Trine-4-recensione-review-nintendo-switch-giochi-games-paladins-nindies-indie

Molte sono le storie da raccontare. Nonostante sembri che non ci sia più nessun idea da tirare fuori, ci sarà sempre qualche punto interrogativo da sviscerare e finché i nostri eroi vivranno le loro avventure non smetteranno di esistere. Trine 4: The Nightmare Prince, il gioco di cui vi parlerò oggi, ne è un esempio.

Frozenbyte, lo studio che si è occupato della realizzazione e dello sviluppo di questo titolo pubblicato da Modus Games, porta il nostro eroico trio in una nuova ed entusiasmante storia in cui li vedremo ancora una volta collaborare per la salvaguardia del mondo affrontando un male oscuro che cercherà di ostacolarli in ogni occasione a essa possibile.

Non appena inizieremo la nostra avventura in Trine 4: The Nightmare Prince verremo immersi fin da subito nella storia senza però, ahimè, avere un riassunto delle gesta trascorse nei tre capitoli precedenti.

Questo stratagemma può far storcere il naso ai fan di vecchia data ma, almeno dal mio punto di vista, non è del tutto un male visto che in questo modo i nuovi giocatori che si avvicinano per la prima volta al brand non si sentiranno esclusi ma invece, se riesce nel suo intento il gioco, può coinvolgere così tanto i curiosi che andranno poi a ritrovo acquistando i primi tre per scoprire come tutto ha avuto origine.

In questo quarto capitolo ci verrà presentato brevemente ognuno dei tre nobili eroi di Trine partendo da Amadeus, il saggio mago con l’abilità di muovere e spostare oggetti a piacimento e creare cubi dal nulla per poter creare utili sostegni da utilizzare per raggiungere le sporgenze più alte, il nobile cavaliere Pontius che con la sua lama e la sua forza possente riesce a sgominare anche il più malvagio dei demoni e infine abbiamo Zoya, la furba ladra che mostrerà le sue abilità sopraffine nell’uso dell’arco e del rampino con corda con cui riuscirà sempre a togliersi dai guai.

Ognuno dei tre protagonisti verrà introdotto tramite un livello interamente dedicatogli in cui apprenderemo le proprie abilità e in che modo è stato incaricato della missione che alla fine li farà incontrare di nuovo, ovvero la scomparsa del principe Selius che, durante i suoi studi presso l’Accademia Astrale per aumentare le sue abilità nella stregoneria, è scomparso senza lasciare alcuna traccia, anche se il motivo della scomparsa ci viene mostrato attraverso alcune cutscene in cui capiremo che il principe, nonostante abbia una dote innata nell’uso della magia, ha un carattere alquanto presuntuoso che lo porterà ad avere un divieto temporaneo nell’uso dei suoi poteri da parte dei suoi maestri ma, essendo appunto presuntuoso, non lo accetterà e inizierà a studiare un tomo magico incustodito.

Purtroppo, questa scelta manderà in confusione quel delicato equilibrio tra il mondo reale e quello onirico e libererà delle creature oscure che inizieranno a perseguitarlo.  Ai nostri eroi quindi non resta che mettersi in viaggio per svelare questo mistero e salvare il principe da questo nuovo pericolo, unendo ancora una volta le forze così da riportare di nuovo la pace nel regno.

I componenti nostro magnifico trio, durante il corso della loro avventura, impareranno nuove abilità che gli permetteranno di affrontare e risolvere i numerosi enigmi ambientali in cui potranno imbattersi e che li ostacoleranno nel compimento della loro ardua missione, oltre ad affrontare al meglio delle loro possibilità le creature nemiche che si parleranno dinanzi.

Dal punto di vista tecnico Trine 4: The Nightmare Prince si presenta con un comparto grafico notevole, che mette in mostra la bravura nella cura dei dettagli posta dai ragazzi dello studio di sviluppo confermando ancora una volta la alta qualità tecnica già vista nei precedenti capitoli.

Il comparto sonoro svolge bene il suo ruolo d’accompagnamento e di sottofondo alle nostre avventure, rendendole perfettamente godibili e facilmente scorrevoli.

Da segnalare la presenza dei sottotitoli in italiano che accompagnano l’ottimo doppiaggio in italiano.

Caratteristiche principali

  • Stupendi paesaggi 2.5D. Livelli dal design unico con una fantastica grafica 2.5D, passando da rovine mozzafiato a tombe infestate fino a placidi boschi di betulle e foreste di mirtilli.
  • Modalità multigiocatore locale e online. Gioca con un massimo di 4 giocatori in modalità co-op locale o online.
  • Rompicapi dinamici: una serie di rompicapi in ogni livello sarà leggermente modificata per offrire maggiori sfide e incoraggiarvi a collaborare quando giocate in modalità multigiocatore. Queste cambieranno ai checkpoint se un giocatore è entrato o uscito nel mezzo del livello.
  • Modalità classica e illimitata: All’inizio di una partita, potete scegliere di giocare in modalità Classica (ogni personaggio può essere usato una sola volta) o Illimitata (un dato personaggio può essere usato più volte). In modalità Classica, alcuni puzzle sono diversi per il multiplayer, mentre nella modalità Unlimited la maggior parte degli enigmi sono modificati per il multiplayer.
  • Ricchi alberi delle abilità. Sblocca nuove e varie fantastiche abilità.
  • Sistema di combattimento completamente rinnovato. Vivi i raccapriccianti incubi dell’eroe durante i combattimenti con i boss, con un sistema di combattimento arricchito da nuove sfide e tanta azione!
  • Una colonna sonora incredibile. Goditi la bellezza di una colonna sonora che dona vita a ogni nuovo ambiente.

Trine 4: The Nightmare Prince riesce a farsi giocare anche senza aver affrontato le tre precedenti avventure, suscitando però in coloro che non le conoscono la voglia di recuperarle per meglio approfondire i fatti.

Anche se di idee per continuare il brand ormai, secondo il mio parere, non ne sono rimaste molte, risulta un degno continuo delle avventure di questo trio assortito e che riesce a farsi voler bene anche se non ci saranno molti dialoghi tra loro.

Una storia notevole, una grafica ben curata e il doppiaggio nella nostra lingua risultano essere tre punti forti nella vostra decisione di acquisto rendendo vano, o quasi, i vostri dubbi a riguardo.

Al costo di € 34,99 offre un ottimo rapporto con la qualità del gioco e con quello che ha da offrire.

Il nostro voto: 8.5

Pro

  • Storia notevole
  • Grafica ben curata
  • Difficoltà ben equilibrata
  • Cooperativa locale e online

Contro

  • Rigiocabilità limitata
  • Non adatto a tutti

RASSEGNA PANORAMICA
Voto Complessivo
8.5
Articolo precedenteIchidant-R e Columns II, mai pubblicati prima in Occidente, arrivano oggi in SEGA Ages
Prossimo articoloGRID – Recensione Xbox One
Allevato dai bit del Commodore 64, ho sviluppato una passione col crescere del tempo che non ho mai rimpianto o sostituito con altro. Cresciuta di console in console, ho deciso di intraprendere la via della tastiera per cimentarmi nell'unica cosa in cui sarà bravo, forse, in tutta la mia vita... Parlare di videogiochi!