super bit blaster xl cj hellectric recensione review nintendo switch giochi games paladins nindies indie switchcorps

Che da qualche tempo si stia vivendo un ritorno dei “classici arcade” nel mondo dei videogiochi lo si è capito da tempo.

Nintendo Switch ha dato nuova vita a questa categoria di videogiochi e sempre più sviluppatori indipendenti dedicano anima e corpo alla creazione di titoli che pescano il meglio (delle volte anche il peggio) dell’epoca in cui le sale giochi ed i cabinati dominavano, non solo i mercati dei videogiochi, ma anche i pomeriggi di molti ragazzi (ed adulti).

Realizzato da una sola persona che risponde al nome di Adam Nichkerson e dei suoi NickerVisionStudios, Super Bit Blaster XL, versione aggiornata e migliorata di Bit Blaster XL uscito nel 2016, ci riporta indietro nel tempo nei primi anni ’80 per la precisione, e questa volta lo fa con l’introduzione della modalità a due giocatori ed una giocabilità migliorata.

Shoot ‘em up duro e crudo a livello hardcore, dove non esiste un finale ma il cui unico scopo è quello di totalizzare il punteggio più alto possibile per sentirsi i migliori in classifica, proprio come un tempo, la vera sfida è con noi stessi.

Non esiste salvataggio, livelli, tempo di gioco e nemmeno un copione per storia. Qui si gioca per la semplice gloria e per portare a livello superiore la propria bravura ed abilità come giocatore.

Come un gioco Atari tipo Asteroids, Missile Command o Space Invaders, si ha una sola schermata ed in quella ci si deve muovere, resistere, schivare pallottole e colpire nemici cercando di rimanere in vita il più lungo possibile. Attenzione però a non avvicinarsi troppo al bordo dello schermo altrimenti è Game Over.

Il gioco presenta due modalità: Arcade e Vs.

Arcade
Voi contro le orde di navicelle oppure voi assieme ad un amico contro le orde di navicelle. Questa seconda modalità è divertimento e caos allo stato puro. ehehe

Vs
Uno contro Uno all’ultimo colpo.

Ma come si gioca?

Una volta selezionata la modalità si passa al menù per la scelta della navicella. In tutto le navicelle presenti sono otto, ognuna con le proprie caratteristiche e dal design molto simile (citazione) alle gloriose icone del passato videoludico intergalattico. Ogni navicella ha le proprie caratteristiche che sono quattro in totale:

  • Mira
  • Velocità
  • Vita (numero di scudi all’avvio)
  • Bombe (numero di bombe equipaggiate all’avvio)

Si comincia con la navicella di default la quale presenta le caratteristiche base ovvero: mira, velocità vita e bombe scarse. Per sbloccare le altre sette navicelle con caratteristiche migliori bisogna mettersi d’impegno e raccogliere le monete che vengono rilasciate casualmente dai nemici abbattuti durante la partita.

Il gameplay è un poco ostico e di difficile padronanza (per la gioia degli Hardcore games da Shoot ‘em up) e lo si apprende sin da subito nella schermata del tutorial, dove vengono spiegati molto bene i semplici comandi da usare per prendere parte all’avventure e nel quale ci si rende subito conto di una caratteristiche di questo titolo: la navicella è in continuo movimento.

Gli unici comandi di guida a disposizione sono: la leva direzionale per un rotazione a 360°, il tasto quello rallentare la velocità e quello per il turbo. Per sparare si può scegliere, nel menù di avvio, il fuoco automatico oppure quello manuale.

Altra caratteristica di questo titolo è la durata delle munizioni. E sì! mano a mano che si spara e, a seconda del tipo di arma in uso, il conteggio si abbassa fino arrivare a zero e lì sono problemi. Per fortuna ogni navicella abbattuta, oltre a far salire il punteggio, casualmente rilascia monete da spendere per sbloccare una nuova navicella, rilasciano anche munizioni.

Non solo munizioni che si esauriscono, anche il turbo ad usarlo si consuma e l’unico modo per ricaricalo è quello di attendere che faccia la sua comparsa sullo schermo.

Per fortuna Super Bit Blaster XL non presenta solo nemici d’abbattere, pallottole da schivare e ostacoli ma rendere la nostra scalata alla prima posizione della classifica online un pochino più semplice, vengono in aiuto durante la partita ed in maniera del tutto casuale quattordici power ups (si può visualizzare la legenda e l’elenco mediante la schermata di pausa).

Alcuni di questi sono davvero utili, come il Laser, i proiettili and inseguimento quelli a frammentazione o lo scudo. Altri invece vi renderanno la partita leggermente più difficoltosa. Sceglieteli e raccoglieteli con attenzione.

Graficamente il gioco è un tributo ai titoli Atari in primis rapportato ai giorni nostri fatti di HD, suoni stereo e fluidità delle immagini.

Super Bit Blaster XL è un gioco 2D con visuale dall’alto in stile pixel, suoni retrò e una scelta cromatica povera ma non per questo brutta alla vista. Il suo fascino sto proprio in questo nel voler  volutamente riportare il giocatore indietro nel tempo.

Carina ed interessante la scelta di abbinare ad ogni navicella un tema musicale diverso.

Altra scelta interessante riguarda la suddivisone della classifica. Si hanno in fatti due classifiche differenti:

  • Una per il punteggio realizzato con l’utilizzo dell’opzione “fuoco automatico”
  • Una per il punteggio realizzato con l’utilizzo dell’opzione “fuco manuale”

Il titolo, si comporta bene sia in modalità portatile che in modalità tv, non presenta nessun calo di frame ed i comandi rispondo bene.

In conclusione

Super Bit Blaster XL è un titolo shoot ‘em up per chi cerca una sfida “alla vecchia” e non disdegna un certo livello di difficoltà e di sfida. I comandi non sono per tutti e serve pazienza e dedizione per poter apprezzare appieno questo titolo.

Sicuramente non è per tutti ma lasciarselo sfuggire sarebbe un peccato perché titoli di questo tipo , se poi fatti bene e con passione, sono l’ ABC del videogioco.

Fatelo vostro.

Pro

  • Alto livello di sfida
  • Modalità a due Giocatori sia Co-Op che Vs.
  • Musica
  • Grafica retrò
  • Lingua Italiana dei menù
  • Classifica on line

Contro

  • comandi non semplici