Ultra Hat Dimension recensione review CJ Hellectric nintendo switch games paladins nindies indie free game demo.png

Puntuale come un orologio svizzero ecco arrivare tra le mie mani (o meglio, sulla mia Nintendo Switch) l’ennesimo porting targato Ratalaika Games. Questa volta si tratta di un puzzle game colorato, simpatico a tratti rilassante realizzato da Kitsune Games e portato su console dalla sopracitata Ratalaika Games. Il nome del gioco? Ultra Hat Dimension!

Trama

Bea, una ragazza del pianeta terra, vince la gara di disegno dei cappelli indetta dal regno di Spluff e, mediante un biglietto magico, la protagonista, viene catapultata nel regno di Spluff, un mondo felice abitato dai cappelli di varie specie. Arrivata al castello dove si tiene la cerimonia, viene accolta benevolmente dagli abitanti che, incuriositi da questa presenza umana, si avvicinano tutti sorridenti.”

“Ma non tutti sono felici di avere visite dall’altro mondo! Passano pochi attimi ed ecco che un cappello (il cattivone?) geloso di Bea e delle attenzione che lei sta ricevendo, si chiude in una stanza, indossa un cappello magico e… pluff! Lancia un incantesimo sugli abitanti di Spluffolandia i quali abbandonano la serenità e tolleranza gli uni verso gli altri e cominciano a… darsi dei sonori cazzotti.  A questo punto Bea scappa attraverso il regno alla ricerca dell’autore di codesta malefatta. Motivata dal fare chiarezza sulla faccenda si imbatte, strada facendo, negli abitanti “impazziti” del regno… “

Riuscirà la nostra eroina a risolvere il mistero del regno di Spluff?

Il Gioco

Ultra Hat Dimension! è un puzzle game 2D con grafica pixel (mi ha ricordato molto l’era Game Boy Color) basato su adorabili cappelli ed abitanti impazziti che fanno a cazzotti solo per indossarli.

La fregatura è che Bea, la protagonista, non può picchiare nessuno; Lei può soltanto utilizzare il potere dei cappelli per convincere le diverse fazioni, quattro in totale, a fare a cazzotti al posto suo, superare i 75 livelli divisi in 5 mondi e raggiungere così il cattivone a fine avventura.

Gameplay

La giocabilità del titolo è semplicissima: tasti direzionali per muoversi, un tasto per tornare indietro di una mossa, un tasto per ricominciare il livello ed infine un tasto per consultare gli appunti (questa opzione si sblocca da un certo livello in poi)

Il gioco è suddiviso in dungeons brevi dove bisogna raccogliere la chiave e raggiungere l’uscita. Al suo interno si trovano gli abitanti che indossano i cappelli pronti ad ostacolarci e colpirci se passiamo troppo vicino a loro. Il livello non è altro che un tabellone di gioco con caselle invisibili. Gli abitanti gli ostacoli fissi da evitare. Ed è questo il fulcro del puzzle: gli abitanti.

Questi piccoli esseri possono essere spostati, si possono far scontrare tra di loro purché facciano parte di due casate differenti o, semplicemente, si possono illudere indossando il cappello della loro fazione. Ogni tecnica è buona per trovare la giusta strada per raccogliere la chiave ed aprire la porta per il livello seguente.

Non ci sono vite, energia o tempo da rispettare.

Ad inizio gioco la meccanica sembra ostica, una volta presa la mano però ci si ritrova a divertirsi ed anche, in alcuni tratti, a rilassarsi.

Più si prosegue con l’avventura più si apprendono nozioni di gioco che ci danno una mano a raggiungere l’uscita di ogni dungeon. Attenzione però! Non sarà sempre facile raggiungere l’uscita! Per questo è presente un sistema di reboot che ci fa tornare indietro di una o più mosse. Nel caso più estremo possiamo ricominciare lo schema da capo.

Tra un livello e l’altro ci verrà svelata la storia del gioco mediante una schermata colorata che vede la protagonista camminare, sotto di lei un fumetto con all’interno i suoi pensieri e considerazioni. Volete sapere come andrà a finire? Raggiungete la fine del gioco e lo scoprirete.

Caratteristiche tecniche

Il titolo non supporta la modalità touch ma supporta: dati salvataggio in cloud, modalità da tavolo e da TV. Ovviamente anche la modalità portatile. Il gioco si comporta bene sia sulla TV che tra “le nostre mani”. Non ho riscontrato bug o cali di frame. D’altronde è un gioco di appena 89 Mb.

Musica e Audio

Piatto forte di questo titolo sono le musiche. Perfette per un titolo del genere: musica “da banda” marce allegre si alternano con altre più d’atmosfera. Per questo gioco colorato ed happy sono un must

Localizzazione

Oramai mi sono stancato di scriverlo: non è presente la lingua italiana. Presenti le seguenti lingue: Tedesco, Inglese, Spagnolo, Francese, Giapponese, Portoghese, Russo

Conlclusione

Ultra Hat Dimension! è un buon puzzle game che diverte grazie ad un gameplay e ad una meccanica di gioco semplice.

La curva di difficoltà, così come la longevità, risultano ben bilanciate e, nonostante ci sia il rischio di ripetitività, diverte e non annoia.

Un gioco per le vacanze o per i semplici momenti di relax da passare con la nostra Nintendo Switch.

Pro

  • Numero di livelli
  • Colonna sonora
  • GIocabilità
  • Impostazione della Storia

Contro

  • Assenza lingua italiana
  • Rischio Ripetitività
RASSEGNA PANORAMICA
Voto
8.5
Articolo precedenteCubers: Arena – Recensione Nintendo Switch
Prossimo articoloI Transformers prendono parte allo scontro in World of Warships
#indiependentgamer Bass Player & VideoGame Music Composer. Anime, Manga & Comics Lover. Sport Lover.