trine-2-complete-story-recensione-review-nintendo-switch-games-paladins-nindies-indie

Molte delle storie raccontante nel genere fantasy si svolgono in un’ambiente fantasy. Case dal tetto di paglia, re e regine che regnano in tempi di pace, principesse in pericolo e prodi cavalieri che si lanciano al loro salvataggio.

Ma tutti vengono accomunati da una caratteristica: il ritorno delle forze del male. In un fantasy medievale che si rispetti non può mancare il ritorno di un’antica forza malvagia che sconvolge il periodo di pace di un regno e, sempre come da “prassi”, un gruppo di eroi riuscirà a sconfiggere il male riportando la pace nelle loro terre.

Dopo questa piccola premessa, vi parlerò della mia personale esperienza con Trine 2: Complete Story.

Frozenbyte, lo studio originario della Finlandia che si è occupato della realizzazione e dello sviluppo del titolo, ha portato sulla console ibrida di casa Nintendo il secondo capitolo in forma completa completo di una delle sue serie di punta dando finalmente la possibilità ai fan della grande N di poterlo giocare qualora avessero mancato l’occasione di provarlo quando uscì la prima volta su WiiU.

Codici di giochi, abbonamenti, Gift Cards
Promozioni, Sconti, Codici, Offerte, Xbox One, Nintendo Switch, game code

Non appena inizieremo la nostra nuova partita in Trine 2: Complete Story ci verrà rivelata la storia che funge da incipit, ma che non sempre riesce a decollare come si deve nonostante s’impegni per esserlo: il Trine, una misteriosa reliquia magica dalla potenza sconosciuta, richiama alle armi tre personaggi per difendere il regno da una minaccia sconosciuta ma di una potenza tale da poterlo far cadere nel caos e nell’oscurità.

I tre eroi, che saranno i protagonisti della nostra storia, posseggono ognuno una serie di abilità e capacità diverse, e a volte contrastanti tra loro, ma che permetteranno al gruppo di poter affrontare al meglio i pericoli e le minacce che verranno.

Essi sono Amadeus, il mago , l’elemento più potente e sensibile del gruppo, anche se non il più coraggioso. Poi abbiamo  Pontius, il cavaliere senza paura che ama il buon cibo, bere e combattere. Ed infine Zoya, la ladra misteriosa, nessun nemico ha mai scoperto la sua presenza dato che si muove silenziosamente come un’ombra nell’oscurità.

In questo platform 2D dovremo soprattutto risolvere enigmi, dalla difficoltà variabile ma non troppo proibitivi di cui solo alcuni necessitano di qualche secondo in più per comprenderne la risoluzione, utilizzando le abilità peculiari appartenente a uno dei personaggi o combinandone due o di tutti e tre alternandoli per riuscire a superare un ostacolo particolarmente ostico.

Il mago Amadeus può utilizzare i suoi poteri cinetici per muovere piccoli oggetti presenti nello scenario come una roccia che blocca la strada oppure un tronco così da poter attraversare lo spazio tra una piattaforma e l’altra senza problemi. Inoltre, può creare anche dei cubi di metallo che potremo usare sia come piattaforma per raggiungerne un’altra più elevata che per far abbassare alcuni oggetti.

Il cavaliere Pontius potrà parare qualsiasi attacco nemico o qualsiasi oggetto che gli cada addosso, prevenendo danni inutili, e attaccare ogni nemico con la sua spada o il suo potente martello.

Infine, la ladra Zoya può servirsi del suo arco per attaccare avversari ignari della sua presenza oppure per far cadere oggetti lontani e non facilmente raggiungibili, oltre a essere l’unica proprietaria di un’utile rampino e l’unica a poter effettuare un doppio salto vicino a un muro.

Trine 2: Complete Story può essere giocato non solo da soli ma anche in compagnia di altri giocatori. Infatti, è presente anche una componente multiplayer sia in locale, così da ripartire fino a tre giocatori il “peso” della missione e il divertimento dell’avventura in compagnia di due amici comodamente usando due Joy-Con comodamente a casa, che online trovando compagni di fortuna con cui dividere la gloria delle vostre gesta, risultando una meccanica molto importante nella sua semplicità che rende il titolo ancor più godibile e piacevole da giocare.

Dal punto di vista tecnico Trine 2: Complete Story si presenta con un comparto grafico davvero ben realizzato, nonostante su Nintendo Switch la risoluzione non sia delle migliori rispetto alle altre console e il framerate a volte sia un po’ “ballerino”.

L’ambiente fantasy e medievale viene rappresentato con cura mettendo in risalto soprattutto lo splendido lavoro di luci e ombre, risultando nel tutto un’esperienza visiva di gran gusto.

Il comparto sonoro rende tutto più magico con una colonna sonora ben realizzata. Da segnalare l’assenza della lingua italiana in ogni sua forma, ma non risulta un ostacolo che potrebbe incidere sul vostro futuro acquisto.

Trine 2: Complete Story è un buon titolo che riesce a coinvolgere l’utente con i suoi rompicapo non troppo complicati ma che richiedono anche più di uno sforzo in alcune occasioni.

Se cercate un titolo che possa tenervi impegnati per un po’ avete il gioco che fa per voi. Al costo di € 16,99 potete acquistarlo dall’eShop per trascorrere qualche ora di divertimento, soprattutto se passate in compagnia dei vostri amici giocandolo in locale, anche se la trama è un tasto dolente sul quale avrebbero potuto lavorarci di più ma risulta comunque godibile e adatto a un pubblico vario, ma non troppo giovane.

compworld smartphone, pc, tablet, vendita, assistenza, riparazione

Il nostro voto: 7.5

Pros

Pro
  • Personaggi ben caratterizzati
  • Puzzle alla portata di tutti
  • Grafica e sonoro si comportano molto bene

Cons

Contro
  • Trama non troppo coinvolgente
  • Framerate incerto
  • Mancanza dei controlli touch

RASSEGNA PANORAMICA
Voto Complessivo
7.5
Articolo precedenteUn nuovo video ci mostra le diverse modalità di gioco che troveremo in Xenon Racer
Prossimo articoloBlack Forest Games annuncia la data di rilascio di Fade to Silence per Xbox One e PC
Allevato dai bit del Commodore 64, ho sviluppato una passione col crescere del tempo che non ho mai rimpianto o sostituito con altro. Cresciuta di console in console, ho deciso di intraprendere la via della tastiera per cimentarmi nell'unica cosa in cui sarà bravo, forse, in tutta la mia vita... Parlare di videogiochi!