articolo precedenteArise: A Simple Story Definitive Edition – Ecco il trailer delle caratteristiche esclusive per Nintendo Switch
Prossimo articoloLuce, oscurità e puzzle incredibili! LIT: Bend the Light è disponibile per le console Xbox
Sebbene sia spesso meccanicamente non al top, esteticamente esteticamente riesce a dare la sensazione di essere un "gioco di Star Wars". Le performance sono perfette, i personaggi sono avvincenti o sono abbastanza grandi da avere un impatto e la colonna sonora è presa da un film di Star Wars.  Visti i problemi che si porta dietro (dalla versione Wii) consiglio Star Wars: The Force Unleashed nel 2022 principalmente a chi come me è un'appassionato e non vuole perdersi nulla. Chi non è un'appassionato e vuole un gioco leggero, non troppo impegnativo e provare l'ebrezza di brandire le spade laser e controllarle con il motion control potrà avere buone soddisfazioni dal titolo, magari acquistandolo durante qualche fase di sconto dei giochi Switch.star-wars-the-force-unleashed-recensione-nintendo-switch