spot_img
spot_img

Scorn – Recensione Xbox Series X

Advertising

Il survival horror è il mio genere preferito di tutti i tempi, quindi quando Game Pass offre un titolo anche lontanamente vicino a questo, sono lì pronto a provare per vedere quanto il titolo mi coinvolge. Dal trailer, Scorn sembrava adattarsi perfettamente al lato oscuro dei miei gusti di gioco.

Le mie prime impressioni complessive sul gioco non sono state eccezionali a dire il vero. Mentre ho subito amato l’atmosfera desolata creata dai luoghi raccapriccianti che ricordano Aliens (il film).

Non mi è piaciuto risolvere il primo enigma tanto quanto il resto. Mi sono ritrovato a vagare da una stanza all’altra e un po’ perplesso dal numero di interazioni disponibili. Una volta che mi sono finalmente stabilito su dove focalizzare la mia attenzione, mi sono sentito come se l’inerzia del gioco fosse esaurita.

Questa è l’unica parte del gioco in cui ho fatto ricorso al controllo di una procedura dettagliata per vedere se ero nel posto giusto e stavo facendo la cosa giusta. È raro che utilizzi una procedura dettagliata, questo mostra quanto mi sentissi scoraggiato. Ripensandoci, se fossi stato un po’ più paziente, penso che avrei potuto risolvere questo enigma senza cercare nulla.

Molti giocatori potrebbero sentirsi allo stesso modo a questo punto, quindi penso che questo primo puzzle svolga il ruolo di una prova del fuoco per i giocatori. Se lo superi, probabilmente rimarrai per il resto del viaggio. In contrasto con il primo enigma, ho sentito che il gioco ha mantenuto il suo flusso attraverso gli enigmi successivi.

Sì, ho passato del tempo a girovagare senza sapere bene dove andare, ma mi è sembrato molto più propositivo rispetto all’inizio. Se sei un pignolo, potresti dire che il primo puzzle ti dà gusto per lo stile del gioco. Tuttavia, secondo me, quel primo enigma dovrebbe attirarti, non respingerti.

L’atmosfera creata dall’artwork e dalla musica è una grazia salvifica per Scorn, il combattimento certamente no. Parliamo prima dell’atmosfera del gioco. Se, come me, ami l’atmosfera sterile e apocalittica di un videogioco, questo aspetto del titolo ti darà tanto. Non posso che complimentarmi con gli sviluppatori per come hanno abbinato musica e suoni atmosferici al gameplay mentre vaghi per terre desolate deserte o proibiti tunnel sotterranei. Questo aspetto del design di Scorn sembra un capolavoro.

Non c’è molta tavolozza di colori di cui parlare, è noiosa e triste e mi ha ricordato in gran parte sangue, ossa e carne in decomposizione. Direi che questo è stato fatto apposta in quanto aggiunge alla disperazione che provi per il personaggio. Inoltre, la musica sale con un’intensità incredibile proprio nei momenti giusti. Ho giocato con le cuffie per l’intera esperienza e spesso ho sentito l’emozione catturarmi nel petto mentre magnifiche strutture apparivano avanti, con il giusto accompagnamento musicale malinconico e culminante.

Le armi, sebbene visivamente macabre come ti aspetteresti, lasciavano molto a desiderare in termini di funzionalità. Era ingombrante cambiarle, ricaricarle, usarle. Ove possibile, la mia missione è stata quella di estrarre con cura le munizioni per le altre pistole in modo da non dover usare quella di base. Per fortuna, in alcuni punti potresti sgattaiolare oltre i nemici senza dover affrontare il doloroso combattimento.

E’ tutto molto raccapricciante in Scorn . Tuttavia, in alcuni punti il ​​gioco diventa davvero orribile. Per alcune persone questo potrebbe essere semplicemente troppo. Se sei troppo delicato dovrai fare attenzione. Ci sono stati alcuni momenti scelti in cui ho pronunciato un “Ma che *@##!” ad alta voce. Ci sono scene a cui assisti e interazioni che devi avviare che sono piuttosto ripugnanti. Quindi, preparati.

Penso che Scorn sia uno di quei giochi in cui dovresti trarre le tue conclusioni sulla storia. Non volendo rovinare il gioco agli altri, non condividerò qui troppo delle mie deduzioni. Quello che dirò è che se stai cercando un gioco che ti fornisca una trama chiara, non è questo.

Sono contento di essere riuscito a giocare a Scorn tramite il mio abbonamento a Game Pass. A questo proposito penso che sia un grande gioco da avere su questo servizio dato che sicuramente non lo avrei comprato a prezzo pieno. Vale la pena acquistarlo in sconto, ma il combattimento goffo, l’introduzione rocciosa e la durata relativamente breve del gioco mi rendono difficile consigliare di spendere i soldi per acquistarlo. Tuttavia, se hai Game Pass e sei pronto a risolvere alcuni macabri enigmi in luoghi desolati e inquietanti, Scorn fa per te.

Conclusioni

Sono contento di essere riuscito a giocare a Scorn tramite il mio abbonamento a Game Pass. A questo proposito penso che sia un grande gioco da avere su questo servizio dato che sicuramente non lo avrei comprato a prezzo pieno. Vale la pena acquistarlo in sconto, ma il combattimento goffo, l'introduzione rocciosa e la durata relativamente breve del gioco mi rendono difficile consigliare di spendere i soldi per acquistarlo. Tuttavia, se hai Game Pass e sei pronto a risolvere alcuni macabri enigmi in luoghi desolati e inquietanti, Scorn fa per te.

Ultimi articoli

spot_img

Related articles

spot_img
Sono contento di essere riuscito a giocare a Scorn tramite il mio abbonamento a Game Pass. A questo proposito penso che sia un grande gioco da avere su questo servizio dato che sicuramente non lo avrei comprato a prezzo pieno. Vale la pena acquistarlo in sconto, ma il combattimento goffo, l'introduzione rocciosa e la durata relativamente breve del gioco mi rendono difficile consigliare di spendere i soldi per acquistarlo. Tuttavia, se hai Game Pass e sei pronto a risolvere alcuni macabri enigmi in luoghi desolati e inquietanti, Scorn fa per te.Scorn - Recensione Xbox Series X