The Great Perhaps recensione review Krysis nintendo switch games paladins nindies indie free game demo.png

Se voi foste l’ultimo sopravvissuto della terra, cosa fareste?

The Great Perhaps vi metterà di fronte a questa terribile realtà, una storia tutta da vivere con calma, tra pericoli e viaggi nel tempo, si proprio cosi.

Titolo prodotto dai ragazzi della Caligari Games S.L. e pubblicato dal team Drageus Games S.A., questo adventure, casual, indie-singleplayer vi farà vivere un’esperienza a tratti surreale in un mondo completamente devastato da un terribile cataclisma di proporzioni globali che ha spazzato via l’intera umanità e lasciandosi dietro di se solo le rovine, di quelle che una volta erano le grandi città, mostri mutanti e quella che sembra essere una terribile ombra che non vi lascerà in pace.

Ci tengo a precisare che cercherò di evitare il più possibile spoiler di ogni sorta perché è un’avventura che va giocata.

Ma cosa centrano i viaggi nel tempo con tutto questo? Questo era solo un veloce incipit di quello che  vi aspetterà, adesso tuffiamoci in questa avventura.

La storia prima di tutto:

Voi siete un astronauta che dopo aver visto dallo spazio il devastante cataclisma che si è abbattuto sulla terra, ha deciso di andare in sonno criogenico per 1 anno, ma qualcosa non va e si risveglierà cosi dopo un sonno durato 100 anni. Che cosa è accaduto? Le comunicazioni con la terra sono interrotte e cosa sarà successo su di essa, ci sarà ancora qualcuno in vita?

Con queste e molte altre domande, e l’aiuto di L9, l’IA della navicella spaziale che vi accompagnerà per tutta la vostra avventura dandovi consigli e cercando a sua volta di starvi vicino, come farebbe una cara amica, deciderete di abbandonare insieme la stazione spaziale e di dare inizio cosi alla vostra avventura su quella che un tempo era una terra viva e verdeggiante.

Scenari e gameplay:

Una terra post-apocalittica si presenterà d’avanti ai vostri occhi, con scenari grigi e cupi, che si alternano perfettamente con i viaggi nel passato che mostreranno una terra ancora verde e ricca di persone, tutto questo grazie ad una lanterna che vi permetterà appunto di viaggiare indietro nel tempo per qualche minuto, da tenere bene a mente queste cosa.

Scenari disegnati a mano inspirati esteticamente alla cultura sovietica e gameplay si fondono insieme per creare questa atmosfera a tratti triste e cupa mentre in altri cercherà di farvi sentire calmi e al sicuro, come se foste a casa vostra e non fosse successo niente, ma non è cosi, e quando arriverà il momento, sarete trascinati nuovamente in quel triste e cupo presente.

Gameplay a scorrimento orizzontale molto basilare, potete correre, saltare e interagire con alcuni oggetti, che vi aiuteranno a procedere nella storia e a risolvere i vari enigmi e puzzle che vi si presenteranno di volta in volta, dovrete fare anche molta attenzione perché sia che siate nel presente che nel passato, alcune persone e mostri, vi potranno dare la caccia se vi vedranno quindi dovrete sfruttare al meglio gli ambienti circostanti, gli oggetti che troverete e la vostra abilità nel viaggiare nel tempo.

Opzioni e menù sono ridotti al minimo indispensabile, senza troppi fronzoli, avrete anche una sezione dove verranno salvati i livelli man mano che li raggiungerete.

Una colonna sonora cupa e malinconica vi accompagnerà lungo l’avventura, aumentando quel senso di desolazione e solitudine proposti già dagli scenari disegnati con cura anche nei dettagli.

Linee di dialogo c’è ne sono tra i vari NPC e voi farete da osservatore in alcuni casi, mentre in altri avrete modo di dare un aiuto concreto grazie alla vostra possibilità di spostarvi nel tempo.

Piccola nota a riguardo dei dialoghi e del gioco in se, non è presente la localizzazione in italiano ma si può giocare tranquillamente in inglese vista la possibilità di avere anche i sotto titoli, di facile comprensione il tutto senza grandi difficoltà.

Non è inoltre un gioco lunghissimo o con meccaniche da hardcore-gamer, il vero fulcro è la storia che vi verrà presentata e sarete voi a decidere se infondo vi è piaciuta o meno, dal conto mio devo dire che mi ha lasciato stranito si ma in senso positivo alla fine, perché non credevo potesse andare cosi. Ma sarete voi stessi a giudicare la storia, secondo il vostro gusto personale.

Curiosità e considerazioni finali:

il gioco è stato rilasciato inizialmente su Windows PC, Mac e Linux tramite Steam il 14 agosto 2019, mentre in questi giorni arriva su Nintendo Switch, PlayStation 4 e Xbox One, esattamente il 10 luglio.

Io lo giocato su Nintendo Switch, la versione normale non light, per questioni di portabilità e mi sono trovato veramente bene con i comandi sempre fluidi, anche se già di suo il gioco non da una risposta immediata e veloce ma fa parte di un gameplay tranquillo, va giocato senza fretta questo titolo, va quasi vissuto.

Seppur non avendo una grandissima longevità e i puzzle ambientali non sono cosi difficili da risolvere, il titolo è godibile e ci immergerà a pieno in questa avventura dai toni cupi.

Tra i pro e i contro ho volutamente omesso la storia ma ho inserito una nuova voce, la Sni: “molto particolare, non è il classico gioco” perché deve piacere, ma non fatevi spaventare da queste mie parole, a me è piaciuta come storia ma la sua longevità e rigiocabilità né risentono parecchio. Pesante a tratti e cupo lungo lo svolgimento della storia, avrà anche però dei momenti di apparente tranquillità.

Quindi per concludere, non volete il classico gioco di turno tutto pompato e vistoso?

Bene The Great Perhaps vi farà vivere una storia, al giusto prezzo, non lunghissima, ma che vi lascerà con quel non so che, che non so spiegarvi nemmeno io a dirla tutta, ma che non sa di già visto.

Pro

  • Comandi semplici ed essenziali
  • Un sonoro che va a completare l’atmosfera creata già dagli splendidi scenari disegnati a mano
  • Il prezzo
  • (SNI) Molto particolare, non è il classico gioco

Contro

  • Qualche piccolo bug ma niente di eccessivo e che non vi blocca del tutto nell’avanzare nella storia
  • Longevità del titolo e rigiocabilità
Un'avventura che va giocata
RASSEGNA PANORAMICA
Sonoro
8.6
Grafica
8.4
Longevità
7.5
Rigiocabilità
7.5
Gameplay
8.0
Articolo precedenteCrea il tuo gioco con PlataGO! Super Platform Game Maker!
Prossimo articoloWatch Dogs: Legion, Ubisoft rivela le diverse versioni del gioco
Che dire mi piacciono i videogames fin da quando ero piccino, passione per anime e manga c'è, insomma mi piace viaggiare di fantasia.